` A Expo 2015, l'impegno di un produttore di olio d'oliva per la sostenibilità - Olive Oil Times

A Expo 2015, l'impegno di un produttore di olio d'oliva per la sostenibilità

Agosto 3, 2015
Ylenia Granitto

Notizie recenti

Expo Milano 2015 è l'Esposizione Universale ospitata dall'Italia dal 1 maggio al 31 ottobre 2015, basata sui temi dell'alimentazione e della nutrizione. "Nutrire il pianeta, energia per la vita ”è il tema centrale dell'evento con oltre 140 partecipanti tra cui paesi, organizzazioni internazionali e organizzazioni della società civile, all'interno di una struttura di 1.1 milioni di metri quadrati.

Expo 2015 è una grande opportunità per parlare al mondo.- Francesco Coppini

L'Expo è una vetrina per le migliori tecnologie alimentari di tutto il mondo per i stimati 20 milioni di visitatori che possono sperimentare l'eccellenza della gastronomia tradizionale di ogni paese e godersi gli eventi che si terranno nei vari padiglioni, come conferenze, concerti e mostre.

L'obiettivo è educare le persone allo sviluppo e all'uso di alimenti sani, sicuri e rispettosi per tutti gli abitanti del nostro pianeta.

Il sito espositivo è diviso in quattro aree da due assi principali, Cardo e Decumano, ispirati alla struttura delle antiche città romane. Il primo, lungo 350 metri, è interamente occupato dal padiglione italiano con le aree espositive di regioni, province, comuni e specialità italiane. Il secondo, lungo più di un chilometro, è dedicato ai padiglioni di altri paesi.

Il cluster Bio-Mediterraneum si basa sulla dieta e sullo stile di vita mediterranei. Collega Albania, Algeria, Egitto, Grecia, Libano, Malta, Montenegro, San Marino, Serbia, Tunisia e Regione Siciliana - partner ufficiale del cluster e coordinatore delle sue attività - e pone particolare enfasi sulla partecipazione e l'integrazione delle culture .

pubblicità

Lungo il Cardo, tra le aziende alimentari e delle bevande (Lavazza, San Pellegrino, Granarolo, Citterio, Birrificio Poretti, Martini e Rossi) troviamo l'unico produttore EVOO in collaborazione con il Padiglione Italia: Coppini Arte Olearia.

È collocato in una porzione del padiglione chiamato Piazza dell'olio d'oliva e dell'olivo (Piazzetta dell'Olio e dell'Olivo) dove gli ambasciatori del gusto intrattengono gli ospiti, fornendo informazioni sul mondo dell'olio extra vergine di oliva: tecniche di degustazione, abbinamento di cibi e salute benefici. Coinvolgono i visitatori nell'esperienza di degustazione dell'olio d'oliva, suggerendo alcuni principi di base dell'analisi sensoriale con la distribuzione di un manuale di degustazione.

"Expo 2015 è una grande opportunità per parlare con il mondo. Vogliamo offrire consapevolezza e conoscenza ai consumatori ", ha affermato Francesco Coppini. Gestisce l'azienda di famiglia con suo padre Ernesto e i suoi fratelli Paolo, Matteo e Pier Luigi.

Coppini ci ha spiegato che la gestione logistica dell'azienda si trova a Parma, in Emilia Romagna, e le aree di produzione sono in Abruzzo, Puglia e Sicilia. In queste regioni, l'associazione degli olivicoltori italiani collabora con l'azienda per la gestione degli oliveti - tra cui Dritta (Abruzzo), Ogliarola e Coratina (Puglia), Biancolilla e Nocellara (Sicilia) - e le strutture di spremitura.

Oliveti di Coppini Arte Olearia

Il processo di produzione è certificato dagli impianti al tavolo del cliente, attraverso una certificazione di tracciabilità e una carta d'identità sull'etichetta, al fine di affermare in modo chiaro e trasparente l'origine dei prodotti.

La cosa che abbiamo apprezzato, in linea con il concetto di Expo 2015, è l'attenzione rivolta allo sviluppo sostenibile. La sede centrale di Coppini Arte Olearia si chiama "Green Factory ", in quanto progettato in conformità con il progetto dell'Unione Europea noto come 20 - 20-20 che fornisce da 2020 un aumento percentuale dell'20 nell'uso di fonti di energia rinnovabile e la riduzione percentuale dell'20 delle emissioni di gas serra.

La struttura è alimentata dall'energia ottenuta utilizzando un impianto fotovoltaico e geotermico. L'obiettivo finale è quello di raggiungere a "100 - 100-2020 ", raggiungendo l'autosufficienza attraverso l'uso esclusivo di energia pulita entro il 2020.

"Il nostro mulino sperimentale a Castelvetrano, in Sicilia, funziona attraverso un sistema speciale che riduce l'uso dell'acqua per la produzione e vogliamo estendere un metodo di produzione ecologico a tutte le nostre strutture ", ha spiegato Coppini. "Abbiamo una grande responsabilità nei confronti dell'ambiente e accettiamo totalmente la filosofia di Expo basata sull'impegno per una distribuzione sostenibile ed equa delle risorse alimentari. "

Related News

Feedback / suggerimenti