Territori extra vergini che potresti non conoscere

Alcune regioni meno conosciute danno vita ad oli extravergine di oliva di alta qualità dalle caratteristiche inaspettate.

Monica Vaccarella durante la vendemmia
Può. 11, 2017
Di Ylenia Granitto
Monica Vaccarella durante la vendemmia

Notizie recenti

Sono abbastanza sicuro che quando sentiamo parlare del Trentino-Alto Adige / Südtirol, la maggior parte di noi pensa allo speck, allo strudel e al Muller-Thurgau. Lo stesso succede con la denominazione della Valpolicella veneta, che ricorda alcuni buoni vini rossi. Nonostante ciò, non dovrebbe sorprendere nessuno che alcune porzioni di queste due regioni siano dedicate alla coltivazione degli ulivi e alla produzione di grandi oli extra vergini di oliva.

Sono contento quando la gente apre la bottiglia del mio olio e si eccita.- Monica Vaccarella

C'è una parte della provincia di Trento che è temperata dagli effetti mitigatori del Lago di Garda e gode di un clima submediterraneo con inverni moderatamente freddi ed estati calde, condizioni ideali per la coltivazione di ulivi fino a 300 metri di altitudine (984.2 ft ).

Gli uliveti di Olio Cru ad Arco, Trento

A pochi chilometri dalle sponde settentrionali del lago, nei territori di Arco, Bolognano e Massone, rigogliosi uliveti danno vita a 7c, un olive oil producer e tre volte vincitore del Gold Award al concorso internazionale dell'olio d'oliva di New York (incluso uno dei migliori nella categoria 2016).

"2,000 piante, per lo più Casaliva, giacciono sulle pendici della collina che domina la città di Arco, in parte radicate su terrazze e in parte fiorenti sul ruvido fianco di una collina ”, ha dichiarato il responsabile della produzione, Massimo Azzolini. "Il terreno impegnativo rende la raccolta complessa e, anche se in alcuni appezzamenti possiamo utilizzare facilitatori meccanici, gran parte del lavoro è manuale ”, ha sottolineato.

La raccolta inizia di solito nell'ultima settimana di ottobre; l'oro liquido che ne esce è fruttato da leggero a medio, moderatamente speziato e amaro, con sentori di mandorla, carciofo ed erba. "Parte del nostro prodotto è fatto con olive deperte che devono essere raccolte quando sono verdi almeno per il 70% ", ha spiegato Azzolini, aggiungendo che la raccolta deve essere anticipata per catturare i frutti all'inizio del invaiatura, in modo da ottenere un prodotto caratterizzato da un deciso piccante e fruttato.

Olio Cru

Spostandoci in Veneto, la Valpolicella è la denominazione di origine protetta di un extravergine olive oil prodotto nella zona situata sulla sponda destra del fiume Adige. Monica Vaccarella gestisce 1.5 ettari (3.7 acri) di uliveto con 500 piante ad un'altitudine di 400 metri (1,312 piedi), ad Avesa, tra la Val Borago e la Val Gavina.

A due passi da Verona, le varietà autoctone Grignano e Favarol affiancano il più diffuso Frantoio, Pendolino, Leccino e Leccio del Corno. "Produco due miscele, di cui il Veneto Valpolicella DOP è il mio fiore all'occhiello ”, ha dichiarato Vaccarella, spiegando che combina il 60 percento delle cultivar locali con le altre in conformità con le specifiche del prodotto della denominazione di origine protetta che richiede che a almeno la metà dell'olio extra vergine di oliva è di origine autoctona.

Monica Vaccarella durante la vendemmia

"Queste due varietà locali rendono piacevole l'olio, mentre la raccolta precoce dà energia e consente al gusto di espandersi con formidabile amarezza e piccantezza ", ha detto la nostra produttrice descrivendo il suo olio extra vergine di oliva con aromi di frutta bianca, erba e basilico.

Gli ulivi sono stati piantati dal padre Angelo 27 anni fa, e lei ha iniziato a gestire l'oliveto nel 2010. Eseguono una potatura cosiddetta equilibrata che aiuta ad evitare l'alternanza biologica di alte e basse rese. "È un lavoro certosino e drenante che richiede due mesi da quando operiamo sui rami più piccoli ”, ha rivelato Vaccarella.

Tuttavia, il paesaggio piatto facilita il raccolto e in un giorno possono raccogliere da 800 a 1,000 chilogrammi (1,764 - 2,205 libbre) di olive. "Li schiacciamo entro 6 ore, questo è l'unico modo per ottenere il massimo dai frutti e raggiungere un livello di acidità così basso ", ha osservato. "Sono contento quando le persone aprono la bottiglia del mio olio e si eccitano ”.


Related News

Feedback / suggerimenti