`Teme che la malattia possa provocare un disastro per gli ulivi d'Europa - Olive Oil Times

La paura delle malattie potrebbe creare un disastro per gli ulivi d'Europa

Ottobre 30, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

produzione-mondo-olio-d'oliva-tempi-bruciature
Nerium oleander infetto da un ceppo mortale del batterio Xylella fastidiosa. Da Phoenix, Maricopa Co., Arizona, USA. (Wikipedia)

C'è grave preoccupazione nel settore dell'olio d'oliva europeo per la prima apparizione di una malattia delle piante che si dice abbia già infettato decine di migliaia di ulivi - molti dei quali centenari - nella regione italiana della Puglia.

Gli scienziati hanno raccomandato di sradicare e distruggere gli alberi malati in mezzo "diffusione estremamente rapida ”del batterio Xylella fastidiosa (Xf), secondo il deputato italiano al Parlamento europeo Raffaele Baldassarre.

Baldassarre, del Partito popolare europeo, ha chiesto alla Commissione europea un aiuto urgente per affrontare ciò che ha descritto come "agente particolarmente pericoloso che non è mai stato identificato in Europa ma che, in America e in Asia, ha causato malattie in varie specie di piante, tra cui viti e alberi di agrumi, con conseguenti perdite sostanziali per il settore agricolo e l'economia ".

Paura di diffondersi in altre aree, colture

pubblicità

In una risposta ancora da rispondere domanda scritta alla Commissione, Baldassarre ha dichiarato che negli ultimi mesi il "malattia vegetale molto grave, estesa e mortale ”si stava diffondendo tra gli ulivi in ​​Puglia e in particolare nella provincia di Lecce.

"L'epidemia, che fa seccare gli alberi, si è diffusa su una superficie di circa 8,000 ettari, interessando decine di migliaia di ulivi. A seguito di indagini e accertamenti effettuati da tutti gli uffici e le istituzioni preposte, sono emerse prove incontrovertibili che l'infezione proviene da un batterio denominato 'Xylella fastidiosa '", ha detto.

"La vastità dell'area e il numero di alberi colpiti, per non parlare della diffusione estremamente rapida del batterio, sta causando grave preoccupazione non solo per il danno già fatto, ma per quello che potrebbe essere causato da un ulteriore contagio, che potrebbe influenzare il il resto delle olive e altre colture in Puglia, Italia ed Europa. "

Chiedi aiuto per isolare l'area interessata e sradicare gli alberi

"Alla luce di questa pericolosa epidemia scientificamente provata e dell'unica linea di condotta raccomandata, vale a dire lo sradicamento e la distruzione degli alberi malati, può dire la Commissione:

1. quali misure intende prendere, con urgenza, per l'accertamento e il controllo dell'epidemia in questione e, di conseguenza, quali aiuti scientifici e tecnici possono essere forniti a sostegno delle istituzioni locali;

2. quali misure finanziarie è possibile adottare per l'istituzione di un cordone sanitario intorno alla zona colpita e lo sradicamento degli alberi infetti, al fine di prevenire la diffusione del batterio;

3. quale assistenza finanziaria può essere fornita ai produttori colpiti da questa infezione estremamente grave che sta causando un così grave danno economico?

Estesa bruciatura delle foglie e morte degli ulivi in ​​Puglia

Secondo l'Organizzazione europea e mediterranea per la protezione delle piante (EPPO), è venuta a conoscenza della possibile presenza di Xf sugli ulivi (Olea europaea) nel sud Italia a metà ottobre, quando un membro del pubblico lo ha allertato tramite la sua pagina Facebook .

In un rapporto sotto il titolo "Primo rapporto di Xylella fastidiosa in Italia ", l'EPPO, un'organizzazione intergovernativa responsabile della protezione delle piante in Europa, ha affermato che nello stesso periodo l'Organizzazione nazionale per la protezione delle piante (NPPO) aveva inviato informazioni sul coinvolgimento di Xf nella malattia osservata lì, vale a dire "estese bruciature di foglie e cedimento degli ulivi, diffondendosi rapidamente nell'area del Salento (regione Puglia). ”

Mentre i test iniziali per Xf erano positivi, "l'NPPO ha sottolineato che l'identificazione definitiva del batterio attende ancora il suo isolamento nella coltura pura al fine di eseguire test di patogenicità ", afferma il rapporto EPPO.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti