`L'EPA prevede di affrontare lo spreco alimentare nel tentativo di ridurre le emissioni di carbonio - Olive Oil Times

L'EPA prevede di affrontare lo spreco alimentare nel tentativo di ridurre le emissioni di carbonio

Giu. 1, 2021
Jasmina Nevada

Notizie recenti

L'Agenzia per la protezione dell'ambiente (EPA) farà riduzione degli sprechi alimentari una componente chiave degli sforzi del presidente Joe Biden per ridurre emissioni di gas serra.

L'annuncio dell'agenzia arriva tre mesi dopo che il Programma ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) ha dichiarato che lo spreco alimentare è responsabile tra l'otto e il 10% delle emissioni globali di gas serra.

Allineando il nostro obiettivo con l'obiettivo di sviluppo sostenibile (ONU), gli Stati Uniti incoraggerebbero azioni e investimenti nella prevenzione dello spreco alimentare.- Claudia Fabiano, specialista in protezione ambientale, EPA

L'UNEP ha definito le modalità di raccolta e analisi dei dati per comprendere meglio la portata del problema e ha proposto misure per affrontare lo spreco alimentare nella sua relazione sull'argomento.

In definitiva, l'UNEP vuole ridurre lo spreco alimentare a livello globale del 50% prima del 2030, un obiettivo di sviluppo sostenibile dell'organizzazione sovranazionale.

Vedi anche: Il cambiamento climatico sta alterando i profili nutrizionali delle colture mondiali

"Allineando il nostro obiettivo con l'obiettivo internazionale di sviluppo sostenibile, gli Stati Uniti incoraggerebbero azioni e investimenti nella prevenzione dello spreco alimentare e nel mantenimento del cibo nella catena di approvvigionamento umana, invece di concentrarsi solo sul deviarlo dalle discariche e dagli inceneritori", Claudia Fabiano , uno specialista di protezione ambientale presso l'EPA, ha dichiarato a una recente conferenza a New York.

"Questo sarebbe davvero portare a riduzioni più significative nelle emissioni di gas serra”, ha aggiunto.

Secondo Fabiano, l'EPA ha investito 3 milioni di dollari (2.5 milioni di euro) nella digestione anaerobica – un processo naturale in cui i microrganismi scompongono la materia organica – e prevede di investire altri 2 milioni di dollari (1.7 milioni di euro) entro il prossimo anno.

Tuttavia, ha aggiunto che "il compostaggio e la digestione anaerobica dovrebbero essere incoraggiati per gli scarti alimentari non prevenibili; vogliamo concentrarci sugli aspetti di prevenzione”.

A tal fine, l'EPA pubblicherà una serie di rapporti quest'estate che riassumeranno le ultime scoperte scientifiche sullo spreco alimentare.

"Ciò dovrebbe aiutare a costruire le basi scientifiche per la definizione delle politiche e gli investimenti del settore privato", ha affermato Fabiano, aggiungendo che l'EPA prevede di basarsi su un piano d'azione sugli sprechi alimentari proposto da quattro organizzazioni all'amministrazione Biden e al Congresso degli Stati Uniti ad aprile.

Il piano, che è stato co-autore di ricercatori dell'Università di Harvard, del Consiglio per la difesa delle risorse naturali, del ReFED e del World Wildlife Fund, ha affermato che fino al 40% del cibo prodotto negli Stati Uniti viene sprecato, con un costo stimato all'economia di 408 miliardi di dollari ( 344 miliardi di euro) ogni anno.

I creatori del piano d'azione hanno fatto appello al Congresso e all'amministrazione Biden per fornire maggiori finanziamenti ai governi locali per creare infrastrutture per il riciclaggio dei rifiuti organici, continuare a ricercare il problema e implementare campagne di cambiamento del comportamento.

"Penso che siamo anche davvero fiduciosi che noi [l'EPA] saremo in grado di lavorare su alcune delle importanti priorità che sono state stabilite nel piano d'azione sullo spreco alimentare di cui abbiamo parlato oggi”, ha concluso Fabiano.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti