Dare nuova vita agli antichi ulivi in ​​Spagna

Amador Peset, un giovane del villaggio di Traiguera, ha iniziato a recuperare ulivi millenari dopo aver perso il lavoro come falegname durante la crisi finanziaria in Spagna. "All'inizio, la gente mi vedeva come se fossi pazzo", ha detto.

Amador Peset
Dicembre 23, 2016
Di Pablo Esparza
Amador Peset

Notizie recenti

La regione della Sénia, a metà strada tra Barcellona e Valencia, è conosciuta come la terra degli ulivi millenari in Spagna. 

In questo tratto di territorio di non più di 50 km, a poche decine di km nell'entroterra dalla costa mediterranea della Spagna centrale, ci sono oltre 4,900 ulivi che si ritiene abbiano più di 1,000 anni.

La Taula del Sénia, un'istituzione locale che copre 27 comuni nelle regioni di Catalogna, Valencia e Aragona, ha avviato un censimento ufficiale di questi alberi secolari nel 2009. Ma questo è un compito in corso, poiché molti di loro sono stati abbandonati da tempo. 

"Direi con certezza che questo è il territorio con la maggiore concentrazione di ulivi millenari. Possiamo trovare ulivi millenari in tutto il Mediterraneo: in Italia, Grecia, nel Mediterraneo meridionale e in altre regioni della Spagna. Ma di solito troviamo alberi isolati, spesso molto monumentali e belli. Quello che troviamo qui è qualcosa di unico ", ha detto Teresa Adell, manager della Taula del Sénia, Olive Oil Times.



Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.



La maggior parte degli ulivi millenari di questa zona giace lungo l'antica Via Augusta, una via romana che collegava Cadis, nel sud della penisola iberica, con la capitale dell'impero. Il relativo sottosviluppo del territorio della Sénia fino a tempi recenti è stato uno dei motivi principali della loro conservazione. 

Per essere registrato come olivo millenario, il diametro del tronco deve essere superiore a 3.5 m ad un'altezza di 1.3 m. La maggior parte degli esemplari appartiene a una varietà locale di ulivi nota come "Farga "

Il Politecnico di Madrid ha datato due di questi alberi con una tecnica di misurazione laser. Secondo quello studio, uno di loro, noto come "la Farga de l'Arión ”, fu piantata ai tempi dell'imperatore romano Costantino I, più di 1,700 anni fa. 

L'altro, noto come "la Farga del Pou del Mas ”, risale alla prima metà del 9th secolo, quando l'Iberia islamica era governata dall'emiro Abd ar-Rahman II.

Il censimento è stato uno strumento fondamentale per creare consapevolezza del valore culturale ed economico di questi pezzi di patrimonio che erano stati ignorati, se non trascurati, per anni. 

"Gli ulivi millenari sono stati dimenticati fino agli ultimi anni. Gli agricoltori della zona erano dell'opinione che fossero difficili da coltivare e che ci volesse più tempo per raccoglierli. Abbiamo visto quegli alberi ogni giorno, ma non abbiamo prestato loro molta attenzione ", ha detto Adell. 

"Il nostro progetto, Ulivi millenari della Sénia, ha cambiato molto le cose. Le opinioni sono cambiate radicalmente. Ora questi ulivi sono amati dalla gente del posto come una propria eredità ", ha aggiunto.

Gli ulivi millenari sono stati spesso acquistati e venduti come piante ornamentali per giardini. Sebbene questo traffico fosse vietato a Valencia nel 2006, è ancora legale in Catalogna. 

Tuttavia, la percezione di questo commercio è ampiamente cambiata nell'area.

Pablo Esparza

"Il nostro progetto è iniziato perché eravamo preoccupati nel vedere questi ulivi sradicati per essere venduti. L'abbiamo vista come una minaccia perché sentivamo che la nostra eredità veniva rubata. Ora che il commercio e il saccheggio sono stati molto rallentati. Ora è una questione di vergogna perché non è accettato ", ha detto Adell. 

Nel 2016, il commercio di ulivi millenari è stato il soggetto del film spagnolo "El Olivo ”(L'olivo, 2016), di Iciar Bollaín, che raffigura la lotta di una famiglia per recuperare un esemplare che era stato portato in Germania. 

Ma, oltre al riconoscimento del loro valore culturale tra gli agricoltori della zona, la crescita della redditività dell'olio prodotto da ulivi millenari ha anche contribuito alla loro conservazione. 

Al momento, ci sono otto produttori locali etichettati con il "olio di ulivo millenario ”. 

Amador Peset, un giovane del villaggio di Traiguera, ha iniziato a recuperare ulivi millenari e riportarli in produzione quattro anni fa, dopo aver perso il lavoro di falegname durante la crisi finanziaria in Spagna. 

"All'inizio la gente mi vedeva come se fossi pazzo. Non è normale che un giovane inizi a pulire e rimuovere le erbacce dagli alberi abbandonati. Ma quando vedono che c'è una via d'uscita, che può avere una soluzione e questo olio può essere venduto, ti vedono in un modo diverso ", ha detto Peset Olive Oil Times. 

Il progetto degli ulivi millenari ha due musei all'aperto in aree con una densità speciale di ulivi millenari nei villaggi di Ulldecona e La Jana, e coinvolge anche i ristoranti locali che utilizzano l'olio di Farga nei loro piatti tradizionali.


Related News

Feedback / suggerimenti