Gas a effetto serra a livelli record, rapporti WMO

I gas serra nell'atmosfera continuano a salire e non stanno mostrando segni di rallentamento, secondo un rapporto dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale.

Dicembre 3, 2018
Di Isabel Putinja

Notizie recenti

Organizzazione Mondiale Meteorologica (WMO) ultimo bollettino dei gas serra rivela che i gas serra nell'atmosfera continuano a salire e hanno raggiunto un livello record.

Senza rapidi tagli di CO2 e di altri gas serra, i cambiamenti climatici avranno impatti sempre più distruttivi e irreversibili sulla vita sulla Terra.- Organizzazione meteorologica mondiale

I livelli di anidride carbonica (CO2), metano e protossido di azoto sono ora molto al di sopra dei livelli preindustriali. Sfortunatamente, questa tendenza al rialzo non mostra segni di inversione e di conseguenza le temperature globali stanno aumentando.
Vedi anche: La produzione di olio d'oliva restituisce all'ambiente più di quanto ci si possa aspettare

"La scienza è chiara. Senza rapidi tagli di CO2 e altri gas serra, il cambiamento climatico avrà impatti sempre più distruttivi e irreversibili sulla vita sulla Terra. La finestra di opportunità per l'azione è quasi chiusa ", ha avvertito Petteri Taalas, segretario generale dell'OMM in un comunicato stampa del 20 novembre. "L'ultima volta che la Terra ha sperimentato una concentrazione comparabile di CO2 è stata da 3 a 5 milioni di anni fa, quando la temperatura era di 2 - 3 ° C più calda e il livello del mare era di 10 - 20 metri più alto di adesso ", ha aggiunto Taalas.

Il WMO Greenhouse Gas Bulletin riporta la concentrazione di gas a effetto serra nell'atmosfera, ovvero la concentrazione di gas che rimangono nell'atmosfera dopo circa la metà viene assorbita dall'oceano e dalla biosfera (un quarto ciascuno).

Gli autori di questo rapporto dell'agenzia delle Nazioni Unite sono esperti di meteorologia e ricercatori le cui conclusioni si basano sulle osservazioni del WMO Global Atmosphere Watch Program che monitora e analizza i gas a effetto serra sulla base dei dati ricevuti dai paesi 53.

Il rapporto rivela che nel 2017 i livelli di anidride carbonica, il principale gas a effetto serra nell'atmosfera, hanno raggiunto una media globale di 405.5 parti per milione, il 146% dell'era preindustriale. Il quaranta per cento del metano assorbito nell'atmosfera proviene da fonti naturali, mentre il 60 per cento è prodotto dall'uomo ed è il risultato dell'allevamento del bestiame, della coltivazione del riso, dei combustibili fossili, delle discariche e della combustione di biomasse.

Per quanto riguarda il livello di metano nell'atmosfera, questo era pari a 1,859 parti per miliardo in 2017 e al 257 percento del livello preindustriale.

L'ossido nitroso è un altro gas serra prodotto da elementi naturali (percentuale 60) e artificiali (percentuale 40) come l'uso di fertilizzanti, processi industriali e la combustione della biomassa. In 2017, la concentrazione di questo gas nell'atmosfera era di 329.9 parti per miliardo, 122 percento dei livelli preindustriali.

Questi tre gas serra intrappolano il calore nell'atmosfera, un fenomeno che sta causando cambiamento climatico, innalzamento del livello del mare, condizioni meteorologiche estreme e acidificazione degli oceani: una diminuzione del pH dell'oceano dovuta all'aumento di CO2 nell'atmosfera. L'aumento dei livelli di gas serra è attribuito all'industrializzazione, all'uso di combustibili fossili, all'agricoltura intensiva e alla deforestazione.

Il rapporto rivela anche che una sostanza chimica illegale chiamata CFC-11, bandita nel 1987 dal protocollo di Montreal, è ancora in uso. Questo clorofluorocarburo è anche un gas serra che distrugge lo strato di ozono stratosferico. Nell'ultimo decennio il suo utilizzo è diminuito, ma dal 2012 questo calo è rallentato di due terzi a causa della continua produzione di CFC-11 in Cina e in particolare della sua industria della schiuma di poliuretano.

Il bollettino dell'OMM fa seguito al rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) pubblicato ad ottobre. "Il riscaldamento globale di 1.5 ° C ”ha esaminato gli impatti di riscaldamento globale e ha avvertito che le emissioni nette di CO2 causate dall'uomo devono raggiungere lo zero entro il 2050 per ridurre al minimo gli aumenti di temperatura al di sotto di 1.5 ° C. L'accordo di Parigi del 2016 sui cambiamenti climatici ha fissato l'obiettivo di limitare l'aumento delle temperature mondiali al di sotto dei 2 gradi Celsius (3.6 gradi Fahrenheit) entro il 2030.

Entrambi questi importanti rapporti hanno lo scopo di informare il processo decisionale durante la prossima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che si terrà a Katowice, in Polonia, da 2 - 14 dicembre 2018.

La ricerca ha scoperto che la produzione di olio d'oliva, utilizzando le giuste tecniche agricole, può contribuire in modo significativo alla riduzione delle emissioni di gas serra.





Related News

Feedback / suggerimenti