cucinando

L'olio d'oliva si unisce al movimento di Locavore nel sud americano

Può. 14, 2012
Di Lara Camozzo

Notizie recenti

I prodotti freschi raccolti da un orto e placcati dallo chef che lo ha coltivato non sono più un concetto riservato ai ristoranti di fascia più alta di California, Spagna o Francia. Il movimento dalla fattoria alla tavola ha spazzato il Sud più velocemente di un fuoco selvaggio, e se il più recente Best Chef del sud-est vincitore del James Beard Award del sud-est Hugh Acheson ha qualcosa da dire al riguardo, questo fuoco selvaggio non si spegnerà presto.

Lo chef e il partner di Cinque e dieci e The National ad Atene, in Georgia, nonché al ristorante di Atlanta, Empire State South, Acheson ha comprato e cucinato il locale per tutto il tempo che riesce a ricordare. “Sono cresciuto nelle cucine francesi in Canada - sapevi da dove veniva l'agnello da un ragazzo in fondo alla strada e i formaggi erano fatti dalla moglie di quel ragazzo. Conoscevamo la nostra gente, era così che funzionavano i nostri ristoranti di fascia alta. "

Chiaramente, questo tipo di pensiero funziona anche per lui nel sud. “La cultura del cibo del Sud è così vibrante in questo momento. C'è un'abbondanza di agrarianism intorno a noi ”, ha detto Acheson durante una demo di cucina tenutasi di recente alla Dirt Fair di Charleston, nella Carolina del Sud. "Stiamo assistendo a una forte spinta verso la localizzazione degli alimenti - le cose che abbiamo sempre pensato che dovevano essere prodotte così lontano vengono prodotte nel nostro cortile".

L'obiettivo di Acheson è convincere tutti noi a spezzare la nostra dipendenza da cibi convenienti. “È bello sapere che il mio latte e la mia crema provengono da Madison, in Georgia, e le mie uova provengono da una donna di nome Hope. Piccoli passi per acquistare in questo modo possono cambiare le cose molto lentamente. ”

Lo stesso vale per l'olio d'oliva, "Ho sempre usato molto olio d'oliva nella mia cucina, ma è molto bello che ora possiamo usarlo dalla nostra sfera locale." Nei suoi ristoranti, Hugh utilizza oli d'oliva dal Cile, Texas e Georgia, in particolare La regione dei laghi, Georgia, dove il clima è adatto Georgia Olive Farms produrre principalmente olio d'oliva Arbequina.

pubblicità

"Dovresti avere due diversi tipi di olio d'oliva nel tuo repertorio: uno con cui cucini davvero e uno che puoi usare per condire l'insalata e per finire i piatti", insiste Acheson. "Non voglio che tu muoia senza aver mangiato bene, quindi trova delle buone cose e investici - ti procurerà un pari divertimento."

Il libro di cucina di Hugh Acheson, “Una nuova svolta nel sud, "Celebra la tradizione del cibo meridionale: la terra, la storia, le infinite possibilità. È l'ultimo arrivato come giudice di "Top Chef" e, di recente, il James Beard Award è stato il migliore chef del sud-est 2012.