` In America, l'olio d'oliva da costa a costa - Olive Oil Times

In America, olio d'oliva dalla costa alla costa

Giu. 14, 2010
Cristabelle Tumola

Notizie recenti

Di Cristabelle Tumola
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da New York

Con il prodotto coltivato proprio nel proprio cortile, sembrerebbe che l'interesse per l'olio d'oliva abbia preso il sopravvento sulla costa occidentale, in particolare in California. Essendo uno dei pochi posti negli Stati Uniti che ha il clima mediterraneo necessario per coltivare le olive, ha un vantaggio che la costa orientale non avrà mai.  "Ci sono molte opportunità per i produttori di olio d'oliva della California per educare i consumatori e vendere i loro prodotti in luoghi come i mercati degli agricoltori, il che potrebbe fornire un po 'più di esposizione ", osserva Patricia Darragh, Direttore esecutivo del California Olive Oil Council.

Secondo Paul Vossen, esperto di olio d'oliva e consulente agricolo per l'estensione della cooperativa dell'Università della California per le contee di Marin e Sonoma, la California produrrà oltre un milione di galloni di olio d'oliva quest'inverno ea quel punto supererà la produzione di olio d'oliva della Francia . Il California Olive Oil Council stima che nel prossimo decennio ci sarà un aumento previsto di circa 8,000 acri piantati all'anno nello stato rigorosamente per la produzione di olio extravergine di oliva, ma non coprirà quasi il crescente appetito del paese per l'EVO.  "Produciamo l'1 per cento di ciò che consumiamo negli Stati Uniti, che nei prossimi anni probabilmente raddoppierà al 2 per cento. Quindi dovremmo piantare molte olive per ottenere anche il 5% di ciò che consumiamo negli Stati Uniti ", afferma Vossen.

Quindi ci sarà ancora una forte domanda di oli esteri. Queste importazioni da luoghi come Italia, Spagna e Grecia, dominano il consumo di olio d'oliva sulla costa orientale che, nonostante la recente attenzione all'industria della California, acquista molto più olio d'oliva rispetto all'Occidente.  "Con il 41% delle vendite di olio d'oliva proveniente dal nord-est, è qui che continua ad essere il maggiore interesse per l'olio d'oliva negli Stati Uniti. La California e il resto della costa occidentale rappresentano il 17 percento delle vendite ", afferma Bob Bauer, presidente della North American Olive Oil Association. Lo aggiunge "la recente crescita dell'industria della produzione di olio d'oliva in California probabilmente aiuta a creare la percezione che il maggiore interesse per l'olio d'oliva sia sulla costa occidentale, ma uno dei fattori chiave nel creare la domanda di olio d'oliva in altre regioni del paese è stato il L'accettazione del prodotto da parte di Northeast. "

C'è molto, tuttavia, che può essere fatto per stimolare il movimento dell'olio d'oliva sulla costa orientale come è stato sulla costa occidentale negli ultimi anni. La mania dell'olio d'oliva sulla costa occidentale è stata spinta da una grande disponibilità di degustazioni, concorsi e visite alle aziende olivicole. Sebbene quest'ultimo non possa essere fatto sulla costa orientale, il resto sì.

Micheal Castaldo della New York City Olive Oil Coop, che vende olio d'oliva gourmet coltivato in azienda dal Sud Italia direttamente ai suoi membri una volta all'anno, scopre che esporre le persone a ciò che buon olio d'olivaha un sapore e istruirli sui benefici per la salute ha contribuito ad aumentare le vendite del suo olio d'oliva e l'appartenenza alla sua cooperativa. Ha anche visto una maggiore consapevolezza generale dell'olio d'oliva che è aumentata esponenzialmente negli ultimi 10 anni sulla costa orientale, con un numero crescente di rivenditori ora specificamente orientati alla vendita di olio extravergine di oliva di fascia alta e prodotti correlati all'olio d'oliva, e più supermercati che trasportano vergini extra di alta qualità. Aggiunge anche, tuttavia, che anche con un aumento degli appassionati di olio d'oliva "spesso quando mi avvicino alle organizzazioni per fare una degustazione di olio d'oliva, è ancora un po 'strano per loro, non lo capiscono. Ci vuole un po 'per spiegarlo, come funziona, il valore che contiene. La degustazione di vini è un gioco da ragazzi, lo capiscono. "

E presto la competizione internazionale dell'olio d'oliva di New York potrebbe aiutare, come molti concorsi sulla Costa occidentale, ad aumentare l'interesse per l'apprezzamento dell'olio d'oliva.  "Prevediamo che il corso di valutazione sensoriale, il primo sulla costa orientale, si esaurirà rapidamente a chef, professionisti del settore e altri che vogliono essere in grado di rilevare le complesse caratteristiche dell'olio d'oliva ", afferma Curtis Cord, editore di Olive Oil Times e uno degli organizzatori dell'evento, aggiungendo  "La California è una regione produttrice di olio d'oliva a sé stante che sta ancora superando la Francia in termini di produzione totale. L'olio d'oliva è nelle notizie lì, vedi i boschetti quando guidi e ci sono degustazioni al tuo negozio di alimentari. E mentre i newyorkesi sono stati a lungo esposti a buoni oli d'oliva sugli scaffali dei rivenditori specializzati della città, non c'è stato il tipo di sensibilizzazione che penseresti ai 112 milioni di persone che vivono sulla costa orientale. Sta iniziando a cambiare e il Concorso internazionale dell'olio d'oliva di New York sarà sicuramente un passo nella giusta direzione ".

Related News

Feedback / suggerimenti