Los Olivos: la città della California, dove le olive corrono in abbondanza

Nella Santa Ynez Valley di Santa Barbara, in California, Los Olivos è un luogo ricco di cultura e storia.

Giu. 14, 2017
Di Elizabeth Hazard

Notizie recenti

La città di Los Olivos, in California, ha recentemente tenuto il suo 13th annuale Festival Jazz & Olive. L'evento annuale, organizzato dal Rotary Club Los Olivos, prevedeva degustazioni delle cantine di Santa Ynez Valley, venditori di cibo locali che servivano piatti a base di olio d'oliva o olive e un assaggio di musica jazz di diversi rinomati gruppi jazz che si esibivano durante il giorno. 

L'evento evidenzia due delle cose per cui l'area conosciuta come Los Olivos è più conosciuta: le olive e il vino. Situato nella Santa Ynez Valley di Santa Barbara, in California, Los Olivos è un luogo ricco di cultura e storia. 

L'inizio della città può essere fatto risalire al 1880 quando la Pacific Coast Railway si stava formando lungo la costa della California. In questo periodo, nella piccola città di Ballard, un giovane di nome Alden March Boyd ha acquistato un terreno che copre oltre 157 acri nel 1885. Lì sulla sua proprietà, ha piantato ulivi a migliaia - 5,000 alberi in effetti . Ha giustamente chiamato la proprietà Rancho De Los Olivos. 

Due anni dopo, nel 1887, la Pacific Coast Railway completò la sua estensione lungo la costa della California fino a Los Alamos. La ferrovia decise di dare alla città il nome dei filari e dei filari di ulivi: prima era conosciuta come El Olivar, poi El Olivos e infine Los Olivos. 

Oggi la zona di Los Olivos è nota per la produzione di alcuni i migliori oli d'oliva nel mondo. Nell'ultimo decennio, l'area ha visto un aumento delle degustazioni di olio d'oliva, che ora stanno raggiungendo le offerte di vino della zona. 

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Un luogo all'avanguardia nella produzione di olio d'oliva è Rancho Olivos. L'azienda gestita da marito e moglie è composta da sette acri di ulivi che coltivano una miscela di varietà di olive spagnole e italiane. 

Le loro olive vengono raccolte a mano entro poche ore dalla raccolta per produrre olio extravergine di oliva fresco e artigianale. Ai visitatori del ranch vengono offerte degustazioni degli oli accanto agli ulivi proprio lì presso lo stand dell'azienda agricola della coppia. Le degustazioni di olio d'oliva possono essere abbinate a tour di degustazione di vini locali, una tendenza molto comune per i visitatori della zona di Santa Ynez. 

La crescita dell'industria dell'olio d'oliva a Los Olivos non sarebbe completa senza la menzione di Theo Stephan, un pioniere nella produzione di olio d'oliva e un punto fermo al Los Olivos Jazz and Olive Festival. 

A metà degli anni '90 Stephan acquistò un ranch nella zona e divenne il primo a importare alberi di Koroneiki dalla Grecia alla California meridionale. 

Anni dopo fondò Giardini globali uno dei primi club di vendita di olio d'oliva e aceto per corrispondenza. È anche autrice del libro Olive Oil & Vinegar: Delicious Recipes for Healthy Caliterrean Living. 

Oggi Stephan continua ad essere un'autorità in materia di olio d'oliva e continua la sua missione di educare le persone sull'argomento. Nei prossimi due anni, ha in programma di aprire a 'scuola di permacultura nella sua proprietà a Los Olivos, dove la missione sarà insegnare ai bambini la vita sostenibile. 

Los Olivos è una città che vanta una serie di allevamenti di cavalli, gallerie d'arte, cantine boutique e ristoranti che propongono ricette incentrate sulle olive e sull'olio d'oliva. 

La città, sebbene piccola per popolazione, racchiude anche un bel po 'della sua storia di Hollywood. Diverse star del cinema e musicisti hanno rivendicato a un certo punto Los Olivos come casa, ed è dove si trova Michael Jackson Neverland Ranch si estende accanto al monte Figueroa. La città è apparsa sullo schermo in Sideways, forse il più tipico di tutti i film sul vino. L'area piena di ulivi è stata anche l'iconica città televisiva di Mayberry in Return to Mayberry.



Related News

Feedback / suggerimenti