Mondo

Semi di olivo millenari trovati in importanti siti archeologici in Turchia

I semi e gli utensili 4,000 di anni fa sono stati trovati a Oylum Höyük, un tumulo storico situato in una fertile pianura nella provincia di Kilis, nel sud-est della Turchia.

Per gentile concessione del dott. Atilla Engin
Gennaio 2, 2019
Di Rosa Gonzalez-Lamas
Per gentile concessione del dott. Atilla Engin

Notizie recenti

Una preziosa raccolta di dozzine di semi di olivo è stata scoperta all'interno di strati risalenti a 4,000 anni fa durante uno scavo archeologico a Oylum Höyük, un tumulo storico situato in una fertile pianura nella provincia di Kilis, nel sud-est della Turchia, che è considerato uno dei più grandi del suo genere in la regione del Mediterraneo orientale.

Gli scavi hanno rivelato non solo questi millenari semi di olivo, ma anche le macine basaltiche che si presume fossero utilizzate per produrre olio d'oliva.

"I semi di olivo sono stati trovati in tutti i livelli della prima età del bronzo e della mezza età del bronzo in Oylum Höyük. Alcuni dei semi di olivo sono stati rinvenuti nel palazzo dell'età del bronzo medio I (2000 - 1800 a.C.), che è terminato con un incendio ”, ha dichiarato Atilla Engin, professore di archeologia dell'Università di Gaziantep responsabile degli scavi.

"I semi di ulivo recuperati dal monumentale palazzo dell'età del bronzo medio risalgono al periodo tra il 1900 e il 1725 a.C. secondo l'analisi del radiocarbonio. Anche i materiali archeologici scoperti nello stesso strato hanno confermato questa datazione ", ha detto Engin Olive Oil Times.

Secondo l'archeologo, si ritiene che i semi siano di vecchie olive locali e la ragione per cui questi campioni di 4,000 anni sono sopravvissuti è che sono bruciati e carbonizzati. Ciò ha impedito il decadimento a cui soccombono altri materiali organici a base di erbe millenarie.

pubblicità

Un tumulo formato dalla sovrapposizione degli strati insediativi per migliaia di anni, Oylum Höyük fu una delle città e centri amministrativi più importanti dell'antico Medio Oriente durante il Medioevo (3100 - 1200 a.C.). Engin crede che sia stata la capitale del paese Nuhasse in questo periodo.

"Siamo riusciti a raggiungere gli strati della tarda età calcolitica (3500 - 3000 a.C.) in Oylum Höyük. Tuttavia, secondo i reperti di superficie, il tumulo è stato abitato sin dal Neolitico e mostra una continuità di 9,000 anni di insediamento ", ha detto.

Oylum Höyük non è il primo centro archeologico in cui sono stati trovati semi di olivo, ma i semi scoperti di recente sono tra i primi, ha dichiarato Engin. "I semi di olivo sono stati scoperti negli strati della mezza età del bronzo (2000-1600 a.C.) di Oylum Höyük nell'ultima e nella precedente stagione di scavi. In precedenza, abbiamo trovato semi di olivo nello strato della tarda età del bronzo (2500-2100 a.C.) ", ha spiegato.

La provincia di Kilis ospita gli uliveti coltivati ​​alla massima altitudine (900 - 1,000 metri) in Turchia. La regione del Mediterraneo orientale, dove si trova Kilis, è la patria delle olive e la regione da cui le olive si diffondono nel mondo.

"Questa regione è la patria dell'olivo. L'uso di olive come alimento in questa regione potrebbe essere antico quanto la storia umana. I primi documenti scritti sulla produzione e il commercio dell'olio d'oliva sono stati trovati nell'antica Ebla (Tell Mardikh), situata nel nord della Siria, a circa 100 km a sud di Oylum Höyük ", ha affermato Engin.

"Secondo le tavolette cuneiformi di Ebla risalenti al 2400 - 2300 a.C., Ebla esportava annualmente 700 tonnellate di olio d'oliva. Si pensa che gli ulivi siano stati coltivati ​​per la prima volta in questo periodo nella regione. In precedenza, le olive venivano raccolte dagli ulivi che crescevano naturalmente sulle steppe ", ha aggiunto.

L'olio d'oliva era molto prezioso nei tempi antichi e sia le olive che l'olio d'oliva avevano molti usi in settori diversi dal cibo.

Secondo gli archivi di Ebla, l'olio d'oliva era dieci volte più costoso del vino e il doppio del prezzo dell'olio di sesamo. Durante l'età del bronzo fu anche impiegato come combustibile leggero nelle lampade ad olio e nella produzione di droghe, profumi e tessuti.

L'olio d'oliva era importante per l'industria mineraria in quanto veniva utilizzato per aumentare la temperatura del legno che aiutava a bruciare i metalli. Tutte queste caratteristiche probabilmente hanno contribuito a portare le olive e l'olio d'oliva dal Mediterraneo orientale al mondo occidentale durante l'età del bronzo, ha spiegato Engin.

Alcuni dei semi di 4,000 anni trovati in Oylum Höyük sono stati inviati ai laboratori per l'esame. Engin ha affermato che l'Olive Research Institute dell'Università di Antakya indaga il rapporto tra questi semi millenari e le olive locali e che sono probabili collaborazioni di ricerca simili con altre istituzioni.

Alcuni dei semi saranno conservati per essere esposti insieme alle pietre per macinare al Kilis Museum, che dovrebbe essere aperto presto.





Related News