L'Etna, il gigante della Sicilia che nutre gli ulivi

Nonostante un recente episodio eruttivo, l'attività effusiva del Monte Etna non è mai stata una minaccia per le persone che vivono sulle sue pendici e ha contribuito nel corso dei secoli allo sviluppo della coltivazione dell'olivo.

Aprile 13, 2017
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

L'Etna, il vulcano più alto e attivo d'Europa, ha recentemente messo in scena uno spettacolo con un episodio eruttivo avvenuto nell'area compresa tra il Cratere di Sud-Est (SEC) e il Nuovo Cratere di Sud-Est (NSEC), come riportato dal Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - Osservatorio Etneo (INGV-OE).

Il terreno vulcanico dona grande vigore agli ulivi, dai cui frutti si ottiene un extravergine di oliva di alta qualità con note di pomodoro, carciofo, mandorla ed erbe aromatiche.- Giusi Russo, Oleificio Russo

Il 16 marzo, un giorno dopo l'inizio dell'attività eruttiva, un gruppo di persone tra cui turisti, vulcanologi e una troupe della BBC, è stato colto alla sprovvista da un'esplosione freatico-magmatica, a causa del contatto della lava con la neve. Fortunatamente, hanno subito solo lievi ferite e un grande spavento.





"Violenta esplosione al contatto tra lava fluente e neve spessa sull'Etna circa un'ora fa. Qualche persona ferita, ho ricevuto un livido sulla testa, ma in generale sto bene e bevo una buona birra meritata in questo momento! " un ricercatore presso INGV-OE, Boris Behncke, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook.

Salvo rare eccezioni, l'attività effusiva dell'Etna, caratterizzata principalmente dall'emissione di colate laviche, non rappresenta una minaccia per la vita delle circa 900,000 persone che vivono sulle sue pendici, ha osservato l'INGV-OE.

Nel frattempo il vulcano ha creato condizioni favorevoli per le attività agricole: la cultivar Nocellara Etnea prospera ai piedi del vulcano.

"Nel corso dei secoli, la presenza dell'Etna ha influenzato la vita e l'ambiente ", ha affermato Giusi Russo, che gestisce il Oleificio Russo con suo marito Alessandro Roccella. "Lava e lapilli si sono degradati in un terreno nero, polveroso e fertile, a causa dell'alto contenuto di minerali ”, ha spiegato.

La lava e altri prodotti piroclastici come lapilli, ceneri e scorie arricchiscono il terreno in cui sono radicate le radici degli ulivi. Secondo il Mappa geologica dell'Italia, minerali abbondanti come plagioclasio, augite e olivina, che sono ricchi di silice, sodio, calcio, alluminio, ferro e magnesio, favoriscono il ricco sviluppo delle piante.

"In questo contesto, la Nocellara Etnea costituisce il 95 - 96 percento degli ulivi coltivati ​​lungo le pendici dell'Etna ”, ha sottolineato Roccella. "Il terreno vulcanico dona grande vigore agli ulivi, dai cui frutti si ricava un extravergine di oliva di alta qualità con note di pomodoro, carciofo, mandorla ed erbe aromatiche ”.

I loro 900 ulivi si trovano a 600 metri sul livello del mare, nella città di Belpasso, che fu distrutta da un evento eruttivo nel 1669. Nella stessa area, il loro mulino è stato costruito sull'antico flusso di lava.

"Nel nostro frantoio frantumiamo anche olive di altri produttori della zona ", ha detto Roccella. "Il nostro lavoro è artigianale e la raccolta viene eseguita a mano, poiché il terreno è spesso accidentato e gli spazi sono limitati; nonostante l'asprezza del territorio, le olive vengono molite in poche ore dalla raccolta per garantire la qualità del prodotto ”.

Gli ulivi crescono qui su piccole terrazze trattenute da singolari e incantevoli muri di macerie fatte di pietre laviche nere. Nel corso dei millenni, la gente dell'Etna ha costruito queste affascinanti strutture per facilitare il lavoro e la vita ai piedi del gentile gigante.


Related News

Feedback / suggerimenti