Il museo dell'olio d'oliva istriano si apre a Pola, in Croazia

Un museo dedicato alla storia e allo sviluppo dell'olio d'oliva nella regione croata dell'Istria è stato inaugurato di recente nella città di Pola.

Giu. 21, 2017
Di Isabel Putinja

Notizie recenti

Situato nel centro di Pula a pochi passi da un anfiteatro romano del I secolo, il suo nome latino ufficiale, Museo Olei Histriae, si traduce come Museo dell'olio d'oliva istriano. 

Il museo è un lavoro d'amore e il frutto di Lorena Boljunčić, nativa di Pola, storica dell'arte, specialista di marketing e imprenditrice attiva nel settore del turismo locale. È caduta sotto l'incantesimo dell'olio d'oliva sette anni fa quando ha portato il raccolto di olive della sua famiglia al frantoio locale e ha assaggiato l'olio appena spremuto fresco direttamente dalla pressa. 

Questa esperienza è stata il catalizzatore per il museo, un'impresa che è stata finanziata esclusivamente attraverso i mezzi privati ​​della sua azienda, Idea Istria. È sorprendente che un'iniziativa del genere, così rilevante per la storia e la gastronomia locale della regione, non abbia ricevuto il sostegno materiale delle autorità locali o regionali. 

"Questo è l'unico museo del suo genere in Croazia ", ha detto Boljunčić Olive Oil Times. "Sono stato ispirato da una visita a un museo del whisky nella città vecchia di Edimburgo che raccontava la storia del whisky coprendone la storia e il processo di produzione seguito da una degustazione. Ho pensato che questo sarebbe stato un buon modello da seguire per il museo. " 

Coprendo un'area di 500 metri quadrati (5382 piedi quadrati), il piacevole e luminoso spazio che ospita il museo comprende un negozio, uno spazio espositivo, un angolo per bambini e una sala degustazione. 

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

La mostra permanente copre lo sfondo storico della storia secolare 2000 della produzione di olio d'oliva in Istria, nonché approfondimenti sulla produzione locale di anfore, l'evoluzione del processo di produzione di olio d'oliva dai tempi antichi a quelli moderni, e persino dettagli sulle tasse e i dazi imposti ai produttori locali durante il periodo della Repubblica Veneta. 

I visitatori conoscono anche la composizione scientifica dell'olio d'oliva e i suoi benefici per la salute, comprese le proprietà chimiche e sensoriali che vengono valutate per determinare la qualità di un olio d'oliva. "Durante la progettazione della mostra ho studiato la storia dell'olivicoltura in Istria e ho ricevuto importanti contributi da esperti dell'Istituto per l'agricoltura e il turismo di Parenzo, dove hanno un laboratorio di analisi. Ho parlato con i loro esperti e mi hanno fornito dettagli sulla composizione dell'olio d'oliva e parametri come gli acidi grassi liberi. Ho anche contattato i musei locali per vedere se avevano oggetti legati all'olio d'oliva ", ha aggiunto Boljunčić. 

I pannelli informativi e la grafica che compongono la mostra sono presentati in croato, italiano, inglese e tedesco e la mostra è completata da un'audioguida disponibile in 12 lingue (croato, inglese, spagnolo, italiano, sloveno, francese, tedesco, russo , Ceco, polacco, ungherese e olandese). 

La mostra comprende anche diversi aspetti visivi: oggetti come anfore di argilla e vari accessori usati nella produzione di olio d'oliva, un cortometraggio sull'Istria come regione produttrice di olive e un'installazione grafica allestita in una piccola stanza buia progettata per assomigliare a un esistente ma ora locale defunto 19th- Frantoio del secolo. All'interno è proiettato un cortometraggio girato nel frantoio negli anni '1980, che mostra l'antica tecnica di spremitura dell'olio in cui le olive vengono macinate con un palmento e poi pressate con un aggeggio in legno. 

Incluso nel prezzo del biglietto d'ingresso è una degustazione di olio d'oliva di base durante la quale vengono assaggiati diversi oli locali di qualità e un olio da supermercato per il confronto. Responsabile delle sessioni di degustazione è Lena Puhar O'Grady, un'esperta di olio d'oliva addestrata nell'analisi sensoriale. Completata da una presentazione PowerPoint dal design accattivante, introduce i visitatori alle qualità da cercare in un olio d'oliva di qualità, condividendo fatti interessanti. "L'olio d'oliva istriano è molto povero di acidi grassi liberi ", ha rivelato. "È inferiore allo 0.1 percento, inferiore allo standard stabilito dal Consiglio oleicolo internazionale che è un minimo di 0.8 ".

Dopo la sessione di degustazione di base, i visitatori che desiderano espandere la propria conoscenza ed esperienza dell'olio d'oliva istriano possono scegliere di assaggiare altri cinque oli locali per un piccolo costo aggiuntivo. Tutti gli oli da degustazione sono disponibili presso il negozio del museo dove sono esposti un totale di 25 oli d'oliva di alta qualità di produttori locali, tutti vincitori di premi internazionali. 

Per il fondatore del museo, l'aspetto educativo è particolarmente importante ed è pensato per essere accessibile a tutte le età: il museo ha già accolto le scolaresche di un asilo e una scuola media locale. Boljunčić spera che la sua iniziativa servirà non solo come un importante strumento educativo, ma incoraggerà anche i visitatori a esplorare ulteriormente il mondo dell'olio d'oliva. "Vorrei che il museo fosse una sorta di primo punto di informazione che offre ai visitatori una panoramica della storia della produzione olivicola in Istria e del suo sviluppo fino ai giorni nostri ", ha spiegato. "Possono anche avere l'esperienza di degustare diversi oli d'oliva da produttori locali di qualità. Quindi coloro che desiderano esplorare ulteriormente possono visitare questi produttori, incontrarli e fare un tour dei loro boschi ". 

Essendo l'unico museo dell'olio d'oliva della Croazia, il Museo Olei Histriae promette anche di essere un'importante attrazione turistica che mostra l'importanza dell'Istria come regione olivicola. Da quando ha aperto i battenti il ​​9 maggio 2017, il museo ha già avuto molti visitatori internazionali provenienti da Australia, Nuova Zelanda, Canada, Stati Uniti e diversi paesi europei.



Related News

Feedback / suggerimenti