'Pizza Twirling' napoletana fa la lista dell'UNESCO

Due milioni di persone hanno firmato una petizione a sostegno del riconoscimento ufficiale della pizza "pizzaiolo" che rotea.

Dicembre 8, 2017
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

Gli amanti della pizza a Napoli hanno gustato la pizza gratuita offerta dalle pizzerie giovedì per celebrare l'inclusione di Pizzaiuolo, la loro tradizionale tecnica di produzione della pizza nella lista del patrimonio immateriale delle Nazioni Unite, garantendo lo status di patrimonio mondiale della pizza napoletana.

L'arte di Pizzaiuolo rappresenta l'identità delle persone, la nostra tradizione e il nostro territorio.- Enzo Coccia

Due milioni di persone hanno firmato una petizione a sostegno della richiesta di riconoscimento del pizzaiuolo. Hanno sostenuto che la pratica di roteare la pasta prima che la pizza sia cotta in un forno a legna; insieme ai canti, alle storie e ai gesti tradizionali che collegano pizzaioli e commensali dei quartieri napoletani faceva parte di una tradizione culturale e gastronomica unica. 

Ha raccontato il maestro pizzaiolo Enzo Coccia, che gestisce un'accademia di pizza di fama mondiale e due pizzerie a Napoli Olive Oil Times, "È una cosa importante, perché l'arte di Pizzaiuolo rappresenta l'identità delle persone, la nostra tradizione e il territorio. È un premio per tutte le persone che in questi anni hanno fatto qualcosa per questo lavoro e per il mondo della Pizza Napoletana. 

Mi auguro che questo premio possa essere un modo o una fonte per sviluppare un'economia importante non solo per le pizzerie, ma per tutte le persone grazie al turismo, che tutela l'ambiente. Questo premio non è solo per il popolo napoletano, ma è per tutti i pizzaioli di tutto il mondo che fanno la pizza napoletana ". 

Maurizio Martina, ministro italiano dell'agricoltura e della silvicoltura su Twitter, "Vittoria, un altro passo verso la tutela del patrimonio enogastronomico italiano ”. 

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

In 2006 Elizabeth Gilbert ha divorato la delicatezza napoletana nel suo libro di memorie più venduto, Eat, Pray, Love e dichiarato, "Amo così tanto la mia pizza, infatti, che sono arrivata a credere nel mio delirio che la mia pizza potesse davvero amarmi, in cambio. Ho una relazione con questa pizza, quasi una relazione. "

Nella versione cinematografica di 2010 di Eat, Pray, Love, Julia Roberts ha acceso i riflettori di Hollywood sull'articolazione della pizza di Napoli "L'Antica Pizzeria Da Michele "sollecitando, "Per favore, vai in questa pizzeria. Ordina la pizza margherita con doppia mozzarella. Se non mangi questa pizza quando sei a Napoli, per favore mentimi e dimmi che l'hai fatto ". 

Nel 2010 anche la pizza napoletana ha ottenuto l'UE "Stato di specialità tradizionali garantite ”. 

Esistono solo due versioni classiche della pizza napoletana tradizionale; la Margherita condita con pomodoro, mozzarella, olio e basilico, e la Marinara, condita con pomodoro, aglio, origano e olio d'oliva. 

Altre trentatré tradizioni si sono anche battute per l'inserimento nell'elenco dell'UNESCO alla dodicesima sessione tenutasi a dicembre sull'isola di Jeju, in Corea del Sud. L'elenco del patrimonio immateriale è stato istituito nel 2003 e comprende oltre 350 tradizioni e prodotti alimentari. Nel 2013 è stata aggiunta la dieta mediterranea alla lista dell'UNESCO che include anche Lotta all'olio d'oliva turco.

L'obiettivo principale della lista dell'UNESCO è quello di aumentare la consapevolezza delle tradizioni di tutto il mondo, sebbene in alcuni casi venga fornito supporto finanziario e di altro tipo per le tradizioni in via di estinzione.





Related News

Feedback / suggerimenti