classi

New World non riesce a spingere per aumentare il limite di campesterolo per l'olio d'oliva

Marzo 22, 2013
Di Julie Butler

Notizie recenti

I produttori del Nuovo Mondo hanno nuovamente fallito nel tentativo di aumentare il limite di campesterolo nell'olio d'oliva, che secondo loro agisce come una barriera commerciale e discrimina i loro autentici oli di oliva vergini.

L'Australia, con il sostegno di paesi tra cui gli Stati Uniti e l'Argentina, ha cercato supporto per iniziare i lavori in movimento al meeting del Codex Committee on Fats and Oils (CCFO) tenutosi in Malesia da 25 di febbraio a 1 di marzo.

Dicono che il limite dovrebbe essere aumentato da 4 a 4.8 percento in modo da non escludere ingiustamente oli che lo superano per motivi stagionali, varietali o geoclimatici.

Ma secondo il rapporto della Commissione del Codex Alimentarius sull'incontro, non c'era accordo per iniziare i lavori sulla questione né per istituire un gruppo di lavoro elettronico come preludio. Alcune delegazioni hanno affermato che l'attuale limite era necessario per rilevare l'adulterazione e hanno sostenuto di aspettare i risultati di un triennio Consiglio oleicolo internazionale (IOC) sondaggio dei livelli di campesterolo, afferma il rapporto.

pubblicità

Rapporto del CIO ancora atteso

Alla precedente riunione del CCFO, a 2011, la delegazione del CIO aveva sostenuto che aveva in corso studi e che sarebbe stato prematuro che il Codice agisse. "L'obiettivo di rinviare le discussioni su ... campesterolo fino al raggiungimento di 2013", ha dichiarato il direttore esecutivo del CIO Jean-Louis Barjol nel suo rapporto su quell'incontro.

Ma il CIO non ha partecipato all'ultima riunione, citando a problema di budget precedentemente segnalato.

pubblicità

Il sondaggio ha affermato di supportare il caso del cambiamento

La delegazione dell'Argentina, membro del CIO, ha dichiarato al CCFO che lo scorso ottobre il gruppo di esperti chimici del CIO aveva riconosciuto in un rapporto sul suo sondaggio "che gli oli di oliva genuini potevano presentare livelli di campesterolo più elevati di quelli attualmente specificati nella norma internazionale".

pubblicità

"Mentre ci si aspettava che l'ultima riunione del Consiglio del CIO prendesse una decisione positiva sulla modifica dei livelli accettabili di campesterolo, altre questioni hanno portato alla mancanza di quorum nella sessione di chiusura lasciando l'adozione di tutte le decisioni in sospeso. "Per questi motivi, la delegazione (argentina) sperava che il Consiglio del CIO avrebbe presto adottato una decisione favorevole al riguardo prima che il Codex iniziasse i suoi lavori", afferma il rapporto del Codex.

Inviata da Olive Oil Times questa settimana, quando i suoi dati sarebbero stati resi noti, il segretariato del CIO ha affermato che le "conclusioni dello studio della composizione dell'olio di oliva vergine con parametri anomali" erano in attesa di adozione da parte dei 100th sessione del Consiglio IOC. Una volta conclusa la sessione e adottata la relazione, sarebbe stata inviata al Codex come concordato, ha affermato.

L'Australia interroga il futuro del Codex

Il Dr. Rodney Mailer, ricercatore e professore a contratto presso la Australian Oils Research, ha partecipato al CCFO e lo ha detto Olive Oil Times che l'Australia, gli Stati Uniti e l'Argentina erano venuti alla riunione "armati di oltre 1,600 risultati provenienti da diversi paesi, dimostrando senza dubbio che il campesterolo in molte cultivar è regolarmente superiore allo standard del Codex e quindi siamo stati discriminati in termini di scambi".

Mailer ha stimato che oltre la metà dei paesi presenti ha votato per consentire "più lavoro per contribuire a produrre standard più realistici per il campesterolo", ma ha accusato i membri dell'Unione Europea di votare "in un modo che è chiaramente vantaggioso per loro con poca considerazione per la scienza o libertà di commercio ".

Ha dichiarato di essere molto deluso dal fatto che il presidente della commissione abbia concluso che non vi era supporto sufficiente per nuovi lavori, un risultato che era "non rappresentativo del desiderio di avere questo argomento discusso e di ottenere risultati realistici".

Sebbene gli standard internazionali siano importanti per facilitare gli scambi e per lavorare contro le frodi e le cattive pratiche, "questo ultimo risultato del Codex aggiunge ulteriormente ai sentimenti di molte persone che il Codex ha un'utilità limitata", ha detto.

pubblicità