`NYIOOC Si apre la conferenza con Barjol, Ravetti - Olive Oil Times

NYIOOC Apre la conferenza con Barjol, Ravetti

Aprile 9, 2014
Michael Goodwin

Notizie recenti

I seminari della seconda annuale Concorso internazionale dell'olio d'oliva di New York è iniziato oggi, con i relatori che si sono rivolti a un full house al The International Culinary Center.

Il progetto NYIOOC presidente e organizzatore di eventi, Curtis Cord, ha aperto il procedimento dando il benvenuto "ospiti provenienti da Australia, Sudafrica, Argentina, Svezia, Slovenia e Giappone "per l'evento principale, "la più grande e importante competizione mondiale sull'olio d'oliva. ”Salutando la grande varietà di partecipanti, dai produttori immobiliari agli importatori e distributori mondiali di petrolio, Cord ha dichiarato che "una cosa è fare un ottimo olio d'oliva, un'altra è venderlo. " C'è poca relazione tra la qualità di un olio d'oliva e il suo valore nel mercato odierno, ha affermato Cord. "La conferenza stampa di giovedì qui verrà svelata i migliori oli d'oliva, ma oggi dobbiamo esplorare modi innovativi per portare quegli oli d'oliva nelle cucine di tutto il mondo ". Inizia così una giornata di presentatori organizzati, ha detto Cord, a "completare il cerchio e dare potere ai produttori e ai fornitori di eccellenza per avere successo e offrire a tutti noi migliori scelte in cui viviamo - per migliorare gli alimenti che mangiamo e rendere le nostre diete più salutari ”.

Dorothy Cann Hamilton, il fondatore di Il progetto International Culinary Center, ha accolto con favore i partecipanti alla conferenza e ha elogiato Cord e l'evento dell'anno scorso si sono tenuti anche qui. "Quello che è successo qui l'anno scorso è stato magico, trascendentale, ”dichiarò Hamilton. Sottolineando l'importanza dell'olio d'oliva come un "elisir ”di grande portata storica, Hamilton dichiarò l'olio d'oliva un salutare "cibo del futuro; vero oro liquido. "

Hamilton ha parlato dell'importanza della cooperazione globale necessaria per educare il pubblico sui valori e sui benefici dell'olio d'oliva. Questo è stato seguito da una conferenza del direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale, Jean-Louis Barjol.

Jean-Louis Barjol

Barjol ha dettagliato la storia del Consiglio oleicolo internazionale (CIO), a partire dal suo inizio sotto gli auspici delle Nazioni Unite, attraverso il trattato di Ginevra nel 1959. Da allora, il trattato è stato rinegoziato cinque volte, e ciò avverrà ancora una volta alla fine di quest'anno. Sebbene il CIO, con 17 Stati membri, rappresenti il ​​97% della produzione globale di olio d'oliva, questo rappresenta solo il 77% del consumo mondiale. Barjol ha sottolineato un'ulteriore debolezza nell'efficacia degli standard del CIO richiamando l'attenzione sul fatto che gli Stati Uniti non sono membri.

L'enorme quota del mercato statunitense di importazione del petrolio, insieme ai mercati in rapida crescita di Brasile e Cina, significa che i membri del CIO rappresentano solo il 15% delle importazioni mondiali. Mentre gli Stati membri hanno l'obbligo di applicare gli standard del CIO, le nazioni non produttrici non hanno il dovere di garantire i criteri del CIO per l'etichettatura o la garanzia della qualità. Barjol ha evidenziato le sfide in un mercato con una domanda globale in evoluzione, in particolare dai paesi non produttori. "Negli ultimi 23 anni, l'olio d'oliva è diventato un prodotto completamente globalizzato ", ha affermato, "ma gli Stati Uniti sono ancora il motore del sistema, il mercato cruciale. ”Barjol ha illustrato gli sforzi del Consiglio per influenzare consumatori, opinion leader e legislatori e l'obiettivo di aggiungere valore globale al prodotto alimentare attraverso ricerche di mercato e campagne promozionali.

Il segmento successivo è stato guidato da Leandro Ravetti, direttore tecnico di Boundary Bend Olives, la prima azienda australiana completamente integrata verticalmente. Ravetti non è estraneo al NYIOOC. Dopo aver supervisionato la produzione di oli premiati per il marchio di punta dell'azienda, Cobram Estate, ha portato a casa quattro medaglie d'oro e due trofei di prima classe alla competizione dell'anno scorso.

Leandro Ravetti

Ravetti ha spiegato la motivazione della sua azienda a produrre "oli quotidiani, a prezzi competitivi, che rivaleggiano con gli oli boutique a livello di qualità. " Pioniere della stampa di etichette con data di raccolta nel mercato australiano, Ravetti ha come missione il controllo di qualità, "non solo fino al confezionamento, ma fino all'apertura della bottiglia. ”Il suo seminario si è concentrato sul collegamento tra confezione del prodotto e qualità dell'olio e ha impartito conoscenze scientifiche avanzate sulla pletora di opzioni di imballaggio disponibili per i produttori.

Il discorso di Ravetti è stato seguito da una presentazione dell'autore, editore ed esperto di branding Debbie Millman, presidente della divisione design di Sterling Brands e presidente emerito di AIGA, l'associazione professionale per il design. In qualità di giudice del concorso di progettazione di imballaggi di quest'anno, Millman ha fornito ai partecipanti una panoramica della storia del marchio globale e della strategia del marchio.

Debbie Millman

Mentre i panelisti del gusto provenienti da otto paesi continuano a provare gli oli di oliva quasi 700 iscritti al concorso di quest'anno, i partecipanti alla conferenza sentiranno più esperti, educatori e commercianti fino a quando i vincitori saranno annunciati giovedì sera.

Related News

Feedback / suggerimenti