` Rischio di adulterazione mentre l'olio d'oliva guadagna terreno in Cina - Olive Oil Times

Rischio di adulterazione in quanto l'olio d'oliva guadagna terreno in Cina

Può. 14, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Un nuovo rapporto su un enorme potenziale di vendita di olio d'oliva in Cina arriva anche con un avvertimento: gli opportunisti stanno già incassando vendendo olio adulterato.

Secondo "Il mercato dell'olio d'oliva in Cina 2012″ Dall'Istituto spagnolo di commercio estero (ICEX), "questa negligenza rischia di contaminare la percezione del consumatore cinese che l'olio d'oliva sia un prodotto di alta qualità ".

Il rapporto di 58 pagine suggerisce persino che buona parte dell'impennata della crescita delle importazioni di olio d'oliva in Cina è grazie a tali importatori.

Tuttavia, tra i consigli per le compagnie petrolifere spagnole c'è che la Cina è il loro mercato in più rapida crescita e quello che offre il maggior potenziale. La sfida è convertire una classe media in crescita da utenti occasionali a utenti quotidiani di olio d'oliva. Potrebbero non gradire il suo gusto forte per ora, ma apprezzano i suoi benefici per la salute e il suo prestigio, suggerisce il rapporto.

Istantanea del mercato

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

Supervisionato dall'Ufficio dell'ambasciata spagnola per gli affari economici e commerciali a Shanghai, il rapporto afferma che mentre l'olio d'oliva rappresenta solo l'1% circa delle vendite di olio e grassi in Cina, è il segmento più dinamico. È cresciuto del 21% nelle vendite lo scorso anno fino a raggiungere 697,51 milioni di RMB (circa € 84 milioni o $ 110 milioni), davanti all'olio di girasole, che è cresciuto del 20.8% e detiene una quota del 7%.

In termini di volume, la Cina è ora il settimo importatore mondiale di olio d'oliva, sebbene sia ancora piccolo rispetto agli Stati Uniti e all'Italia. L'anno scorso ci sono volute 32,886 tonnellate di olio d'oliva - il 55% in più rispetto al 2010 - e il 92% era vergine. La Spagna è il principale fornitore, seguita dall'Italia, e l'olio arriva in parti uguali sfuso e imbottigliato.

L'uso di olio vegetale è aumentato insieme ai redditi disponibili nel gigante asiatico. Ma altri sette oli vegetali più economici vengono consumati più dell'olio d'oliva. Le principali tra loro sono miscele di oli vegetali, colza e olio di soia.

Il consumatore cinese di olio d'oliva

Nelle degustazioni alla cieca, i consumatori cinesi preferiscono l'olio d'oliva raffinato. Ritengono che l'olio d'oliva vergine abbia un sapore forte difficile da adattare alla loro cucina e quindi preferiscono oli più blandi. Tuttavia, vedono l'olio d'oliva vergine come un prodotto di qualità superiore e questo è un fattore chiave al momento dell'acquisto, così come i problemi di salute.

"Il motivo principale per i consumatori cinesi comprare olio d'oliva è che fa bene alla salute ", afferma il rapporto.  "Questo crescente interesse per un'alimentazione sana è un'enorme opportunità per le compagnie petrolifere spagnole da sfruttare ".

Le principali opportunità: oltre il grande fumoe

L'olio d'oliva, come altri beni stranieri, è entrato in Cina attraverso le sue principali città, come Shanghai, Pechino e Guangzhou. Questi rimangono il mercato principale e non devono essere trascurati. "Tuttavia, la crescita e il potenziale reali risiedono nelle città di secondo e terzo livello e nelle campagne, in quest'ordine ".

"A differenza delle città più grandi, non c'è ancora una presenza così elevata di olio d'oliva nei supermercati e ciò, combinato con l'aumento dei redditi, rende queste zone enormemente promettenti per le aziende spagnole ".

Mentre i grandi supermercati rappresentano il 75% delle vendite di olio d'oliva, questo canale ha un potenziale di crescita inferiore rispetto ad altri, come il mercato dei regali - molto importante, in particolare per i cesti regalo del personale del capodanno cinese - e le vendite online in rapido aumento.

"La battaglia per entrare nel supermercato cinese è già stata combattuta ed è praticamente finita, con la stragrande maggioranza dei principali marchi internazionali già sugli scaffali dei negozi. La maggior parte delle grandi catene ha ora rapporti stabili con la propria piccola gamma di importatori ".

Il commercio di cosmetici a base di olio d'oliva è fiorente. In alcune zone, l'olio d'oliva è considerato un prodotto di bellezza e persino medicinale. La popolare directory aziendale cinese, Alibaba, ha più di 1200 elenchi relativi ai cosmetici a base di olio d'oliva.

Minacce

"Le principali minacce (per gli esportatori spagnoli) sono i pesanti investimenti delle aziende cinesi nella costruzione dei propri marchi e il danno all'immagine dell'olio d'oliva da parte di opportunisti con vendite di oli adulterati o miscelati. "

Molte aziende cinesi al di fuori del settore alimentare sono state attratte dall'enorme potenziale dell'olio d'oliva. "Importano anche olio sfuso, ma in alcuni casi approfittano delle scappatoie nell'olio d'oliva cinese e nelle normative sull'etichetta per vendere l'olio mescolato con altri oli vegetali, riducendo i costi insieme alla qualità ", afferma il rapporto, descrivendo una pratica che è la seconda più grande al mondo anche l'importatore, l'Italia, è talvolta accusato.

"È possibile che buona parte della crescita che è stata osservata nelle importazioni di olio d'oliva in Cina sia dovuta a tali importatori (cinesi), data la differenza tra le cifre per le importazioni e quelle per le vendite ".

"Ciò può portare a un eccesso di scorte e se l'olio viene conservato in cattive condizioni e la rotazione è insufficiente, potrebbe subire una notevole perdita di qualità, minando ulteriormente il prestigio dell'olio d'oliva in Cina ".

Etichettatura

Le leggi sull'etichetta sono cambiate di recente, ma in generale le bottiglie di olio d'oliva devono includere dettagli tra cui le date di produzione e di scadenza, l'anno di raccolta, il paese di origine, le istruzioni per l'uso e il contenuto di acidi grassi trans.

Grande balzo in arrivo nelle piantagioni di ulivi cinesi

Sebbene per ragioni climatiche si ritenga improbabile che la Cina raggiunga mai l'autosufficienza nell'olio d'oliva, il suo attuale piano quinquennale prevede un'espansione di cinque volte nelle piantagioni sia per le olive da tavola che per l'olio d'oliva.

Sono previsti circa 160,000 nuovi ettari nelle vicinanze del Tibet, sulle pendici himalayane, a partire da un'attuale area di piantagione di non più di 40,000 ettari principalmente nelle province di Sichuan, Gansu e Hubei e in gran parte utilizzati per produrre olive secche consumate come snack.

Si consiglia alle aziende spagnole che questa è una grande opportunità per vendere la loro tecnologia e competenza e per entrare prima degli italiani o di altri.



Related News

Feedback / suggerimenti