`I rapporti sul consumo ridotto di olio d'oliva potrebbero essere meno veri in Grecia - Olive Oil Times

I resoconti sul consumo ridotto di olio d'oliva possono essere meno veri in Grecia

Settembre 12, 2013
Marissa Tejada

Notizie recenti

rapporti-mondiali-sul-consumo-di-oliva-ridotto-potrebbe-essere-meno-vero-in-grecia-olio-d'oliva-tempi-mediterraneo-consumo-olio-d'oliva-giù-grecia-l'eccezione

Secondo un recente rapporto, i principali paesi consumatori di olio d'oliva del mondo stanno passando a oli vegetali più economici a causa della crisi economica. Il rapporto, pubblicato su Bloomberg, ha rilevato che Spagna, Italia e Grecia utilizzano meno olio d'oliva più costoso a causa della disoccupazione e del ridotto reddito disponibile. Però, Olio d'oliva greco leader del settore afferma che ciò non vale per la Grecia.

Il rapporto del ricercatore dell'industria petrolifera con sede in Germania, Oil World, ha scoperto che i risultati sono "senza precedenti "rispetto a sette anni fa. Poi, prezzi dell'olio d'oliva erano fino al 40% in più, ma ciò non ha inciso sul consumo totale di olio d'oliva dei tre paesi. Tuttavia, dati recenti rivelano che l'olio di girasole, l'olio di mais e l'olio di palma hanno conquistato una quota di mercato maggiore.

Alcuni esperti di olio d'oliva greci non credono che i greci stiano consumando altri tipi di oli vegetali a causa della crisi. In un'intervista con Olive Oil Times, Il Dr. Nick Michelakis, consulente scientifico dell'Associazione dei Comuni dell'olio d'oliva di Creta (SEDIK), ha affermato che l'olio d'oliva è un "prodotto di sussistenza "in Grecia. I greci hanno sempre avuto la necessità di produrre il proprio olio piuttosto che acquistarlo da un negozio.

"Una famiglia di quattro membri può consumare fino a 80 litri all'anno, quindi acquistare dal supermercato in piccole quantità non ha senso in termini di valore. Questo sistema, nonostante le diverse opinioni del settore, funziona per la Grecia perché sostanzialmente mantiene il livello di consumo pro capite a 20 litri all'anno per individuo che è il più alto del mondo. "

Sempre secondo Olive World, consumo di olio d'oliva nell'Unione europea si prevede che scivoli "270,000 tonnellate senza precedenti, o il 13 percento, a 1.74 milioni di tonnellate nella stagione fino a settembre 2013. Il rapporto ha anche indicato la siccità della Spagna, che ha causato un calo della produzione a 614,000 tonnellate da un massimo storico di 1.6 milioni di tonnellate.

Michelakis ha affermato che le prestazioni della Spagna nel mercato influiscono sicuramente sull'industria nel suo complesso. Tuttavia, afferma che i greci, a suo avviso, non hanno ridotto il consumo e continueranno a mantenere l'olio d'oliva nella loro dieta quotidiana in un modo che non può essere ufficialmente mostrato nei rapporti.

"Le tendenze di consumo a Creta che vedo sono che l'olio d'oliva acquistato al supermercato va principalmente ai turisti. In larga misura questo è il caso in altre parti della Grecia. Ha senso, soprattutto ora, ottenere l'olio sfuso dai propri alberi o dai relativi produttori ", ha affermato Michelakis.



Related News

Feedback / suggerimenti