Olio d'oliva, pietra angolare della dieta Ikarian

I centenari di Ikaria potrebbero non conoscere gli innumerevoli modi in cui l'olio d'oliva può migliorare la loro salute, sanno solo che funziona.

Ikaria
Marzo 29, 2017
Di Charalampos Papapostolou
Ikaria

Notizie recenti

Potrebbe volerci molto tempo prima che tu veda una bottiglia di olio d'oliva Ikarian nel tuo negozio locale: la produzione è piccola e la gente del posto ha poco da risparmiare.

Se non c'è olio d'oliva in casa, cosa puoi cucinare?- Ioanna Proiou Dimitriadou

Ikaria, la leggendaria casa di Icaro le cui ali si sono sciolte quando ha volato troppo vicino al sole, è la patria di 8,000 Greci, molti dei quali vivono molto più a lungo della media. In effetti, uno Ikariano su tre vive bene nei suoi 90 e molti qui diventano centenari.

Ma non solo gli Ikariani vivono a lungo, ma tendono anche ad avere una salute più solida e muoiono naturalmente.






Oggi i segreti Ikarian sono stati scoperti. Moderato esercizio quotidiano, sonnellini, una comunità premurosa, poca enfasi sul tempo. e quello chiave. il Dieta Ikarian: un sacco di verdure e olio d'oliva.

L'isola ha un'ampia topografia montuosa, quindi gli uliveti sono coltivati ​​su terrazze in pietra fatte a mano.

Giorgos Stenos, 85, è cresciuto a fianco dei suoi alberi. La terra qui viene tradizionalmente passata di generazione in generazione.

Ha detto Olive Oil Times che quasi tutti gli oliveti coltivati ​​su Ikaria sono derivati ​​dall'innesto di ulivi selvatici che già esistevano qui.

Ioanna Proiou-Dimitriadou vive nel villaggio di Christos Rachon e, nonostante i suoi 106 anni, ha una vita molto attiva. Trascorre diverse ore al giorno nel suo laboratorio, tessendo tessuti a telaio. Alla domanda sull'importanza dell'olio d'oliva ha detto, "l'olio d'oliva è un rimedio, ci rivitalizza ".

Icaria

Durante la seconda guerra mondiale, quando l'isola fu occupata da tedeschi e italiani, ci fu una sostanziale perdita di vite umane per fame. I villaggi colpiti erano solo quelli senza uliveti intorno. Come disse Stylianos Moulas, il sacerdote del villaggio di Aghios Polykarpos, "Dobbiamo la nostra sopravvivenza all'olio d'oliva. "

La raccolta delle olive è un importante lavoro stagionale di una tipica famiglia Ikarian. Ogni anno, dalla fine di ottobre fino a febbraio, troverai molti Ikariani nei campi.

Gli Ikariani che non hanno ulivi vanno ad aiutare quelli che ce l'hanno. Invece di soldi, ricevono in cambio olio d'oliva. Spesso lavorano un campo di ulivi e danno al proprietario metà del raccolto.

Aggelos Politis, proprietario di un frantoio locale, ha affermato che i produttori locali si prendono molta cura delle loro olive perché l'olio prodotto nutrirà la loro famiglia.

I centenari di Ikaria potrebbero non avere conoscenza degli innumerevoli modi in cui l'olio d'oliva può migliorare la loro salute, ma sono pienamente consapevoli dei suoi effetti sulla loro vita.


pubblicità

Related News