`URBAN Extra Virgin: Olio d'oliva da Roma

Mondo

URBAN Extra Virgin: Olio d'oliva da Roma

Può. 29, 2012
Luciana Squadrilli

Notizie recenti


Made in Rome

Sebbene possa sembrare strano per un lettore non romano, la capitale italiana è una delle più verde città non solo nel paese stesso, ma in tutta Europa. Con circa 52 migliaia di ettari di terreno agricolo e i suoi bellissimi parchi e giardini pubblici, la città ha 131.7 metri cubi di spazio verde a persona.

Dal Agro Romano, i "cintura verde "intorno a Roma, arrivano molti prodotti meravigliosi come formaggi, miele, verdure (il "romanesche ”zucchine, carote, fagiolini, puntarelle o germogli di cicoria e ovviamente olio extra vergine di oliva. In effetti, la famosa Sabina DOP comprende anche alcune aree all'interno della provincia romana.

Ma che dire di un olio extra vergine di oliva che viene interno i confini della città?

Potresti considerare gli ulivi all'interno della città semplicemente come oggetti ornamentali, ma non è vero. Gli ulivi sopravvivono in campi, parchi, giardini pubblici e privati ​​abbandonati e possono ancora dare un buon olio d'oliva. Forse potrebbe non essere gratificante raccoglierli, forse nessuno li nota nemmeno, ma sono pronti a realizzare la loro natura e sarebbe uno spreco non farlo accadere.


Raccolta delle olive in un parco pubblico a Roma

pubblicità

Questa era la filosofia alla base di Olio Pu.Ro. (Olio PUblic ROman), uno dei "progetti di "esperienza urbana" di Primavera Romana (Primavera romana), e intrapreso nel 2010 da Stalker (un gruppo composto da architetti, ricercatori e artisti, guidato da Giulia Fiocca e Lorenzo Romito) al fine di generare e condividere conoscenze sociali e consapevolezza dei cambiamenti urbani e promuovere nuove pratiche, poetiche e politica di convivenza nell'emergente "Beyondity ”.

In quell'occasione, circa 300 chili di olive furono raccolti in diversi quartieri romani, dando circa 40 litri di buon olio d'olivache sono stati venduti ad un prezzo equo e aperto mappa degli ulivi pubblici romani è stata creata.

In 2011 il progetto ha lasciato il posto alla raccolta delle arance dagli alberi ornamentali di Roma, ma per 2012 l'esperimento di produzione di petrolio verrà ripetuto andando oltre i confini della città.


Ulivi fuori dal Colosseo di Roma

Primavera Romana sta promuovendo una sorta di cooperativa che coinvolge sia mietitrici italiane che straniere (compresi i rifugiati politici) per raccogliere le olive dai cortili abbandonati per condividere le proprie olive per la spremitura comune dell'olio.

Tutti i partecipanti condividono l'obiettivo comune di promuovere il lavoro agricolo autogestito, l'incontro di culture diverse, un nuovo rapporto tra città e campagna, riduzione dei rifiuti e produzione alimentare di qualità. Le persone sono anche invitate a denunciare olivi abbandonati pubblici o privati, a fare volontariato come raccoglitori di olive, a chiedere a qualcuno di raccogliere i propri alberi o a comprare l'olio d'oliva.



Related News