Le promozioni sull'olio d'oliva aumentano le vendite dei rivenditori, ma con un costo nascosto

L'uso dell'olio extravergine d'oliva come leader di perdita consente ai rivenditori di generi alimentari di attirare clienti in un'economia difficile, ma gli olivicoltori e i frantoi sono quelli che pagano il prezzo.

Febbraio 17, 2020
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Meno di € 3 ($ 3.25) al litro.

Questo è il prezzo dell'olio extravergine di oliva promosso dalle catene di supermercati nei loro coupon e riviste promozionali in Italia, un prezzo così allettante che gli esperti di marketing lo considerano un forte richiamo per i consumatori - un modo per portarli alla porta.

Vendere olio extravergine di oliva significa svilire millenni di storia, cultura, tradizione e gastronomia che hanno plasmato la nostra terra e la nostra identità. Significa condannare gli uliveti all'estinzione.- Maria Lisa Clodoveo

Quel prezzo è così basso, tuttavia, che la catena di produzione - dagli olivicoltori ai frantoi - non può permetterselo.

Vedi anche: Produttori italiani shortchanged in EU Funding

Le associazioni di agricoltori di tutta Italia avvertono nuovamente che il crollo dei prezzi dell'olio d'oliva sta mettendo a dura prova l'industria e che la continua manipolazione da parte dei commercianti di massa non aiuterà nessuno.

A petizione su Change.org rivolto sia ai consumatori che alle istituzioni sta crescendo. Chiede ai rivenditori di non utilizzare l'olio d'oliva come a civetta e chiede nuove leggi contro la manipolazione dei prezzi a fini di marketing.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

I prezzi dell'olio d'oliva sono a record basso in Italia spingendo l'Unione europea a pagare i produttori trattenere il prodotto dal mercato fino al rimbalzo dei prezzi.

Nel frattempo, le promozioni a basso prezzo da parte dei rivenditori di generi alimentari continuano a fare il giro, aggiungendo più carburante al fuoco.

Le più grandi catene alimentari vedono le loro vendite complessive stimolate dal crescente interesse dei consumatori per le offerte di olio d'oliva a basso prezzo. I critici della pratica ritengono che quelle offerte nascondano i costi reali di olio d'oliva di alta qualità produzione ed erodere il valore percepito nelle menti dei consumatori.

"È assolutamente necessario contrastare le offerte speciali a basso costo dei rivenditori di generi alimentari che non solo causano danni economici all'industria, ma quelle offerte fanno anche credere ai consumatori che l'olio extravergine di oliva sia economico ", ha affermato Alberto Statti, presidente dell'agricoltore associazione Confagricoltura Calabria.

Maria Lisa Clodoveo

"È necessaria una nuova legge ", ha detto Maria Lisa Clodoveo Olive Oil Times. Professore di scienze alimentari all'Università di Bari, Clodoveo ha lanciato il "Nessuna petizione EVOO Low Cost su Change.org che sta attirando un crescente interesse da parte degli agricoltori e dei consumatori.

"Se usi l'olio extravergine di oliva per attirare i consumatori e farli sciamare nei tuoi luoghi di ristorazione, non stai facendo un buon servizio a loro oa nessuno, e rischi di danneggiare l'economia agricola italiana ", ha detto Clodoveo.

I rivenditori di generi alimentari, afferma la petizione, dovrebbero essere vietati per legge dall'uso di olio extra vergine di oliva a basso prezzo nei loro coupon e promozioni.

"Vendere olio extravergine di oliva ", ha scritto Clodoveo nella petizione, "significa degradare millenni di storia, cultura, tradizione e gastronomia che hanno plasmato la nostra terra e la nostra identità. Significa condannare gli oliveti all'estinzione, perché una cultura che non fornisce un giusto reddito ai custodi della biodiversità, gli olivicoltori, è una cultura priva di sostenibilità sociale, economica o ambientale ”.

Sconti e riduzioni, così popolari tra i consumatori, si rivolgono in particolare all'olio extravergine di oliva a causa del posto importante che occupa nel carrello della famiglia italiana.

Alla ricerca del prezzo più basso invece di uno giusto per l'alimento base della dieta mediterranea, avverte Clodoveo, alla fine porterà più oli sul mercato la cui qualità non varrà nemmeno il loro prezzo. In altre parole, siamo in una corsa al ribasso.



Related News

Feedback / suggerimenti