` L'olio d'oliva può essere la chiave per la protezione degli edifici antichi - Olive Oil Times

L'olio d'oliva può essere la chiave per la protezione degli edifici antichi

Gennaio 15, 2013
Naomi Tupper

Notizie recenti

I ricercatori dell'Università di Cardiff, nel Galles, hanno sviluppato un nuovo rivestimento progettato per proteggere antichi edifici in pietra calcarea dagli acidi grassi derivati ​​dall'olio d'oliva.

Il nuovo preparato, che combina l'acido oleico con sostanze fluorurate, è stato sviluppato in risposta al deterioramento in corso di edifici come York Minster, una delle più grandi cattedrali del Regno Unito.

Edifici come York Minster esistono dal 600 d.C. e hanno sofferto di una grande varietà di inquinanti, tra cui anidride solforosa e piogge acide, che hanno portato a un massiccio deterioramento della pietra. Questo danno non è solo il risultato dell'inquinamento moderno, ma risale all'aumento degli inquinanti atmosferici nella rivoluzione industriale.

I tentativi di ripristinare York Minster e altri edifici simili al loro antico splendore sono stati in alcuni casi dannosi e in effetti hanno accelerato il deterioramento. Tuttavia, l'applicazione del nuovo rivestimento alle pietre di questa particolare cattedrale ha avuto buoni risultati.

La nuova sostanza derivata dall'olio d'oliva potrebbe essere utilizzata per rivestire edifici come York Minster e altre costruzioni in pietra calcarea e agire per proteggere la struttura dagli agenti inquinanti, pur consentendo alla pietra di "respira. ”Ciò scoraggia la formazione di muffe o sale sulla superficie, aumentando ulteriormente la protezione in quanto un eccesso di sale può portare alla rottura della pietra nel tempo. Questo comportamento distingue il nuovo rivestimento da quelli utilizzati in precedenza nel restauro, che spesso bloccava le microstrutture della pietra e finiva per favorire l'accumulo di muffe e sale.

Il calcare reagisce chimicamente con l'anidride solforosa e le particelle di solfato nell'aria, il che porta al deterioramento, ma è stato scoperto che un rivestimento della nuova sostanza lo riduce al minimo. Durante lo sviluppo del rivestimento, è stato necessario che il team utilizzasse una sostanza idrofobica o idrorepellente, al fine di respingere la pioggia acida. Si ritiene che l'acido oleico sia l'ideale per questo in quanto contiene una lunga struttura idrofobica che respinge l'acqua con l'altra estremità della molecola che reagisce selettivamente con il calcare.

C'era anche la questione dell'effetto sull'aspetto e sul colore dell'edificio da considerare. I ricercatori avevano precedentemente sperimentato olio di semi di lino sulla pietra di York Minster, ma questo era ritenuto inadatto in quanto scoloriva la pietra e la rendeva più scura.

Dopo il successo del rivestimento su York Minster, i ricercatori hanno suggerito che esiste la possibilità di proteggere molti altri antichi edifici in pietra calcarea allo stesso modo.



Related News

Feedback / suggerimenti