` Qualità dell'olio d'oliva: dove sono gli Stati Uniti? - Olive Oil Times

Qualità dell'olio d'oliva: dove gli Stati Uniti?

Febbraio 17, 2012
Alexandra Kicenik Devarenne

Notizie recenti

È probabile che gennaio 2012 venga ricordato come un mese spartiacque nel settore dell'olio d'oliva statunitense. Sembra che finalmente possiamo intravedere una luce alla fine del tunnel.

Il catalizzatore di gran parte di ciò che è accaduto è stato senza dubbio Tom Mueller e il suo libro Extra Virginity: The Sublime and Scandalous World of Olive Oil. Sebbene il suo tour del libro sia iniziato nel dicembre dello scorso anno, la presenza di Tom in California nel gennaio 2012 ha portato a una serie di eventi in programma. Ma l'Extra Virginity è stato proprio ciò che ha portato i riflettori sulla scena, non era l'intero quadro. Un certo numero di fili separati relativi alla qualità dell'olio d'oliva si sono riuniti il ​​mese scorso, progetti e iniziative da molti settori, alcuni molti anni di lavoro.

Molto è stato detto e scritto sull'Australian Olive Oil Standard e sulla sua importanza nella lotta per standard di qualità dell'olio d'oliva significativi. Questa attenzione è ben meritata; non c'è dubbio che questa sia la base su cui verrà costruito lo standard statunitense. Il presidente dell'Australian Olive Association, Paul Miller, è stato anche negli Stati Uniti durante il mese di gennaio ed è stato un importante partecipante a questi eventi critici.

Nel gennaio 19th si è tenuto un incontro presso il Dixon Fairgrounds per discutere un ordine di commercializzazione federale per l'olio d'oliva che avrebbe raccolto una valutazione per gallone dai coltivatori. In questo incontro, molte persone hanno avuto la prima occhiata alla bozza di proposta guidata dal California Olive Ranch. L'intento dell'ordine di marketing è quello di mettere in atto uno standard per l'olio d'oliva - basato sullo standard australiano - che imporrà uno standard di qualità significativo e applicabile all'olio d'oliva prodotto negli Stati Uniti. Lo standard nazionale apre la strada a standard di qualità uniformi su tutto l'olio d'oliva commercializzato negli Stati Uniti.


Tom Rusert, Paul Miller, Tom Mueller, Deborah Rogers a Sacramento

La speranza è, ovviamente, che questo sia il punto di svolta, la parità di condizioni che TUTTI i produttori di olio d'oliva onesti stanno cercando. È stato formato un comitato direttivo ed è iniziato il duro lavoro per capire i dettagli, con l'obiettivo di avere una proposta entro il 1 giugnost.

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

Ci sono state anche molte funzioni educative e di pubbliche relazioni a gennaio, ancora una volta spinte principalmente dalla presenza di Tom Mueller nel suo tour del libro. Il seminario dell'Olive Center / Culinary Institute of America sulla qualità dell'olio d'oliva è stato un evento particolarmente significativo, cercando di educare le persone che prendono le decisioni che influenzano le decisioni degli altri.

Williams Sonoma ha tenuto una lezione di autografi e degustazione di olio d'oliva nel loro flagship store di San Francisco che è stata unica per il collegamento che ha stabilito tra i produttori di olio d'oliva eccellente e onesto e il consumatore. Dopo aver assaggiato ciascuno dei grandi oli, siamo stati in grado di presentare il produttore. Quel produttore - da Francia, California, Spagna, Italia - si è alzato ed è stato applaudito per il suo straordinario risultato. Per contrasto, abbiamo anche assaggiato un olio da supermercato leggermente viscido e rancido. È significativo che nessun produttore possa prendersi il merito di quell'olio d'oliva; Conteneva "oli d'oliva provenienti da Spagna, Italia, Grecia, Tunisia e / o Turchia. " E chissà quanti anni di vendemmia erano rappresentati in quella bottiglia.


Alexandra Kicenik Devarenne e Tom Mueller

La strada da percorrere mi sembra più chiaramente segnata di quanto non sia mai stata. L'ordine di commercializzazione federale è uno strumento essenziale per ripulire il caos che è l'attuale contesto normativo dell'olio d'oliva. Il fatto che il processo possa richiedere anni rende ancora più urgente elaborare e presentare presto una proposta. C'è molto lavoro da fare per capire i dettagli, ma sembra esserci un enorme accordo nell'industria nazionale dell'olio d'oliva sul fatto che dobbiamo fare qualcosa per l'olio extra vergine di oliva etichettato in modo errato (okay, falso), e dobbiamo farlo adesso.

L'alto livello di interesse espresso dalla sottocommissione del Senato indica che abbiamo una questione estremamente convincente una volta che le persone ne vengono a conoscenza. Un altro grande sviluppo è il coinvolgimento dei produttori di olio d'oliva della Georgia e del Texas nella discussione sull'ordine di commercializzazione; stiamo ora osservando l'emergere di un'industria dell'olio d'oliva statunitense. Il dramma in corso in Australia è importante anche come racconto ispiratore e ammonitore. Hanno lavorato sodo e hanno fatto la cosa giusta, ma la loro industria dell'olio d'oliva nazionale è sotto assedio dalle importazioni a basso costo e dai loro scagnozzi. Gli Stati Uniti devono muoversi rapidamente, con decisione e in modo unitario.

Anche l'elevato livello di interesse per l'educazione all'olio d'oliva è importante, di fondamentale importanza. Sebbene sappiamo che i buoni standard applicati con i test standard sono fondamentali, non possiamo dimenticare che alla fine il nostro destino come industria dipenderà dalla decisione del consumatore di acquistare il nostro prodotto. Immagina un mondo in cui l'olio d'oliva di scarsa qualità è ancora sullo scaffale, ma accuratamente etichettato come un grado inferiore e venduto a un prezzo inferiore. Se il consumatore non comprende e abbraccia il valore del vero olio extravergine di oliva, con il prezzo più alto che ne deriva, potrebbe comunque optare per l'opzione più economica. Questa è la nostra sfida a lungo termine.

Questo articolo è apparso su CalAthena.com ed è ristampato qui con il permesso. 

Related News

Feedback / suggerimenti