Olive Oil World perde Moshe Spak

Moshe Spak vedeva possibilità dove gli altri no, era disposto a correre rischi e non si arrendeva.

Moshe Spak (a destra) con Raul Castellani
Giu. 21, 2018
Di Alexis Kerner
Moshe Spak (a destra) con Raul Castellani

Notizie recenti

Giovedì, il mondo ha perso Moshe Aaron Spak, il fondatore delle gare israeliane TerraOlivo e TerraVino, in una battaglia contro il cancro.

Fin dal primo avviso, i social media risuonano da ogni angolo, mentre amici e colleghi condividono i loro ricordi di questo amato uomo. Le parole si sono ripetute in molte lingue per descrivere il segno che ha lasciato sia nel mondo dell'olio d'oliva che nel mondo del vino: imprenditore, testardo, ambasciatore, un grande aiuto e appassionato.

Ha sempre sperimentato nuove strade e ha saputo creare - quasi 10 anni fa - un movimento in Terra Santa dedicato all'olio di qualità.- Antonio G. Lauro

Spak è nato in Argentina ma si è sradicato e si è trapiantato in Israele, una terra che ha veramente amato e in cui credeva con tutto il cuore. È qui che questo esperto uomo d'affari ha cercato di promuovere il vino e l'olio d'oliva della Terra Santa in tutto il mondo.

Haim Gan, un amico ed esperto di vini, ha detto che durante il loro primo incontro Moshe aveva detto di essere un importatore di carbone dall'Argentina che era venuto a parlargli di vino. Gan poteva solo chiedersi cosa volesse da lui quell'uomo dagli occhi gentili. Moshe era certo di poter portare i vini israeliani sul mercato internazionale con i suoi contatti e avviando un concorso enologico.

Era la grinta di Moshe e "faccia tosta ”che gli ha permesso di avere successo. Vide possibilità in cui gli altri non lo facevano, era disposto a cogliere l'occasione e non si arrendeva. La sua competizione sul vino è stata inizialmente criticata e sebbene abbia preso a cuore questa condanna, ha continuato ad andare avanti. Quasi due decenni dopo, Terravino è stato classificato come uno dei migliori concorsi enologici 10 al mondo.

Moshe A. Spak con Antonio G. Lauro

Non si è fermato al vino. Con 2010, con l'aiuto di rinomati professionisti come Raul Castellani, Eyal Hasson, Antonio Guiseppe Lauro e Haim Gan, Spak ha deciso di lanciare la competizione israeliana sull'olio d'oliva, TerraOlivo.

Nonostante Moshe sia ammalato, si è assicurato che lo scorso giugno TerraOlivo abbia celebrato i suoi 9th edizione con 20 paesi rappresentati nel concorso.

"Un amico non solo mio ma di tutto il mondo dell'olio d'oliva, un settore che a lui deve sicuramente qualcosa, forse molto ”, ha scritto Antonio G. Lauro sul suo blog. "Ha sempre sperimentato nuove strade e ha saputo creare - quasi 10 anni fa - un movimento in Terra Santa dedicato all'olio di qualità. Lì, nella terra dei padri, dove tutto ebbe inizio, con il suggestivo nome: TerraOlivo ”.

E sebbene TerraOlivo abbia perso Raul Castellani in 2016 e ora il suo fondatore, Moshe direbbe che la star dello spettacolo non è il produttore, l'assaggiatore o addirittura lui, è l'olio d'oliva. E, naturalmente, questo spettacolo andrà avanti.

Coloro che lo conoscevano bene e quelli che gli parlavano solo via e-mail mancheranno la sua passione e la sua passione. Tuttavia, ha creato due concorsi produttivi ben radicati che continueranno lontano nel futuro, dando alla sua vita un significato eterno.


Related News