`Le origini dell'olivo domestico rivelate - Olive Oil Times

Origini di ulivo domestico addomesticato

Febbraio 13, 2013
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Un nuovo studio pubblicato negli Atti della Royal Society fa luce su quando e dove è stato addomesticato l'olivo (ovvero la propagazione dei migliori genotipi coltivati) ed è diventato la fonte delle preziose olive commestibili e dell'olio d'oliva di oggi.

Gli scienziati hanno esaminato il DNA di 1,797 alberi selvatici e coltivati ​​dal bacino del Mediterraneo e, analizzando i genomi, sono stati in grado di creare la genealogia degli alberi e determinare come progrediva la diffusione dell'olivo. Tre basi ancestrali 'sono stati identificati i pool genetici dell'olivo, vale a dire il Vicino Oriente, l'area del Mar Egeo e lo Stretto di Gibilterra.

Secondo lo studio, il grado di diversificazione dei plastidi (compartimenti delle cellule vegetali contenenti composti chimici) tra olive selvatiche e coltivate ha indicato che la trasformazione dell'oliva selvatica in quella addomesticata si è verificata per la prima volta nell'area del Levante nord-orientale del Vicino Oriente, più probabilmente ai confini di Siria e Turchia, per poi diffondersi nei territori limitrofi e nell'intero bacino.

Sebbene questa diversità genetica sia maggiore nella popolazione di alberi dello stretto di Gibilterra, le civiltà allora avanzate che occupavano il territorio del Levante erano più competenti e avevano abbastanza risorse genetiche per riuscire ad addomesticare l'olivo. Il processo di addomesticamento ha avuto luogo circa 6,000 anni fa, anche se ci sono prove che gli olivi selvatici sono stati usati sin dal Neolitico, lo studio ha detto.

La principale differenza tra l'olivo selvatico e quello coltivato sono i frutti più grandi e succosi di quest'ultimo, e sembra che l'intero processo di addomesticamento abbia richiesto molto tempo e molti scambi genetici tra gli alberi per materializzarsi.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti