Mondo

L'Ulivo sacro di Platone è scomparso

Gennaio 17, 2013
Di Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

L'olivo perenne sotto il quale si ritiene che Platone abbia insegnato ai suoi studenti 2,400 anni fa, ora è scomparso.

In 1976 a l'autobus ha incontrato e si fratturò il tronco. La parte spezzata dell'albero fu quindi trasferita alla vicina Università Geoponica di Atene e conservata in un caso.

La restante parte inferiore del tronco e le sue radici gigantesche sono state scoperte mancanti alcuni giorni fa, secondo i media locali, molto probabilmente sradicati e rubati per servire da legna da ardere come è il caso in molti posti in Grecia. È stato calcolato che la parte rubata dell'albero pesasse più di 1,000 libbre, tuttavia, è stata rimossa senza che nessuno se ne accorgesse.

Olive Oil Times archivio

La leggenda narra che l'albero faceva parte dei vicoli che circondavano l'Accademia di Platone (chiamata Akademia), ed era tra i dodici ulivi che segnavano i dodici ingressi recintati alla proprietà. Questa parte di Atene fu in seguito, ed è tuttora, chiamata "Eleonas" (uliveto) a causa di quegli ulivi secolari.

Prima che l'Accademia fosse una scuola, e ancor prima che Cimon racchiudesse i suoi recinti con un muro, conteneva un bosco sacro di ulivi dedicato ad Atena, la dea della saggezza, fuori dalle mura della città dell'antica Atene.

pubblicità

Il nome del sito era Hekademia (Ἑκαδήμεια), che dai tempi classici si è evoluto in Akademia ed è stato spiegato, almeno già all'inizio del 6th secolo a.C., collegandolo a un eroe ateniese, un leggendario "Akademos".

L'Ulivo di Platone prima di un autobus ha tranciato tutto tranne il baule in 1976

Sembra che ogni volta che il mondo moderno e quello antico si scontrano, purtroppo quest'ultimo non ha alcuna possibilità.