`Nessuna scusa per una scarsa etichettatura dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Nessuna scusa per l'etichettatura di olio d'oliva scadente

Gennaio 26, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Le etichette dell'olio d'oliva dovrebbero raggiungere tre obiettivi: catturare l'attenzione, rispettare la legge e fornire tutte le informazioni che i consumatori desiderano, afferma l'esperto di marketing spagnolo David Martínez Roig.

Eppure in un piccolo sondaggio, Martínez Roig ha trovato molto bene al primo, solo a posto al secondo e piuttosto scadente al terzo.

In un recente post sul blog, ha affermato di aver scelto a caso dieci bottiglie di olio extra vergine di oliva spagnolo e di aver analizzato le loro etichette secondo i suoi criteri.

In termini di esteticamente accattivante, differenziazione e attenzione, questo è il punto in cui le etichette hanno fatto meglio, mostrando attenzione al design grafico.

Per quanto riguarda il rispetto della legislazione pertinente, la maggior parte delle etichette lo ha fatto, ma "era raro trovare esempi che andassero oltre il minimo richiesto dalla legge per fornire ulteriori informazioni ", ha affermato. "Inoltre, in alcuni casi la dimensione e il tipo di carattere sono stati progettati per rendere difficile la lettura di alcune parti delle informazioni. "

Cosa vogliono sapere i consumatori

Martínez Roig afferma che oggigiorno i consumatori vogliono molte più informazioni e mentre i produttori potrebbero non voler saturare le loro etichette con esso, ci sono modi per aggirare questo, come l'uso di tag collo di bottiglia, codici QR e collegamenti a siti Web e video che forniscono ulteriori informazioni.

Il luogo di imbottigliamento, il metodo di estrazione, le varietà di olive, le date da consumarsi preferibilmente entro e gli usi suggeriti per un olio sono tra i dettagli che i consumatori desiderano, afferma. Nel caso di un olio miscelato, invece di limitarsi a rispettare il diritto dell'UE con affermazioni come "miscela di oli d'oliva di origine dell'Unione europea ”i dettagli sull'origine dovrebbero essere forniti e potrebbero servire come fattore di differenziazione.

Ove pertinente, i consumatori potrebbero anche voler conoscere ulteriori dettagli come l'impronta di carbonio e le proprietà ecologiche o nutrizionali, come il contenuto di antiossidanti come l'idrossitirosolo.

Martínez Roig ha affermato che un'altra sfida per i consumatori, in particolare nei supermercati, è l'uso di termini come 'luce "e 'intenso ', senza spiegare cosa significano.

Fonte:

Blog di MarketingHuman
Regolamenti UE per la commercializzazione dell'olio d'oliva
Olive Oil Times

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti