Mondo

Trova ceramiche olio d'oliva utilizzato in Israele 8,000 anni fa

Nuove prove suggeriscono che l'olio d'oliva è stato usato in Israele e forse nel bacino del Mediterraneo già da 8,000 anni fa.

Dicembre 29, 2014
Di Isabel Putinja

Notizie recenti

Una nuova ricerca ha scoperto prove che l'olio di oliva veniva usato in Israele e forse nel bacino del Mediterraneo già 8,000 anni fa.

Uno studio pubblicato sull'Israel Journal of Plant Sciences il 24 novembre ha rivelato i risultati dei test effettuati su ceramiche scoperti durante gli scavi tra il 2011 e il 2013 a En Zippori nella Bassa Galilea.

Un team di ricercatori dell'Università Ebraica di Gerusalemme e dell'Autorità israeliana per le antichità ha usato campioni dei frammenti di ceramica per condurre un'analisi dei residui organici e li ha trovati per contenere tracce di olio d'oliva. I test hanno anche indicato che alcune delle navi in ​​ceramica trovate qui risalgono al 5,800 a.C. e sono state utilizzate per la conservazione dell'olio d'oliva.

Questi reperti, insieme a quelli scoperti nel sito sommerso di Kfar Samir al largo della costa di Israele, dove frantumarono le pietre d'oliva e la polpa d'oliva sono stati trovati sepolti nelle fosse, forniscono le prime prove della produzione e del consumo su larga scala di olio d'oliva in Israele e forse nell'intera regione del Mediterraneo.

Mentre lo studio di Kfar Samir ha stimato che l'olio d'oliva veniva prodotto nella regione 6,500 anni fa, il fatto che la ceramica trovata a En Zippori risalga al 5,800 a.C., significa che la produzione e il consumo di olio d'oliva potrebbero risalire fino a 8,000 anni fa.

Ciò indica che all'epoca l'olio d'oliva era un alimento base nella regione, ma i ricercatori ipotizzano anche che potrebbe essere stato utilizzato anche come combustibile nelle lampade ad olio.

pubblicità

Related News