` Problemi, prospettive per l'olio d'oliva greco - Olive Oil Times

Problemi, prospettive per l'olio d'oliva greco

Dicembre 22, 2015
Lisa Radinovsky

Notizie recenti

Questo dovrebbe essere un buon anno per l'olio d'oliva greco, con le tonnellate metriche da 250,000 a 260,000 che potrebbero essere prodotte, secondo Grigoris Antoniadis, il presidente dell'Associazione greca delle industrie e dei trasformatori di olio d'oliva (Sevitel) e direttore delle comunicazioni aziendali presso ELAIS- Unilever Hellas.

Antoniadis ha riferito a Giorgos Manettas di Imerisia che l'aumento del 200% delle esportazioni di olio d'oliva greco lo scorso anno (principalmente alla rinfusa) è derivato dalla combinazione dell'ottimo raccolto della Grecia di 300,000 tonnellate e dalla ridotta produzione della Spagna. Ciò ha consentito alla Grecia di compensare parte del deficit di produzione nel mercato globale. "Gli acquirenti internazionali di olio d'oliva si sono rivolti principalmente alla Grecia e, secondariamente, al resto dei paesi produttori di olio d'oliva nel Mediterraneo, come la Tunisia e la Turchia ", ha affermato.

Il mercato rimane in gran parte non regolamentato, mettendo in pericolo la salute pubblica.- Grigoris Antoniadis, Sevitel

Antoniadis ha aggiunto che l'aumento della domanda dello scorso anno ha portato anche ad un aumento dei prezzi alla produzione (da € 3.50 a € 4.00 per chilogrammo) in Grecia. Tuttavia, con il raccolto spagnolo che dovrebbe tornare alla normalità quest'anno, "le cose torneranno a un equilibrio ", come negli anni precedenti, con prezzi previsti tra € 3 e € 3.50.

Antoniadis ha affermato di essere preoccupato per la distribuzione dell'olio d'oliva greco. Dal 2002, un regolamento dell'Unione Europea ha imposto agli Stati membri di imballare l'olio di oliva in contenitori da cinque litri o più piccoli, vietando le vendite all'ingrosso sia per motivi di sicurezza che per la protezione dei consumatori. Tuttavia, Antoniadis ha lamentato, "da allora sono trascorsi tredici anni e non è successo nulla. Nonostante le nostre lamentele, il mercato rimane in gran parte non regolamentato, mettendo in pericolo la salute pubblica ", poiché alcuni oli di oliva sfusi in Europa sono adulterati con oli di semi o colorati con coloranti non regolamentati.

Come riportato da Imerisia, Antoniadis ha suggerito che potrebbe esserci un lato positivo degli aumenti delle tasse proposti per gli agricoltori greci: crede "le nuove disposizioni fiscali previste per il mondo agricolo potrebbero portare ordine sul mercato ", perché "renderà più costoso e difficile gestire il prodotto sfuso illegale. Mulini e commercianti saranno costretti a dichiarare il petrolio prodotto e commercializzato nei dati fiscali, il che ridurrà il movimento illegale. Sarà difficile distribuire l'olio in forma anonima senza documenti. "

pubblicità

Antoniadis spera che il risultato sarà una riduzione del commercio all'ingrosso alla rinfusa nel mercato nero, un aumento delle entrate statali e più olio d'oliva greco imbottigliato e marchiato. Lo sostiene "il futuro dell'olio d'oliva greco è nei prodotti ad alto valore aggiunto che andranno a beneficio sia del produttore che dell'imbottigliatore. ”Egli sostiene "la promozione di oliveti e nomi di luoghi biologici ”e l'aumento delle esportazioni di oli standardizzati.

È anche ottimista sul fatto che una migliore regolamentazione del mercato potrebbe attrarre maggiori investimenti dall'estero, che è mancato in Grecia negli ultimi anni, sebbene la Spagna e l'Italia abbiano investito in nuovi impianti di produzione e marchi.

Quasi dieci anni fa, con programmi cofinanziati dal Ministero dello sviluppo rurale e dall'Unione europea, SEVITEL ha avviato una campagna per promuovere l'olio d'oliva greco in più di una dozzina di paesi diversi. I risultati sono stati impressionanti: "negli ultimi anni, le esportazioni di petrolio confezionato sono aumentate dal 60 al 70 percento, passando da 15,000 a 25,000 tonnellate all'anno ”.

Questo aiuta a spiegare perché SEVITEL è stata giudicata la migliore compagnia di assistenza all'esportazione alla quarta annuale "Greek Exports Awards 2015 ”, organizzato dall'Unione dei dipendenti diplomatici degli affari economici e commerciali e Ethos Media SA sotto l'egida del Ministero degli affari esteri ellenico.

Come riporta Imerisia, Antoniadis crede "le esportazioni sono l'unica via d'uscita per gli imballatori di olio d'oliva greci ". Oltre ai mercati tradizionali delle catene di supermercati in Nord America, Australia e Nord Europa, "esistono prospettive in Medio Oriente e in America Latina e riponiamo grandi speranze nei mercati di Cina, India e Russia. Queste ultime sono le tre principali sfide per il petrolio greco. Siamo ottimisti sul fatto che riusciremo a guadagnare una quota di mercato e guadagnare terreno anche lì, nonostante la forte concorrenza. "


Related News

Feedback / suggerimenti