Produttori in Istria si preparano per un raccolto deludente

I produttori della penisola nordoccidentale della Croazia prevedono una diminuzione fino all'80% rispetto alla resa dell'anno scorso.

Settembre 29, 2021
Di Jasmina Nevada

Notizie recenti

I produttori di olio d'oliva in Istria, la più importante regione produttrice di olio d'oliva della Croazia, si stanno preparando per uno scarso raccolto nell'anno agricolo 2021/22.

Secondo Consiglio oleicolo internazionale dati, la Croazia ha prodotto 4,600 tonnellate di olio d'oliva nell'annata agricola 2020/21, il totale più alto dal 2016/17.

Immagino che il motivo (del raccolto scarso) sia in parte dovuto al fatto che l'anno scorso c'è stato un ottimo raccolto di olive, e l'altro motivo è l'ondata di freddo del 6 aprile, quando nella nostra zona sono stati -7 ºC per due giorni e le gemme congelato.- Klaudio Ipša, produttore istriano

Tuttavia, i produttori della penisola nordoccidentale hanno dichiarato ai media locali che si aspettano un calo della produzione fino all'80% quest'anno, con alcuni che decidono di non raccogliere affatto.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2021

Una tarda ondata di freddo che ha portato alla nevicata all'inizio di aprile, quando gli ulivi erano in fiore, seguita da una prolungata siccità nei mesi estivi sono tra le ragioni della riduzione del raccolto. Inoltre, molti produttori stanno entrando in un anno libero.

Klaudio Ipša è tra gli olivicoltori colpiti. Ha detto alla rivista Glas Istre che quest'anno si preannuncia il peggior raccolto degli ultimi 20 anni. Ha stimato che raccoglierà solo il 30-40 percento di quello che ha fatto l'anno scorso.

"Immagino che il motivo sia in parte dovuto al fatto che l'anno scorso c'è stato un ottimo raccolto di olive, e l'altro motivo è l'ondata di freddo del 6 aprile, quando nella nostra zona sono stati -7 ºC per due giorni e le gemme si sono congelate ", ha disse.

Tuttavia, potrebbe esserci un risultato per il raccolto scarso di quest'anno per i produttori: un aumento del prezzi dell'olio d'oliva.

Una combinazione di un aumento del turismo dopo il Pandemia di covid-19 combinato con lo scarso raccolto significa che c'è una minore offerta di olio d'oliva per soddisfare una domanda più elevata.

Ezio Pinzan, capo del dipartimento dell'agricoltura dell'Istria, ha affermato che sarebbe lieto di vedere i produttori ricevere prezzi più elevati, ma ha avvertito che non vi è alcuna garanzia che ciò accada.

"È tutta una questione di domanda e offerta", ha detto. "In generale, non credo che i prezzi del petrolio aumenteranno bruscamente perché gli olivicoltori sanno che la quantità di olio varia di anno in anno".

"Un anno c'è meno petrolio, un altro di più e possono perdere clienti aumentando il prezzo perché si rivolgeranno a un altro produttore", ha aggiunto. "È molto sensibile, è un'economia di mercato, ogni olivicoltore giudicherà da solo».





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti