Progetto in Grecia Converte la coltivazione dell'olivo in uno strumento di gestione del clima

Per quattro anni, il progetto oLIVE CLIMA in Grecia ha affrontato le sfide poste dai cambiamenti climatici nel Mediterraneo introducendo tecniche innovative per convertire la coltivazione dell'olivo in uno strumento di gestione del clima.

Gennaio 20, 2017
Di Stav Dimitropoulos

Notizie recenti

Dall'ottobre 2012, gli uliveti nelle prefetture più fertili di Heraklion (EAS Peza), Lassithi (EAS Mirabello) e Messinia (OP Nileas) nella Grecia meridionale hanno preso parte a un esperimento ecologico sotto gli auspici dell'Unione Europea.

La maggior parte delle tecniche sono effettivamente applicabili e raccolgono benefici finanziari immediati, visibili e positivi.- George Michalopoulos, agronomo oLIVE CLIMA

I Progetto oLIVE CLIMA è stato uno sforzo per guidare il settore agricolo greco ad affrontare efficacemente le sfide più drammatiche che il cambiamento climatico pone nella più ampia regione del Mediterraneo convertendo la coltivazione dell'olivo in uno strumento di gestione del clima.

Con un budget di 3.65 milioni di euro (finanziato da Programma di vita dell'UE), oLIVE CLIMA ha fissato la soglia ambientale sin dall'inizio e ha visto risultati positivi nel processo, come hanno spiegato tre dei suoi principali scienziati a Olive Oil Times.

Il progetto mira a ridurre le emissioni di gas serra, aumentare la cattura di anidride carbonica, invertire la tendenza alla perdita di materia organica nel suolo, aumentare la fertilità e la ritenzione idrica nel suolo degli oliveti, fornire agli agricoltori e ai consumatori un sistema informativo trasparente sulle prestazioni ambientali dei processi di produzione alimentare , abbassare il costo complessivo della produzione di olio d'oliva e creare valore aggiunto dalla standardizzazione dei prodotti rispettosi del clima.

Quaranta pacchi per ogni area pilota (120 in totale) in condizioni sia irrigate che aride nelle prefetture selezionate hanno visto l'implementazione di pratiche di coltivazione totalmente nuove.

pubblicità

"Abbiamo iniziato con la cattura della materia organica ", ha affermato Georgios Koubouris, ricercatore presso oLIVE CLIMA e presso l'Istituto greco di ulivo, piante subtropicali e viticoltura. "Abbiamo riciclato il legno prodotto dalla potatura degli alberi per utilizzarlo come pacciame o materiale nutrizionale e abbiamo utilizzato sottoprodotti del frantoio con applicazione del terreno, direttamente o dopo il compostaggio derivato dal processo di olivicoltura o produzione di olio d'oliva. "

"Quindi, abbiamo cercato di catturare l'anidride carbonica dall'atmosfera e trasferirla alle piante attraverso la fotosintesi, oltre a immagazzinarla nel tessuto e nel suolo delle piante modificando la flora dell'oliveto o la potatura degli ulivi. "

"Infine, abbiamo sperimentato pratiche di conservazione della materia organica, e questo attraverso l'uso zero della lavorazione del terreno al fine di limitare l'erosione e la distruzione della materia organica e migliorare la capacità di stoccaggio dell'acqua nel suolo ".

A quattro anni dall'inizio del programma, le tecniche impiegate per incrementare la produzione di olio di oliva verde nelle regioni hanno dato i suoi frutti.

"Ciò che è stato confermato è che la maggior parte delle tecniche sono effettivamente applicabili e raccolgono benefici finanziari immediati, visibili e positivi ", ha affermato George Michalopoulos, agronomo di oLIVE CLIMA e proprietario di Rodaxagrom, una società di consulenza ambientale e agricola.

"I sistemi di potatura modificata e di non coltivazione sono buoni esempi. Altre, come la semina invernale, saranno valutate a lungo termine, probabilmente nell'arco di un decennio, mentre tecniche come il compostaggio necessiteranno di un'implementazione su scala più ampia.

"Inoltre, abbiamo visto che alcune pratiche richiedono attrezzature più specializzate, ad esempio la dispersione o la frantumazione delle acque reflue di frantoio (OMW), soprattutto per quanto riguarda la produzione di pellet. Dobbiamo sottolineare che abbiamo scoperto che tutte queste pratiche aiutano l'ambiente in molti modi, a parte la battaglia contro il cambiamento climatico. Aumentano l'economia dell'acqua, la biodiversità, la fertilità del suolo, prevengono l'erosione e molto altro ancora ".

Per quanto riguarda gli atteggiamenti degli agricoltori locali colpiti dalla crisi nei confronti di pratiche verdi innovative, Koubouris ha affermato di aver accolto con favore alcune delle nuove pratiche come il compostaggio, la potatura speciale, la non coltivazione o la semina invernale. La dispersione di OMW ha richiesto l'autorizzazione e, con l'aiuto di oLIVE CLIMA, questa tecnica è stata istituita in Grecia.

A questo punto, Dora Paschali, ingegnere ambientale di oLIVE CLIMA e dell'Agenzia di sviluppo delle autorità locali di Salonicco orientale-ANATOLIKI SA, ha sottolineato che uno dei principali obiettivi del progetto era liberare gli agricoltori dall'importazione di prodotti come i fertilizzanti azotati. "Ciò ha sicuramente reso la crisi più sofferta ”, ha affermato Paschali.

"Non sono solo gli agricoltori. Cittadini e consumatori hanno percepito il cambiamento climatico a un livello più personale. Reagiscono, prendono misure, si adattano ”, ha spiegato Michalopoulos. E la coltivazione dell'olio d'oliva entra nell'equazione in questo punto esatto.

"Nel novembre 2016, l'UE ha riconosciuto che i prodotti oleosi sono le uniche basi alimentari al mondo degne di crediti di impronta di carbonio da parte dell'UE 's Product Environmental Footprint (PEF) ", ha osservato Michalopoulos.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti