`Pitching Oliva profonda nel burro Paese - Olive Oil Times

Pitching Olive Oil Deep in Butter Country

Giu. 15, 2011
Lucy Vivante

Notizie recenti

Le campagne promozionali dell'olio d'oliva sono ovunque. La scorsa settimana Saverio Romano, ministro dell'Agricoltura italiano, ha annunciato una campagna triennale da 5 milioni di euro rivolta ai paesi ricchi di burro di Belgio, Paesi Bassi e Danimarca. Un po 'di soldi sarà anche destinato all'educazione dei consumatori italiani. La campagna è diretta da UNAPROL, il consorzio di 550,000 olivicoltori e 71 uffici regionali in tutta Italia.

A finanziare la campagna da € 5,188,922 sono l'Unione Europea (50%), UNAPROL (30%) e il governo italiano (20%). Il signor Romano al lancio della campagna il 6 luglio ha detto: "Dobbiamo migliorare le nostre comunicazioni sull'olio d'oliva spiegando che il sistema di garanzia della qualità, le certificazioni e le ispezioni italiane sono all'avanguardia. Attraverso progetti come questo dobbiamo rafforzare il consumo internazionale incoraggiando l'introduzione di petrolio nelle diete di altri paesi, e quindi comunicare il grande valore aggiunto di Made in Italy. "

Il consumo pro capite di olio d'oliva in Belgio e nei Paesi Bassi si aggira intorno a 1 chilo all'anno, e in Danimarca è di circa due terzi di un chilo. Questo grafico mostra il drammatico divario tra i consumi in Italia e i nuovi paesi consumatori presi di mira dalla campagna.

Per aumentare il consumo nei paesi interessati, la campagna utilizzerà stampe, promozioni in-store, corsi di cucina e visite guidate per gli acquirenti commerciali di olio d'oliva. Il programma sarà indirizzato a persone di età inferiore ai 50 anni perché hanno un reddito più disponibile. La promozione si concentra sul sostegno ai produttori più piccoli, non ai marchi del mercato di massa.

In 2009 la Spagna ha anche inaugurato la propria campagna promozionale triennale con Belgio e Paesi Bassi tra i paesi target. Il budget della loro campagna è di € 16.5 milioni e si concentra anche su Regno Unito, Francia e consumatori interni spagnoli. Lettori di Olive Oil Times avrà familiarità con il Campagna recentemente inaugurata dall'International Olive Council concentrandosi sugli Stati Uniti.

Gargano in un comunicato ha detto, "L'Italia ha un'influenza sana sull'Europa perché migliora la dieta dei consumatori e li aiuta a fare scelte consapevoli nell'acquisizione di oli extravergine di oliva ".

Sembra che le persone dei paesi produttori di olive mediterranee siano sempre state sorprese dalla dieta nei paesi transalpini. Fernand Braudel nel suo libro sul Mediterraneo nel 16th secolo, ha introdotto due divertenti citazioni sulla dieta nordica dal punto di vista di Antonio Vázquez, un soldato spagnolo che ha raccontato la sua lunga permanenza nelle Fiandre, e dal vescovo di Aragona che andò a vivere nei Paesi Bassi. Quanto segue è tratto dal libro di Braudel:

"Per Alonso Vázquez e gli spagnoli del suo tempo (e probabilmente di tutti i tempi) lo erano le Fiandre 'la terra dove non cresce né timo, né lavanda, fichi, olive, meloni o mandorle; dove prezzemolo, cipolle e lattughe non hanno né succo né sapore; dove vengono preparati i piatti, strano da mettere in relazione, con burro di mucche invece di olio ...

'Il cardinale d'Aragona, che raggiunse i Paesi Bassi nel 1517 con il suo cuoco e le sue provviste, condivideva questa opinione. 'A causa del burro e dei prodotti lattiero-caseari che sono così ampiamente utilizzati nelle Fiandre e in Germania ", ha concluso, 'questi paesi sono invasi dai lebbrosi. "

Il pastore ovviamente si sbagliava molto (la lebbra, ora nota come malattia di Hansen, è causata da batteri). Tuttavia, i benefici per la salute dell'olio d'oliva sono un grande motore per aumentare i consumi e saranno sicuramente utilizzati nelle varie campagne.

Fernand Braudel, Il Mediterraneo e il mondo mediterraneo nell'età di Filippo II, trad. dal francese di Siân Reynolds, vol. Io, p. 237, New York: Harper & Row, 1972, vol. Io, p. 237.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti