Rinascimento dell'olio d'oliva di Rioja Alavesa

Rioja Alavesa è famosa per la sua produzione di vino. Un nuovo libro descrive la storia dell'olio d'oliva della sub-regione basca mentre i gruppi locali lavorano per rivitalizzare il settore.

Foto per gentile concessione di Viajes & Vinos.
Gennaio 11, 2019
Di Rosa Gonzalez-Lamas
Foto per gentile concessione di Viajes & Vinos.

Notizie recenti

Le olive stanno tornando in auge nella Rioja Alavesa, un piccolo distretto situato nel sud dei Paesi Baschi spagnoli.

Il distretto è anche una sottoregione della DOC Rioja, rinomata per i suoi vini premiati ed è una delle uniche due regioni DOC (Denominación de Origen Calificada) in tutta la Spagna. Tuttavia, all'inizio del XX secolo, gli ulivi dominavano il paesaggio.

È un libro umano, con personaggi formidabili, che legge con emozione.- Julio Flor, giornalista

Un nuovo libro pubblicato da Fernando Martínez-Bujanda e Antoni Juan Pastor racconta la storia dell'oliva in questa regione incentrata sul vino. El Olivo de Rioja Alavesa, un compagno Centenario (the Olive Tree From Rioja Alavesa, A Centenary Partner, in inglese) racconta la storia del settore olivicolo della Rioja Alavesa attraverso gli occhi di più generazioni, dai vecchi agricoltori che raccontano eventi storici della regione ai giovani produttori che iniziano nuovi progetti.

Vedi anche: Cultura dell'olio d'oliva

Oltre a raccontare la storia delle olive in questo distretto, il libro fornisce anche informazioni generali sulla storia dell'olivicoltura e della produzione di olio e contiene una sezione con proverbi e un glossario dei termini specifici dell'oliva e dell'olio, compresi alcuni impiegati solo in Rioja Alavesa.

All'inizio del 1900, gli ulivi dominavano il paesaggio del distretto. Circa 2,500 acri di alberi coprivano la Rioja Alavesa e sostenevano la sua agroeconomia in assenza di viti, che ammontavano a soli 500 acri e che erano state decimate dalla fillossera.

La situazione iniziò a cambiare negli anni Cinquanta e Sessanta, quando l'uva divenne nuovamente una coltura redditizia. La vendita di olive si è presto rivelata più redditizia della produzione di olio d'oliva, che ha portato alla rimozione di 1950 acri di alberi entro il 1960.

Fortunatamente, gli anni 2000 hanno visto un rinnovato interesse per la coltivazione delle olive. Questo cambiamento ha portato all'avvio di Oleum, un progetto lanciato nel 2007 con l'obiettivo di porre fine alla distruzione degli uliveti, piantare nuovi alberi e coinvolgere maggiormente le generazioni più giovani nella coltivazione dell'olivo e nella produzione di olio.

Martínez-Bujanda, ex presidente della Table of Oil and Olive di Rioja Alavesa (MAORA) è alla guida della carica. Ha fondato Oleum e ha assunto la responsabilità di trasformare le olive in a redditizio agroalimentare commerciale.

Anche l'Associazione olivicola Rioja Alavesa (AORA) ha assunto un ruolo di primo piano nel rilancio dell'olivicoltura, avviando e lavorando a vari progetti nel distretto negli ultimi due anni.

A partire dal 2017, c'erano circa 1,200 acri di ulivi a Rioja Alavesa, 500 dei quali erano vecchi uliveti sopravvissuti alla distruzione della metà del XX secolo.

Circa il 75 percento degli ulivi - compresa la maggior parte degli alberi molto vecchi - piantati a Rioja Alavesa si trovano nei comuni di Moreda de Alava, Lantziego e Oión. Ci sono anche ulivi centenari a Laguardia.

Ben adattato al clima freddo e secco di Rioja Alavesa, Arróniz (noto anche come Royuela in La Rioja) è la varietà di olive locale più popolare, producendo oli con aromi piacevoli, sapori delicati e bassa amarezza.

Anche se non hanno ancora un'indicazione geografica protetta, gli oli d'oliva della Rioja Alavesa hanno etichette che ne certificano l'origine e il tipo: Euskolabel, Ecologico ed Euskolabel-Ecologico.

AORA ora sta lavorando per posizionare gli olii locali di Rioja Alavesa nella fascia premium della Mercato spagnolo dell'olio extra vergine di oliva. A tal fine, l'organizzazione sta fornendo formazione tecnica agli olivicoltori, in modo che acquisiscano competenze per migliorare la qualità delle olive raccolte nonché la produzione di olio presso i frantoi, di cui ce ne sono ancora pochissimi e solo un piccolo numero.

Alcune piccole cantine con ulivi producono anche quantità limitate di olio d'oliva. Sperano di utilizzare gli oli come complemento ai loro vini e di venderli durante la stagione turistica. Ci sono anche piani in molte cantine per espandere le capacità di produzione di olio d'oliva.

Turismo dell'olio d'oliva, 'oleotourismo 'sta già iniziando a decollare a Rioja Alavesa, che ha già un annuale Fiera regionale dell'olio d'oliva in cui vengono presentati gli oli locali.





Related News

Feedback / suggerimenti