Ruolo dell'olio d'oliva nel ridurre lo stress ossidativo

L'olio extravergine di oliva è una fonte alimentare antiossidante facilmente reperibile che aiuta a ridurre gli effetti dello stress ossidativo e quindi riduce il rischio e la progressione di molte malattie

Giu. 8, 2016
Di Jedha Dening

Notizie recenti

I fattori di stress ambientali, fisici e mentali causano la produzione di specie reattive dell'ossigeno, note anche come radicali liberi. La produzione di radicali liberi porta il corpo umano a subire le pressioni dello stress ossidativo.

I radicali liberi sono cellule instabili altamente reattive costituite da molecole non accoppiate con gli elettroni. Le cellule non amano esistere in questo stato spaiato e quindi cercano nel corpo di trovare aree stabili, ma forse vulnerabili da cui rubare elettroni. I radicali liberi non discriminano. Devono stabilizzarsi e ruberanno gli elettroni ovunque li trovino disponibili.

Sebbene i radicali liberi svolgano un ruolo importante nel corpo e nella sua difesa immunitaria e nella funzione cellulare, troppi radicali liberi portano a danni diffusi. Lo stress ossidativo prodotto dai radicali liberi è stato collegato allo sviluppo di malattie come malattie cardiovascolari, cancro e malattie neurodegenerative, tra le altre.

In sostanza, lo stress ossidativo è uno squilibrio tra i sistemi ossidanti e antiossidanti del corpo. Gli antiossidanti stabilizzano i radicali liberi fornendo una scorta di elettroni per stabilizzare le cellule. Pertanto, se possiamo aiutare il corpo fornendo più antiossidanti, ha senso che lo stress ossidativo sia ridotto e quindi anche i danni agli organi e ai tessuti.

Gli alimenti sono una delle migliori fonti biodisponibili di antiossidanti per il corpo umano, con l'olio extravergine di oliva (EVOO) che è una delle fonti alimentari antiossidanti più studiate. Secondo uno studio pubblicato su Food Chemistry, 2014, acidi fenolici, alcoli fenolici, secoiridoidi, lignani e flavoni sono le quattro categorie identificate in EVOO come le più importanti. Sebbene sia probabilmente dovuto all'attività sinergica di tutti i composti dell'olio d'oliva (OO), secondo la ricerca, i fenoli noti come tirosolo e idrossitirosolo e le loro frazioni 3,4 ‑ diidrossifeniletanolo-acido elenolico (3,4 ‑ DHPEA-EA) e 3,4 , Dialdeide dell'acido 3,4-diidrossifeniletanolo-elenolico (--DHPEA-EDA), sono i composti identificati come responsabili di alcune delle maggiori attività antiossidanti.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Nello studio pubblicato su Food Chemistry, i ricercatori hanno esaminato una varietà di EVOO per valutare le loro capacità anti-radicali, di inibizione del perossido lipidico, H202 e protossido di azoto (NO), tutti i test di ridimensionamento degli antiossidanti. Nessuna variazione per gli oli di oliva ha mostrato per lo scavenging di H202, tutti gli oli mostrano una capacità di scavenging tra il 69.9 e il 76.8%. Tutte le frazioni analizzate hanno mostrato una forte inibizione anti-radicale ma c'era una variazione nel campione compresa tra 14.8 e 26.6 ug / ml. L'inibizione della degradazione dell'acido linoleico variava dal 39 al 45 percento e l'attività di lavaggio dell'NO variava dal 29.8 al 40.7 percento.

Un altro studio più recente, pubblicato nel Journal of Food Composition and Analysis, 2015, ha esaminato una gamma di 32 EVOO dal mercato al dettaglio italiano per misurare la loro capacità antiossidante. Un test chiamato ABTS assay è comunemente usato per testare i livelli di antiossidanti negli alimenti. L'attività antiossidante media ABTS nell'intervallo di EVOO era di 32.4 u.mol equivalenti di Trolox. Solo due dei campioni erano significativamente più alti, a circa 66 u.mol.

Nel complesso l'attività antiossidante totale in questo campione di EVOO è stata attribuita al polifenolo idrossitirosolo insieme al contenuto di alfa-tocoferolo. Un'altra osservazione interessante era che l'amarezza dei campioni era un attributo degli oli di qualità superiore. Pertanto, la scelta di un olio d'oliva con note amare e pungenti fornirà più valore antiossidante e indica una misura indiretta della qualità dell'olio d'oliva.

Sebbene molti studi dimostrino che EVOO fornisce una serie di diversi benefici per la salute, in molti casi i meccanismi non sono ancora completamente compresi. Tuttavia, gran parte della ricerca sull'EVO in relazione alla prevenzione delle malattie o all'inversione del rischio, attribuisce spesso una riduzione dello stress ossidativo come uno dei meccanismi principali.

Uno studio, pubblicato su Food & Function, 2015, ha scoperto che i composti polifenolici in EVOO, 3,4 ‑ DHPEA-EA e 3,4 ‑ DHPEA-EDA proteggono in modo significativo i globuli rossi dallo stress ossidativo. Per quanto riguarda le malattie cardiovascolari, EVOO ha dimostrato di modificare lo stato di stress ossidativo, infiammazione, perossidazione lipidica e profilo lipidico nella malattia coronarica. I ricercatori hanno persino suggerito che l'EVO può essere utile per prevenire malattie legate allo stress ossidativo come la retinopatia della prematurità, la displasia broncopolmonare, la leucomalacia periventricolare e l'enterocolite necrotizzante, nei neonati con peso alla nascita molto basso.

Il sistema nervoso centrale (SNC) è particolarmente suscettibile allo stress ossidativo. Come spiega uno studio in Food Science and Technology, "Ciò è dovuto principalmente alle sue elevate quantità di contenuto di acidi grassi polinsaturi (PUFA) che costituiscono substrati facilmente ossidabili e ad un flusso intrinsecamente elevato di specie reattive dell'ossigeno (ROS). Un altro motivo dello stress ossidativo è il basso livello di enzimi antiossidanti endogeni nel sistema nervoso centrale rispetto ad altri tessuti e il suo elevato consumo di ossigeno ".

È stato anche dimostrato che EVOO esercita un'influenza positiva sullo stress ossidativo del SNC, in particolare i livelli di perossido lipidico cerebrale e aiuta a ripristinare la composizione degli acidi grassi cerebrali, in particolare i livelli di acido docosaesaenoico (DHA). È stato anche dimostrato che aumenta le attività degli enzimi antiossidanti per aiutare a mitigare il danno ossidativo che porta a disturbi neurodegenerativi come l'Alzheimer e il morbo di Parkinson.

Il ruolo che EVOO svolge nel ridurre lo stress ossidativo è estremamente importante. Chiaramente la ricerca mostra che EVOO, in effetti, fornisce una fonte di cibo antiossidante economica e prontamente disponibile che può essere prescritta per il consumo nella dieta quotidiana per ridurre gli effetti dello stress ossidativo e quindi riduce il rischio e la progressione di molte malattie diverse.


Related News

Feedback / suggerimenti