Il sistema intelligente identifica il flutter di Olive Fly

Una nuova tecnologia consentirebbe ai produttori di olive di identificare quando la mosca della frutta olivicola è presente nei loro boschi e reagire di conseguenza.

Gennaio 8, 2018
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

In una conferenza tecnologica è stato presentato un nuovo sistema intelligente per l'identificazione bioacustica della mosca dell'olivo.

Il sensore funziona confrontando la frequenza spettrale del flutter dell'insetto e confrontandolo con il modello di quello della mosca dell'olivo.- Carmen Capiscol, Citoliva

Il sistema, sviluppato da Citoliva e Inoleo, è composto da un sensore di mosca optoelettrico e da una rete di comunicazione. Ciò consente di raccogliere, sintetizzare e visualizzare facilmente i dati sul parassita più prolifico legato all'olivo della Spagna su uno smartphone, tablet o computer.

"Il sensore funziona confrontando la frequenza spettrale del battito d'ali dell'insetto e confrontandola con il modello di quella della mosca dell'olivo ", ha affermato Carmen Capiscol, membro del team di ricerca, sviluppo e innovazione di Citoliva. "Quindi decidere se in realtà è la mosca dell'olivo o no. "

I dati dei sensori separati vengono raccolti e caricati sul Cloud, dove vengono combinati con un sistema integrato di controllo dei parassiti. I dati di temperatura e tempo sono anche registrati e memorizzati nello strumento integrato di gestione dei parassiti.

"Con i dati, un sistema di supporto decisionale spaziale identifica quando e dove avviare il sistema e lo attiva ", ha affermato Capiscol. "Quando viene superata una soglia di temperatura fissa, la crescita dei gradi giorno viene calcolata e stima il momento in cui apparirà il primo picco di mosca ".

I produttori di olive sarebbero in grado di identificare quando mosca di frutta d'oliva è presente e reagisce di conseguenza. Gli sviluppatori del sistema ritengono che ciò ridurrebbe il consumo di energia associato al monitoraggio della mosca, oltre a portare a un'applicazione più pragmatica delle misure di controllo dei parassiti.

Il sensore verrebbe posizionato all'interno di una trappola McPhail modificata, un imbuto capovolto con una campana trasparente in cima. Le mosche strisciano attraverso l'imbuto e sono attratte dalla combinazione di luce e un feromone, che si trova nella parte superiore della campana trasparente. Questa combinazione mantiene la mosca attratta fino a quando non esaurisce l'energia e successivamente annega in un piatto di acqua saponosa posto sopra l'imbuto capovolto.

A differenza delle tradizionali trappole McPhail, che catturano indiscriminatamente le mosche, questa specializzata si apriva solo quando il sensore identificava la mosca in avvicinamento come una mosca della frutta verde oliva.

Quando il sistema è stato testato in un laboratorio all'inizio di quest'anno, ha identificato correttamente la mosca dell'olivo il 91% delle volte. Il sistema ha quindi sintetizzato correttamente e inviato i dati appropriati al Cloud, il 95% delle volte.

La trappola viene fornita con un pannello solare ricaricabile e, a seconda delle condizioni meteorologiche, dovrebbe essere in grado di durare fino a 200 giorni senza cambiare. Tuttavia, il feromone utilizzato per attirare le mosche dovrebbe comunque essere cambiato ogni 30-45 giorni.

Capiscol ha affermato che l'implementazione del sistema potrebbe costare fino a 600 euro per ettacro. Questo prezzo include tre trappole (in ogni ettacro), che durano circa cinque anni a pezzo.

Il prezzo può sembrare proibitivo, ma il danno potenziale derivante dalla mosca della frutta dell'olivo è molto peggio, secondo il programma di gestione integrata dei parassiti dell'Università della California.

"Nelle aree del mondo in cui la mosca dell'olivo è stabilita e non controllata, il suo danno è stato responsabile di perdite fino all'80% del valore del petrolio a causa della minore quantità e qualità ", Frank Zalom, entomologo presso l'Università della California, Davis, ha detto. "E in alcune varietà di olive da tavola, questo parassita è in grado di distruggere il 100% del raccolto. "

Oxitec, una società di ricerca sulla gestione dei parassiti con sede nel Regno Unito, ha scoperto che nella sola Grecia si stima che ogni anno vengano spesi 35 milioni di euro per controllare la mosca dell'olivo al fine di prevenire perdite stimate per l'industria fino a 650 milioni di euro.





Related News

Feedback / suggerimenti