`Gli agricoltori e la polizia si scontrano in Turchia per l'abbattimento degli alberi - Olive Oil Times

Gli agricoltori e la polizia si scontrano in Turchia per la radura degli alberi

Novembre 7, 2014
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Foto: Greenpeace Turchia

Un giorno dello scorso settembre, in Turchia, nella zona di Soma, città tristemente nota per una recente tragedia mineraria, i contadini si sono svegliati e hanno trovato alte recinzioni di filo metallico che circondavano i loro ulivi.

La recinzione è stata eretta, senza alcun preavviso, dopo la decisione del Consiglio dei Ministri dello scorso maggio di espropriare circa 388,000 metri quadrati di oliveto per installare una Centrale Termica.

Nonostante le proteste ufficiali dei politici locali e la resistenza emotiva degli agricoltori locali, "sono proseguite le operazioni ”per le installazioni della centrale elettrica e a metà ottobre sono comparsi i bulldozer.

L'azione ha suscitato proteste anche dalla Turchia di Greenpeace, il cui avvocato, Deniz Bayram, ha affermato che la direzione provinciale del ministero dell'Agricoltura di Manisa aveva precedentemente respinto il piano di esproprio, e per questo motivo il piano dovrebbe essere considerato illegale.

I cittadini dei villaggi hanno reagito con rabbia e sgomento - incapaci di accettare la perdita di 16mila alberi, alcuni dei quali hanno più di 2,000 anni e danno ancora buoni frutti - sacrificati in cambio di una centrale termica, la terza della zona.

Inoltre, le persone di Yirca temono gli effetti che un'altra centrale elettrica potrebbe causare sulla loro salute, poiché indicano un collegamento tra le due strutture già esistenti e l'aumento del numero di casi di cancro nelle popolazioni vicine.

Nell'ottobre 21, la stampa di tutta la Turchia presentava immagini di agricoltori gettati a terra - gli abitanti di Yırca colpiti dalla polizia privata mentre cercavano disperatamente di evitare la distruzione dei loro ulivi ancestrali e una delle loro poche fonti di reddito. C'erano foto di persone che raccoglievano olive da alberi abbattuti.

È stata lanciata una campagna sui social media a sostegno dei manifestanti, utilizzando gli hashtag #ProtectOliveTrees e #ZeytinimiKesme su Twitter.

Domani e domenica (8 e 9 novembre) si svolgerà il Yırca Harvest Festival, un evento organizzato da Greenpeace Akdeniz-Türkiye e promosso come Yırca Hasat Festivali su Facebook. Un fine settimana di proiezioni di film, racconti e seminari raccoglierà ulteriore sostegno contro la continua distruzione degli alberi.

AGGIORNARE: I paesani Yirca si rallegrano, si sostituiscono



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti