Oliveti nella Valle del Giordano

Un recente studio dell'Università di Jerash, in Jordan, ha scoperto che le olive coltivate a quote più elevate producono oli di qualità superiore rispetto a quelle coltivate a quote più basse.

I ricercatori hanno confrontato gli oli prodotti ai piedi di 750 sotto il livello del mare, nella Valle del Giordano, con quelli prodotti a 1,600, 2,230 e 2,580 metri sul livello del mare ad Al-Subaihi, Kufaranja e Madaba, rispettivamente.

L'olio d'oliva ad alta quota, come quello della zona di Kufranja, è di buona qualità ed è caratterizzato da lunghi periodi di conservazione e conservazione rispetto ad altri oli.- Saleh Al-Shdiefat, professore alla Jerash University

Al-Shdiefat e il suo team hanno esaminato i valori di 13 diversi acidi grassi dai campioni 12, tre dei quali sono stati forniti da ciascuna delle quattro regioni. Gli oli utilizzati nello studio provenivano tutti da fattorie non irrigate, venivano raccolti all'inizio di novembre e conservati nelle stesse identiche condizioni fino a quando lo studio non poteva essere eseguito.

Ciò che hanno scoperto è che gli oli prodotti dalle olive coltivate ad altitudine più elevata tendevano ad avere rapporti più elevati di acidi grassi insaturi o saturi, in particolare l'acido oleico, che è considerato l'acido principale e più importante nella composizione dell'olio d'oliva.

Guarda anche: Olive Oil Research

"L'olio d'oliva ad alta quota, come quello della zona di Kufranja, è di buona qualità ed è caratterizzato da lunghi periodi di conservazione e conservazione rispetto ad altri oli, preservando così le sue proprietà fisiche e chimiche e l'alto valore nutrizionale", Saleh Al-Shdiefat , professore nel dipartimento di agricoltura dell'Università di Jerash, ha scritto nello studio.

L'unica anomalia nello studio era che gli oli della regione Kufaranja leggermente più bassa (piedi 2,230) avevano valori più alti di acidi grassi insaturi rispetto alla regione Madaba (piedi 2,580).

"Principalmente le condizioni climatiche, in particolare la temperatura, l'esposizione alla luce e le precipitazioni, oltre alle pratiche culturali e alle procedure post raccolta fino alla pressatura nei mulini [hanno tenuto conto di questa anomalia]", ha detto Al-Shdiefat Olive Oil Times.

In altre parole, anche le condizioni meteorologiche e di raccolta hanno un impatto significativo nel determinare olive oil qual­ity, ma quando le migliori pratiche vengono applicate a boschetti di altitudine più elevata e il tempo collabora con i coltivatori, gli oli che ne risultano sono di qualità superiore.

Nel frattempo, gli oli prodotti dalle olive coltivate nella Valle del Giordano avevano i rapporti più bassi tra acidi grassi insaturi e saturi, ma avevano i più alti livelli di acidi grassi linoleici e linolenici, che contribuiscono al sapore delle olive e sono preferibili in table olives.

"Mentre l'olio d'oliva prodotto sotto il livello del mare, come nella valle della Giordania, è l'olio più desiderabile sul tavolo, ha la più bassa qualità dei quattro siti ed è il più vulnerabile all'ossidazione e ha una bassa capacità di conservazione, "Al-Shdiefat ha scritto.

Al-Shdiefat ha affermato che i risultati del suo studio dovrebbero essere utilizzati per determinare dove dovrebbero essere piantati gli uliveti futuri e per quali attuali boschetti dovrebbero essere utilizzati, che si tratti di olive da tavola o della produzione di oli d'oliva destinati export.

"Tenendo conto dei risultati di produzione relativi a problemi di qualità, è preferibile non piantare più ulivi nelle aree della Valle del Giordano", ha affermato.

Olive cul­ti­va­tion e oil pro­duc­tion sono le attività agricole più importanti in Giordania e forniscono mezzi di sussistenza per i giordani che vivono nelle zone rurali. Circa il 24 percento della terra araba della Giordania è coltivata a ulivi e il settore ha ricevuto investimenti significativi sia a livello nazionale che dall'estero nell'ultimo decennio.

Secondo International Olive Council, La Giordania ha prodotto tonnellate 24,000 di olio d'oliva nel 2018/​19 cam­paign, di cui sono state esportate tonnellate 1,000. Il regno produsse anche tonnellate di olive da tavola 30,000 nella campagna, di cui furono esportate tonnellate 5,000.

"In Giordania, stiamo cercando di migliorare la qualità delle olive e dell'olio d'oliva", ha affermato Al-Shdiefat.

Ciò significa trovare i posti migliori per piantare nuovi ulivi, in modo che gli oli risultanti abbiano le composizioni chimiche della massima qualità possibile. Sulla base dei risultati di questo studio, ciò significa spostare la coltivazione lontano dalle quote più basse e cercare nuovi luoghi in cui coltivare le olive al di fuori dell'ovest e del nordest del paese, dove le olive sono state tradizionalmente coltivate per millenni.

"Questa ricerca è il punto di partenza di questo problema", ha affermato Al-Shdiefat. "Dobbiamo cercare altre altitudini superiori ai metri 1,000 [piedi 3,280] sul livello del mare che si trovano nella parte meridionale della Giordania [per vedere se le olive possono essere coltivate con successo lì]."

Lo studio è stato pubblicato dal Canadian Centre of Science and Education.




Commenti

Altri articoli su: ,