` Il villaggio sommerso potrebbe essere la sede dei primi frantoi - Olive Oil Times

Il villaggio sommerso potrebbe essere la sede dei primi oleifici

Dicembre 15, 2014
Isabel Putinja

Notizie recenti

Gli archeologi marittimi australiani e israeliani stanno scavando un villaggio sottomarino di 7,500 anni che potrebbe essere stato il più antico centro di produzione di olio d'oliva al mondo. Il villaggio levantino risalente al periodo neolitico è sommerso sotto 5 metri d'acqua in un sito chiamato Kfar Samir al largo della costa di Haifa, in Israele.

Il team di scavo è composto dagli archeologi marittimi Jonathan Benjamin della Flinders University, Australia, ed Ehud Galili, della Israel Antiques Authority e dell'Università di Haifa, in Israele. Precedenti scavi nel sito hanno suggerito che l'olio d'oliva potrebbe essere stato prodotto nell'insediamento preistorico, il che lo renderebbe il centro più antico del mondo per la produzione di olio d'oliva.

Uno studio 1997, pubblicato sul Journal of Archaeological Science, ha descritto gli scavi sottomarini a Kfar Samir che ha scoperto migliaia di noccioli di oliva frantumati e polpa di oliva sepolti nelle fosse. La scoperta ha rivelato che la tecnologia di produzione di olio d'oliva è stata utilizzata in questa regione già 6,500 anni fa, 500 anni prima di quanto si credesse in precedenza.

Durante l' scavi recenti, il team di ricerca ha scavato una struttura che un tempo era un pozzo di acqua dolce che era stata successivamente utilizzata per lo smaltimento dei rifiuti. I ricercatori hanno prelevato campioni della sabbia che ricoprono il pozzo che, se analizzati, possono fornire importanti spunti sulla società che un tempo viveva nell'antico villaggio, inclusi dettagli sulla loro prima dieta mediterranea e pratiche commerciali.


Related News

Feedback / suggerimenti