`Degustazione di oli d'oliva freschi in Italia - Olive Oil Times

Degustazione di oli di oliva freschi in Italia

Novembre 5, 2012
Luciana Squadrilli

Notizie recenti

Mangiare una fetta di pane rustico con un filo di olio d'oliva appena macinato è un rito secolare che ricorre ogni anno in ogni regione d'Italia all'inizio della raccolta.

Dall'inizio di ottobre (o anche già a settembre come in alcune regioni meridionali) a fine dicembre, le aziende agricole e i mulini italiani devono affrontare un programma di lavoro frenetico e non c'è modo migliore per calmarsi e rilassarsi alla fine della giornata lavorativa che con un semplice ma delizioso boccone.

La vendemmia di quest'anno in Italia sembra essere iniziata di buon auspicio. Dopo un'estate molto calda e secca e alcuni rovesci intensi tra settembre e ottobre, il tempo è ora sereno. I meteorologi prevedono quantità inferiori rispetto allo scorso anno, ma olive di altissima qualità. Di seguito, una panoramica dei primi rapporti sulla stagione del raccolto da diverse regioni e produttori, dal Sud al Nord Italia.

In Sicilia, nel cuore del Mar Mediterraneo, la nuova produzione è stata presentata da Federdoc (Federazione regionale dei consorzi per la protezione delle denominazioni di origine controllate) durante "in primo piano”Manifestazione dell'olio d'oliva tenutasi a Trapani a metà ottobre. La Sicilia è la terza regione produttrice in Italia dopo Toscana e Puglia, rappresentando il 14 per cento della produzione nazionale con le sue 1,500 tonnellate e 6 consorzi POD.

Nel Salento, la bellissima area della Puglia in fondo al "boot ”, i dati della vendemmia 2012 sono stati presentati durante una conferenza stampa tenuta dall'associazione degli olivicoltori italiani Unaprol a Lecce il 25 ottobreth. La conferenza stampa è stata anche l'occasione per presentare il prossimo raccolto del "Regina" ulivo dedicato a Michelle Obama, e per dimostrare che è del tutto possibile produrre un eccellente olio extravergine di oliva da un ulivo di 1,400 anni.

In Calabria - la punta dello stivale italiano - la nuova edizione di Primolio Fest ha appena iniziato a celebrare la nuova produzione di olio extravergine di oliva con una serie di attività fino a dicembre e un testimonial speciale: Salvatore Caruso, calabrese di 107 anni che sta vivendo la testimonianza degli effetti positivi di uno stile di vita sano e di un'alimentazione con prodotti locali e abbondante olio extravergine.

Salvatore Caruso

Dal Molise, piccola regione del Centro Italia, dove alcuni appassionati produttori di olio extravergine di oliva hanno fondato la Molisextra associazione, Francesco Travaglini scrive della raccolta di quest'anno sulla sua blog. Prima della raccolta, ha detto, "quest'anno la stagione secca è stata lunga e dura, quindi qui in Molise dovremmo avere quantità inferiori rispetto allo scorso anno, prevedendo una perdita intorno al 20 per cento. Ma fortunatamente non abbiamo alcun segno della mosca delle olive e le nostre olive sono completamente sane. Quindi potremmo aspettarci un olio molto equilibrato, anche se con un lieve aroma fruttato. "

Ora che il raccolto è appena terminato, i risultati confermano le sue previsioni. Grazie al clima estivo nella prima metà di ottobre la raccolta delle olive è stata rapida e l'2012 di Travaglini il Tratturello è già imbottigliato. L'ultimo albero da raccogliere è stato impressionante Leone di Carpineto (Leone di Carpineto), un albero di 500 anni che quest'anno ha donato generosamente 240 chili di olive di Saligna di Larino ottenendo 40 litri di un olio extravergine di oliva molto speciale.

Francesco Travaglini (foto file OOT)

In Umbria, il "focolare verde dell'Italia ", dove alcuni di i migliori oli d'oliva vieni da, il Famiglia Gaudenzi sono stati tra i primi a iniziare a scegliere il 5th Ottobre, attenendosi alla tradizione familiare nonostante la siccità estiva. Il primo olio da spremere e imbottigliare fu il Quinta Luna, presentato a Eataly Roma per a "degustazione in anteprima ”il 21 ottobre. Seguirono le altre etichette Gaudenzi, tra cui la "6 Novembre ”, lo speciale olio d'oliva in memoria di Vincenzo Gaudenzi, fondatore del frantoio. L'olio dedicato alla memoria di Vincenzo cambia ogni anno secondo quella che i membri della famiglia considerano la migliore espressione della loro produzione.

Date le diverse condizioni climatiche e geografiche, e le diverse abitudini e il gusto per un olio più maturo, in Liguria la raccolta delle olive è iniziata più tardi. A Badalucco, il Frantoio Roi, guidata dal consulente Eataly Franco Boeri Roi, ha iniziato la raccolta solo il 22nd Ottobre. Il comunicato stampa dell'azienda riporta "alberi carichi e niente mosca dell'olivo ”anche grazie alla temperatura più rigida degli ultimi giorni. Così dalla scorsa settimana il frantoio è stato messo al lavoro, macinando sia le proprie olive che quelle portate da altri contadini. "


Franco Boeri Roi (a destra) con Nicolas Coleman (foto file OOT)

"Siamo interessati come al solito ", ha detto Franco Boeri Roi "per acquistare le migliori olive a prezzi più alti del mercato. " La fiducia è stata giustificata dall'aumento della produzione e delle vendite di Roi nel 2012, quando il nuovo Cru Morga DOP Riviera Ligure si è unito alla casa Cru Gaaci e Riva Gianca tra le altre etichette.



Related News

Feedback / suggerimenti