`Rovine antiche a Amos, Turchia - Olive Oil Times

Rovine antiche a Amos, Turchia

Dicembre 4, 2012
Gretta Schifano

Notizie recenti

Le rovine dell'antica città di Amos si affacciano sulla baia di Kumlubük sulla penisola di Bozburun, nel sud-ovest della Turchia. Io e la mia famiglia siamo stati ospiti del vicino hotel Dionysos. Un pomeriggio io e mio marito abbiamo camminato dalla nostra villa dal tetto rosso attraverso boschetti di alberi da frutto e ulivi fino all'angolo sud-est del parco dell'hotel e giù per la montagna fino ad Amos. Ci sono voluti circa venti minuti per arrivarci, ma più tempo per risalire.

Il percorso irregolare è segnato da cerchi rossi dipinti su rocce, e si snoda attraverso una fitta miscela di mirto, ginestra, agrifoglio, carruba e olivastro con delicate fioriture rosa ciclamino che spuntano qua e là tra le rocce. Non abbiamo incontrato nessuno sul sentiero, ma Annabel Elsdon, la responsabile delle relazioni con gli ospiti dell'hotel, ci aveva detto che anche gli animali selvatici lo usano, e abbiamo visto luoghi in cui la terra era stata dissotterrata dai cinghiali in cerca di cibo. Annabel ci ha detto che anche istrici, tartarughe, volpi, lepri e un paio di aquile vivono sul fianco della montagna, ma purtroppo non ne abbiamo visti nessuno durante la nostra passeggiata.

Quando siamo arrivati ​​ad Amos abbiamo scoperto di avere il posto tutto per noi. Abbiamo camminato tra boschetti di ulivi selvatici, che immaginavo discendessero da alberi coltivati ​​dagli abitanti originari di Amos. C'erano cartelli in turco e in inglese che spiegavano la storia del luogo, e abbiamo letto che le mura di pietra grigia che potevamo vedere intorno all'insediamento risalgono al periodo ellenistico (323 a.C. - 31 a.C.) ed erano originariamente alte quattro metri e due metri attraverso. Abbiamo passeggiato tra le antiche rovine fino all'anfiteatro che ha 1,300 posti a sedere e viste panoramiche sul Mediterraneo verso la lontana città di Marmaris.

Ahmet Şenol, l'ospitale proprietario della tenuta di Dionysos, ha creato l'hotel dal fianco della montagna: ci sono voluti solo diciannove mesi per scavare il terreno roccioso e completare l'hotel, costruendo attorno a ulivi maturi e piantandone di nuovi. Oggi la sua tenuta vanta circa 1,500 ulivi, che producono olio extravergine di oliva di alta qualità. Il giorno prima della nostra passeggiata, Ahmet mi aveva detto che gli scavi ad Amos avevano trovato un contratto di affitto di terreno del III secolo aC su una tavoletta di pietra. L'accordo stabiliva che l'inquilino doveva piantare un ulivo ogni anno. Mentre mi sedevo sulle terrazze di pietra dell'anfiteatro guardando il Mediterraneo, ho riflettuto sul fatto che alcuni valori sono senza tempo e Ahmet continua un'antica tradizione.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti