Gli ulivi della Turchia sono minacciati dalla bozza di legge

Se la nuova legge ottiene il via libera, qualsiasi uliveto che ospita meno di 15 alberi per decremento (2.5 acri) non sarà classificato come un oliveto e sarà messo a rischio di riqualificazione.

Può. 30, 2017
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

Modifiche proposte a "La legge sull'olivo ”che protegge gli ulivi della Turchia dagli anni '1930 del secolo scorso potrebbe comportare l'abbattimento di migliaia di alberi e la sostituzione degli uliveti con miniere, progetti industriali e strutture abitative ritenute "benefici pubblici ”se un progetto presentato il 17th Può andare avanti.

Se questa legge verrà approvata, tutti gli uliveti dei nostri abitanti e dei compagni saranno in pericolo.- Haluk Yurtkuran, Adatepe Olive Oil e un museo dell'olio d'oliva

Haluk Yurtkuran, cofondatore e presidente di Adatepe Olive Oil e un museo dell'olio d'oliva nella provincia di Çanakkale in Turchia Olive Oil Times, "è un progetto di legge che ucciderà definitivamente ulivi secolari sulla costa mediterranea ed egea della Turchia consentendo progetti minerari, industriali e abitativi sugli uliveti ".

Secondo la legge vigente (articolo 9 legge n. 3573) si prevede che gli uliveti non abbiano più di 15 alberi per decare (1,000 metri quadrati, o circa 0.25 acri). Se la nuova legge ottiene il via libera, qualsiasi uliveto che ospita meno di 15 alberi per decare non sarà classificato come uliveto.

Yurtkuran disse: "Questo è il punto più critico di questo progetto perché tutti gli uliveti nelle regioni del Mediterraneo e dell'Egeo settentrionale della Turchia hanno alberi molto vecchi che sono stati piantati tradizionalmente 10 metri x 10 metri secondo il vecchio know-how. Quindi nella maggior parte degli uliveti, il numero di ulivi è naturalmente inferiore a 15 per decare.

Inoltre, fino a tempi recenti, la terra è divisa tra gli eredi in pezzi di terra molto piccoli. Ora, questa regola è stata cambiata ma migliaia di piccoli agricoltori hanno boschetti su scala molto piccola. Quindi, con questa nuova legge, i loro oliveti saranno minacciati di non essere più contati come oliveti e trattati come campi ordinari. "

Attualmente, la terra olivicola è "protetti ”da qualsiasi attività industriale diversa dalla produzione di olio d'oliva. Questo comprende il boschetto e la terra entro un raggio di tre chilometri. Secondo Yurtkuran, molti piccoli uliveti sono stati invasi da progetti industriali, minerari e abitativi. Yurtkuran crede che la nuova legge avrebbe rappresentato una minaccia per i boschi più grandi, dove c'era un "beneficio pubblico "nel consentire a impianti industriali, miniere e altre attività di trasferirsi.

Adatepe perse il suo più grande uliveto a causa della nazionalizzazione. Yurtkuran ha spiegato, "Il nostro pezzo più grande è stato nazionalizzato alcuni anni fa solo a causa della costruzione di un'autostrada che sarebbe passata attraverso il nostro boschetto ". Quando la società si è opposta, è stato detto che c'era un file "beneficio pubblico "dal progetto.

Nella manifestazione di opposizione più ampia e pubblica fino ad oggi, il gruppo turco "L'Associazione degli amici degli ulivi "(Zeytindostu Derneği) ha lanciato una petizione chiamata, "Non toccare il mio ulivo. ”Oltre 18,000 persone hanno firmato la petizione e gli organizzatori sperano di raccogliere un milione di firme contro il progetto proposto.

Haluk Yurtkuran

Prima di questa campagna, le comunità locali, il pubblico in generale e le associazioni tra cui il Consiglio Nazionale dell'Oliva e dell'Olio di Oliva e gli Amici dell'Associazione degli ulivi hanno espresso la loro opposizione alla nuova legge proposta attraverso seminari, proteste e piattaforme di social media.

Il governo, giunto alla quarta legislatura, ha tentato per la prima volta di modificare la legge sull'ulivo nel secondo mandato. Sono stati espressi timori che il governo sia più forte e più fiducioso nel far approvare il progetto dopo l'approvazione del regime presidenziale di aprile.

Disse Yurtkuran Olive Oil Times, "Se questa legge verrà approvata, tutti gli uliveti dei nostri e degli altri abitanti del villaggio saranno in pericolo. La nostra azienda potrebbe avere difficoltà a ottenere prodotti locali a causa della diminuzione della produzione di olive nella regione e sarà obbligata ad acquistare olive dalle grandi piantagioni di diverse regioni della Turchia.

Ciò influirà sul nostro vantaggio di produrre olio d'oliva dalle olive raccolte nel nostro quartiere, che riteniamo abbia il miglior microclima che influisce sul gusto dell'olio ”.

Secondo l'attuale legge turca, chiunque tagli illegalmente un ulivo rischia una multa di 2,000 lire turche ($ 560) per albero. Il progetto di emendamento mira a rimuovere la pena detentiva di tre mesi per il pascolo non autorizzato di animali su oliveto; i trasgressori sarebbero invece multati di 5,000 TL (circa $ 1,400).

Adatepe ha collaborato con altri agricoltori, compagnie petrolifere e ONG per sensibilizzare l'opinione pubblica e salvare gli ulivi della Turchia. La compagnia era attiva nel prevenire lo spostamento delle miniere d'oro nel loro quartiere. Si ricorda ai visitatori del museo dell'olio d'oliva di Adatepe "L'olivo è il vero oro di questa terra ”tramite manifesti sui muri. Sono informati dei pericoli posti dal progetto di legge in fogli illustrativi.

I "Non toccare il mio ulivo ”può essere firmata la petizione Change.org.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti