Vuoi ripristinare la democrazia? Prendi una forchetta

La ricerca suggerisce che una dieta europea precede l'avvento di una classe media e la classe media significa democrazia.

Novembre 28, 2016
Di Stav Dimitropoulos

Notizie recenti

Una nuova ricerca del Laboratory for Comparative Social Research (LCSR) della Higher School of Economics (HSE) in Russia afferma che se l'umanità vuole ripristinare la democrazia, sarebbe meglio spostare l'enfasi sulla nutrizione piuttosto che sulla crescita del reddito o sulla liberalizzazione degli scambi.

Lo foglio di lavoro titolato "Una ricetta per la democrazia: la diffusione della dieta europea e dei cambiamenti politici ”ha cercato di arrivare al fondo dell'intera affascinante domanda su come il cibo e la democrazia si collegano.

Utilizzando uno studio comparativo con dati provenienti da paesi 157, la ricerca ha scoperto che una dieta ricca di prodotti lattiero-caseari, olio d'oliva, proteine, dolciumi e alcolici, tra gli altri, si allinea meglio con la democrazia.

L'ultima cosa che una popolazione malnutrita ha in mente è l'attivismo politico.- Andrey Shcherbak, ricercatore

No, non significa che consumare questo tipo di commestibili rende arbitrariamente le persone più democratiche. Ciò che il documento concludeva indicava una connessione indiretta tra democrazia e dieta. In parole povere, quando le persone mangiano prodotti alimentari diversi, costosi e di qualità superiore anziché solo pane e cereali su base regolare, è un segnale forte che la democrazia è sulla buona strada.

"La diffusione di a 'Dieta europea "- la dieta con un'alta percentuale storicamente senza precedenti di proteine ​​animali nel suo apporto calorico giornaliero - è considerata un proxy per l'espansione della classe media", Andrey Shcherbak, ricercatore senior presso il Laboratory for Comparative Social Research of the Higher School of Economics in St. Petersburg, Russia ha detto Olive Oil Times.

pubblicità

"Una grande classe media è un prerequisito strutturale per una transizione verso la democrazia e il suo consolidamento con successo diventa più probabile sotto una classe media ", ha detto il ricercatore.

Ma come può la dieta, in questo caso un tipo di dieta europea, precedere l'avvento della classe media e, a sua volta, della democrazia? Shcherbak ci ha esortato a guardare indietro nella storia, il che dimostra come i principali produttori di olio d'oliva del mondo abbiano sopportato la democrazia.

"La Grecia e l'Italia, due dei maggiori produttori e consumatori di olio d'oliva, sono i luoghi di nascita della democrazia e della repubblica. Questa non è una coincidenza. L'olio d'oliva in Grecia e in Italia era un'importante fonte di grassi e altri nutrienti preziosi per tutte le persone e un oggetto commerciale molto interessante dal punto di vista commerciale. Credo che questi fattori abbiano contribuito all'emergere di una grande classe media nelle antiche società greche e romane antiche ", afferma il ricercatore russo, che arriva fino a dire che forse l'olio d'oliva è stato uno dei motivi per cui le nozioni politiche di democrazia e la repubblica è nata da queste aree.

Ma, nonostante i simbolismi che potrebbe mostrare l'uso diffuso dell'olio d'oliva nei luoghi di nascita della democrazia di tipo occidentale, ci sono altri motivi per cui la nutrizione potrebbe precedere la democrazia e non viceversa.

Per cominciare, Shcherbak ha affermato che le persone che hanno accesso permanente a oggetti di prestigio come animali e prodotti lattiero-caseari sono esistenzialmente sicure. Non hanno bisogno di agonizzarsi per la sopravvivenza quotidiana e sono liberi di abbracciare i valori emancipativi. Ciò rende più probabile per loro difendere i diritti individuali rispetto a una società in cui le persone si limitano a sfuggire.

Quindi, c'è un effetto politico-sociale. L'autonomia alimentare porta l'autonomia politica. "L'ultima cosa che una popolazione malnutrita ha in mente è l'attivismo politico ”, ha ragionato Shcherbak. "Le persone povere e malnutrite possono essere facilmente manipolate. Il costo relativo del loro voto è molto basso per loro. In alcuni paesi, osserviamo grandi reti di clientelismo e clientelist che distribuiscono cibo per i voti tra i poveri - per lo più economici, ricchi di carboidrati ".

Inoltre, un'alimentazione ottimale equivale a una buona salute. "Una dieta arricchita svolge un ruolo catalizzatore nella formazione di 29 organi vitali tra cui il sistema nervoso centrale, che determina le capacità cognitive ", osserva lo studio. "Guarda le prestazioni educative dei bambini ", ha sottolineato Shcherbak. "Povertà e malnutrizione la riducono significativamente. In generale, le popolazioni più sane tendono ad essere più istruite e più attive in termini di impegno politico ".

Vale la pena ricordare che lo studio della LCSR pone nuove preoccupazioni per la forma dell'assistenza necessaria ai paesi in via di sviluppo. "Se una buona alimentazione è la chiave per stabilire la democrazia, allora forse l'aiuto umanitario potrebbe essere preferibile all'assistenza finanziaria per i paesi più poveri ", è stato un risultato chiave della ricerca di ottobre 2016.



Related News