I produttori vincitori al concorso mondiale danno a EVOO marocchino il "posto che merita"

Il Marocco ha portato a casa un numero record di premi quest'anno NYIOOC. I vincitori hanno attribuito il loro successo a una "rivoluzione silenziosa" nel settore dell'olio d'oliva del paese.
Oliveti di Les Huiles Précieues. Foto per gentile concessione di Franck Salvatori.
Giu. 1, 2020
Pablo Esparza

Notizie recenti

Con tre premi quest'anno NYIOOC World Olive Oil Competition, I produttori marocchini hanno goduto della loro migliore performance fino ad oggi al concorso di qualità dell'olio d'oliva più prestigioso al mondo.

I produttori del paese nordafricano hanno ottenuto un premio nel 2019 e nessuno nel 2018. I risultati di quest'anno hanno confermato che la scommessa del paese sulla produzione di oli d'oliva di alta qualità sta iniziando a dare i suoi frutti.

Penso che questo sia solo l'inizio di una piccola rivoluzione nell'olio d'oliva.- Djamel Belhaouci, manager di Les Huiles Precieuses

"Siamo stati molto orgogliosi e felici. Ciò indica che stiamo andando nella giusta direzione ", ha affermato Omar Tagnaouti, responsabile delle esportazioni e dello sviluppo di Olea, un gruppo agricolo con migliaia di acri di campi nel paese nordafricano.

Il suo marchio Zouitina ha vinto un Gold Award al 2020 NYIOOC e un argento nel 2019.

Vedi anche: Copertura speciale: 2020 NYIOOC

"Offriamo olio extra vergine di oliva di qualità e volume sufficiente per essere competitivi sul mercato internazionale, ma non trascuriamo mai la produzione artigianale ", ha detto Olive Oil Times. "[Il NYIOOC] ci aiuta a commercializzare il nostro marchio, Zouitina. "

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Les Huiles Precieuses è un piccolo produttore il cui Huile Bleue guadagnato un Silver Award alla NYIOOC per il suo monovarietale Picholine delle montagne dell'Atlante, non lontano da Marrakech.

"Siamo davvero felici e un po 'sorpresi ", ha detto Djamel Belhaouci, il manager dell'aziendo olive oil Times. "Siamo un'azienda giovane e questa è un'ottima cosa per il marketing ".

Belhaouci dà tutto il merito della qualità del suo olio a Franck Salvatori, suo socio e esperto di olio d'oliva che ha intrapreso questo progetto tre anni fa.

"Ha molta esperienza. È venuto in Marocco e ha scoperto che questa regione è perfetta per produrre olio d'oliva ”, ha affermato. "Il nostro progetto è iniziato così. Si è unito anche un altro amico, Jacques-Antoine Preziosi, avvocato a Marrakech. Ora siamo al secondo anno e siamo molto emozionati e sorpresi da questo successo ".

"Per noi è molto importante interagire e competere con i migliori oli al mondo", Ha aggiunto Belhaouci. "Possiamo farlo solo una volta ogni tanto ed è possibile al NYIOOC. Crediamo che sia il posto in cui devi essere ".

Eythrib Abderrahman è il manager di Harrando e Co, un altro piccolo produttore nella regione di Frouga, anch'esso vicino alla città di Marrakech. Il suo Picholine Languedoc monovarietale ha vinto un Silver Award alla NYIOOC.

"Siamo principianti e un premio in una competizione così prestigiosa ci dà supporto e fiducia per andare avanti ", ha detto Abderrahman Olive Oil Times. "Nel 2019, abbiamo inviato il nostro olio al concorso del Salon de Paris e non abbiamo ricevuto alcun premio. Successivamente, abbiamo ripensato al modo in cui stavamo facendo alcune cose e abbiamo cercato di migliorarle. "

"Abbiamo cercato un frantoio di qualità e ridotto i tempi dalla raccolta alla frangitura delle olive. Questo premio ci dice che abbiamo fatto bene ", ha aggiunto.

Harrando and Co ha piantato i suoi primi ulivi nel 2012 in una tenuta di 15 ettari (37 acri), concentrandosi su una sola varietà: Picholine Languedoc.

"Non ho studiato agronomia, ma avevo la volontà personale di cambiare la mia vita e di essere in contatto con la campagna ", ha detto Abderrahman. "Ho incontrato Rachid Harrando e abbiamo deciso di iniziare questo progetto. Abbiamo iniziato a poco a poco con tanta volontà e passione personale ".

"Ogni olio d'oliva ha le sue caratteristiche ", ha aggiunto. "Dipende dal terroir e dall'origine in cui viene prodotto. Il Marocco deve uscire perché sia ​​meglio conosciuto e apprezzato. Passo dopo passo, vogliamo percorrere questa strada ".

Rachid Harrando nei suoi uliveti.

Nel 2019, il Marocco ha prodotto 145,000 tonnellate di olio d'oliva, rispetto alle 36,000 tonnellate del 1991, secondo il Consiglio oleicolo internazionale. Il paese è ora il sesto produttore di petrolio al mondo.

E questa crescita costante in termini di quantità è stata seguita da un miglioramento della qualità dell'olio marocchino, secondo i produttori contattati do olive oil Times.

"Alcuni produttori e investitori, per lo più provenienti dal mondo degli agricoltori tradizionali, erano consapevoli della necessità di migliorare la qualità per essere competitivi e mettere il petrolio marocchino al posto che merita ", ha detto Abderrahman. "Devi fare qualcosa di specifico per raggiungerlo. "

Essendo un paese mediterraneo, l'olio d'oliva è stato un alimento base in Marocco per secoli. Ora, questo settore tradizionale sta attraversando una rivoluzione silenziosa.

"Il Marocco ha un olio d'oliva di qualità da molto tempo ", ha detto Belhaouci. "Il problema è che le persone tradizionali, se così si può dire, hanno un'opinione su cosa sia un olio di alta qualità diversa da quella degli esperti. Immagino che questo sia uno dei motivi principali per cui ci è voluto così tanto tempo prima che il petrolio marocchino fosse riconosciuto a livello internazionale ".

"Penso che questo sia solo l'inizio di una piccola rivoluzione nell'olio d'oliva ", ha aggiunto. "Non solo in Marocco, ma anche in luoghi come la Slovenia e l'Uruguay. Tra 20 anni, saremo in grado di trovare un ottimo olio d'oliva in molti paesi del mondo e il Marocco farà parte di quel cambiamento ".


Related News

Feedback / suggerimenti