L'epidemia di Xylella nella zona cuscinetto pugliese mette a rischio gli alberi millenari

Almeno 50 alberi infettati dal micidiale patogeno vegetale sono stati scoperti in una zona cuscinetto di Xylella fastidiosa, hanno detto le autorità, minacciando alcuni dei famosi ulivi secolari della zona.
Ottobre 1, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Una delle zone produttrici di olio d'oliva più importanti nella regione dell'Italia meridionale Puglia è ancora una volta sotto l'attacco di Xylella fastidiosa.

Un nuovo focolaio del micidiale patogeno vegetale è stato scoperto dalle autorità italiane in diversi olivi vicino a Monopoli, in quella che è considerata la zona cuscinetto epidemica, un'area di monitoraggio critica situata tra le zone infette e quelle sicure.

Sono presenti più di 250,000 ulivi di straordinario valore. Non possiamo permettere che questa immensa eredità vada perduta.- Savino Muraglia, presidente Coldiretti Puglia

"Abbiamo scoperto che l'infezione si è diffusa a 50 ulivi nei dintorni di Monopoli ”, hanno scritto gli esperti di Xylella dell'Agenzia regionale per le acque e le foreste (Arif).

"Gli ulivi fanno parte della zona cuscinetto che si trova lungo la strada 16 ", hanno aggiunto gli scienziati dell'agenzia. "Fanno parte della monumentale valle dell'olivo, cioè la fascia costiera adriatica (degli alberi) che passa da nord a sud attraverso la zona sicura, la zona cuscinetto, il contenimento e le zone infette ”.

Vedi anche: Xylella Fastidiosa arriva nella terza regione francese

La presenza dei batteri in quella posizione è senza precedenti. Il governatore pugliese Michele Emiliano ha detto che i nuovi contagi sono "un'altra conferma che questa malattia si diffonde in modo imprevedibile, con focolai che spuntano nel mezzo di aree in cui il livello di infezione fino a quel momento è considerato molto basso o inesistente. "

"È la prima volta che troviamo alberi infetti nella zona cuscinetto, al confine settentrionale, proprio vicino alla zona sicura ”, hanno aggiunto gli scienziati di Arif. "Uno di quegli alberi fa effettivamente parte di quella che abbiamo considerato la zona sicura ".

Gli scienziati hanno sottolineato come la vicinanza dell'area infetta alla strada 16 suggerisca che la strada potrebbe aver avuto un ruolo nello scoppio della Xylella in questa nuova area.

Lo spittlebug, uno dei principali vettori della malattia, è notoriamente attratto dalle automobili e spesso viene spostato nella regione mediante trasporto umano.

business-europe-world-xylella-outbreak-in-pulian-buffer-zone-put-millenary-trees-at-risk-olive-oil-times

Lo spittlebug

I ricercatori sono ora al lavoro per misurare la portata dell'epidemia e stabilire una nuova zona cuscinetto attorno agli alberi infetti. Gli esami dei campioni sono già iniziati.

Come prescritto dall'Unione Europea Misure di contenimento di Xylella, tali analisi identificheranno quali alberi e altre piante devono essere rimossi nell'area e porteranno alla creazione di una zona cuscinetto ridefinita.

Le autorità locali hanno sottolineato che le operazioni di monitoraggio nei dintorni vengono ora estese oltre il raggio prescritto di 100 metri (330 piedi) attorno alle piante infette.

"L'epidemia è stata scoperta grazie alle operazioni di monitoraggio annuali che hanno già portato all'esame di oltre 100,000 campioni, di cui solo 149 sono stati trovati infetti ”, hanno detto gli scienziati dell'Arif.

L'ultimo focolaio arriva mentre sono in corso le operazioni di abbattimento degli alberi nelle vicine zone di Ostuni, Fasano e Cisternino, dove nelle scorse settimane sono stati individuati quasi 80 alberi infetti.

Il ramo locale dell'associazione degli agricoltori, Coldiretti, ha chiesto che il nuovo focolaio, che sta minacciando direttamente la famosa regione ulivi millenari, spingere tutte le parti interessate verso un nuovo approccio.

business-europe-world-xylella-outbreak-in-pulian-buffer-zone-put-millenary-trees-at-risk-olive-oil-times

Caino Bardeau per Olive Oil Times

"A Fasano, Ostuni, Carovigno e Monopoli ci sono più di 250,000 ulivi, di straordinario valore, considerato dall'UNESCO per la sua lista del patrimonio mondiale ”, ha detto il presidente della Coldiretti Puglia, Savino Muraglia. "Non possiamo permettere che questa immensa eredità vada perduta ".

Coldiretti ha già criticato gli sforzi delle autorità per arginare la diffusione della malattia e ha detto "non esiste ancora una strategia condivisa tra le autorità regionali, nazionali ed europee per fermare la malattia ".

Negli ultimi sei anni, la Xylella fastidiosa ha avuto un impatto sugli oliveti in tutta la regione, causando danni per 1.6 miliardi di euro (quasi 1.9 miliardi di dollari).

Secondo Coldiretti, la malattia continua a diffondersi al nord in Italia e l'Autorità europea per la sicurezza alimentare ha avvertito anche di nuovi focolai che si stanno verificando in altri Stati membri, compresa la Francia, Spagna, Portogallo e Germania.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti