`Gli abitanti del villaggio di Yirca si rallegrano, sostituiscono - Olive Oil Times

I paesani Yirca si rallegrano, si sostituiscono

Novembre 9, 2014
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Attraverso gli ulivi abbattuti, un agricoltore di Yirca (Soma), in Turchia, rimuove una recinzione di filo spinato dalla sua terra dopo che i piani per una nuova centrale elettrica sono stati sospesi. (Foto: Greenpeace Turchia)

Alla fine circa 6,000 alberi sono stati sradicati venerdì (7 novembre 2014) a Yirca, in Turchia dai bulldozer Kolin Construction per far posto a una nuova centrale elettrica.

Scontri scoppiarono di nuovo tra gli abitanti del villaggio e le forze di sicurezza private assunte da Kolin per assicurare che la demolizione andasse avanti.
Vedi anche: Gli agricoltori e la polizia si scontrano in Turchia per la radura degli alberi
"Questa è una sconfitta per noi, ma non lasceremo la nostra terra ", ha detto il sindaco di Yirca Mustafa Akın in un'intervista con CNN Türk.

"Come inghiottiranno le ultime olive e olio d'oliva che la nostra gente e i nostri alberi hanno prodotto per loro? ”Chiese.

Ma all'improvviso, lo stesso giorno, la disperazione si è trasformata in festa quando gli abitanti del villaggio hanno appreso della decisione del Consiglio di Stato di sospendere il progetto della centrale termica.

Venerdì sera ci sono state celebrazioni a Yırca, a pochi passi da alcuni alberi 6,000 che giacevano a terra in pile. Gli abitanti del villaggio hanno detto che è stato il giorno più importante, più triste e più felice della loro vita.

Dietro il loro sindaco ribelle e con l'aiuto di attivisti e volontari di Greenpeace, gli abitanti del villaggio di Yirca si sono opposti all'ulteriore distruzione del loro sostentamento e stanno già iniziando a ricostruire, piantando questo fine settimana piccoli alberi nel terreno che hanno difeso.

(Foto: Greenpeace Turchia)



Related News

Feedback / suggerimenti