Dopo l'anno record, la produzione tunisina vacilla

I bassi livelli di precipitazioni e le cattive pratiche agronomiche hanno peggiorato ulteriormente quello che ci si aspettava sarebbe un ciclo negativo in Tunisia.
Foto: Cain Burdeau per Olive Oil Times
Ottobre 5, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

Dopo aver registrato un file raccolto da record nel 2019, I produttori tunisini di olio d'oliva si aspettano una resa molto più modesta nel 2020.

Secondo Ajmi Larbi, capo scienziato dell'Istituto delle olive del paese (Instituto L'Olivier), la Tunisia dovrebbe produrre tra 130,000 e 140,000 tonnellate di olio d'oliva quest'anno, in calo rispetto alle 400,000 tonnellate registrate l'anno scorso.

C'è una fluttuazione molto significativa da un anno all'altro dovuta essenzialmente all'elevata resa degli ulivi (nell'anno in corso), ma anche alle condizioni climatiche che sono molto rigide nel nostro paese.- Ajmi Larbi, capo scienziato, Instituto L'Olivier

Larbi ha attribuito il forte calo della produzione a molti produttori che entrano in un periodo di riposo, alla mancanza di piogge e alle cattive pratiche agricole utilizzate da alcuni produttori del paese.

An "anno "e le abbondanti piogge nel 2019 sono state accreditate per il raccolto eccezionale di quell'anno.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

"C'è una fluttuazione molto significativa da un anno all'altro dovuta essenzialmente all'elevata resa degli ulivi [nell'anno in corso], ma anche alle condizioni climatiche che sono molto severe nel nostro paese ", ha detto Larbi in una recente conferenza discutendo dell'imminente Vendemmia 2020.

Larbi ha affermato che la maggior parte delle regioni olivicole della Tunisia ha ricevuto 150 millimetri (5.9 pollici) di pioggia o meno quest'anno, molto al di sotto dei tassi di precipitazione annuali medi compresi tra 250 e 300 millimetri (9.8 e 11.8 pollici).

Il problema delle scarse precipitazioni è anche esacerbato in Tunisia dal fatto che il 95% degli 1.9 milioni di ettari (4.7 milioni di acri) di oliveti del paese non sono irrigati.

Larbi ha anche attribuito la vendemmia tardiva dello scorso anno e le cattive pratiche agronomiche utilizzate dagli agricoltori al rapido calo della produzione.

Vedi anche: Dashboard dei dati di settore

"Negli anni in cui abbiamo buoni raccolti, gli agricoltori continuano a raccogliere fino ad aprile ", ha detto. "[Di conseguenza], gli alberi sono molto impoveriti quando ci vuole così tanto tempo per raccoglierli."

Larbi ha affermato che una migliore istruzione per gli agricoltori, comprese migliori pratiche di potatura e altre tecniche agronomiche, aiuterebbe ad alleviare questo problema e colmare il divario tra gli anni di inizio e fine anno.

Tuttavia, è rimasto ottimista sul futuro della produzione di olio d'oliva tunisino.

"Negli ultimi cinque o sei anni abbiamo piantato più di 100,000 ettari (quasi 250,000 acri), che è una nuova area che entrerà in produzione entro due o tre anni ", ha detto Larbi. "Presto avremo molta più produzione negli anni in cui ci saranno condizioni meteorologiche molto favorevoli ".


Related News

Feedback / suggerimenti