Asia

Gli importatori indiani affrontano incarichi più alti

Gennaio 15, 2015
Di Isabel Putinja

Notizie recenti

Il governo indiano ha aumentato i dazi all'importazione di oli alimentari grezzi e raffinati del 5 percento, rispettivamente al 7.5 e al 15 percento. La notifica dell'aumento è stata emessa il mese scorso dal Consiglio centrale delle accise e delle dogane (CBEC), con l'obiettivo dichiarato di proteggere gli interessi degli agricoltori nazionali e dei trasformatori di petrolio.

Quasi tutto (95 percento) dell'olio d'oliva importato in India proviene dalla Spagna e dall'Italia, mentre un ulteriore 3 proviene dalla Grecia.

Le tariffe più elevate insieme all'aumento dei prezzi dell'olio d'oliva a seguito del scarsa raccolta delle olive in Spagna e in Italia, dipingono un quadro terribile per gli importatori e i consumatori che dovranno affrontare prezzi al dettaglio significativamente più elevati.

"Le previsioni sono complicate ma la nostra prossima spedizione è già quotata allo 18 per cento in più rispetto all'ultima importata due mesi fa", ha riferito Aseem Soni, direttore di Cargill Foods India, proprietario del marchio Leonardo di olio d'oliva, per The Hindu Business Linea di giornale.

Preoccupato per l'aumento del costo dell'olio d'oliva a causa dei devastanti raccolti di olive in Europa, Rajneesh Bhasin, presidente della Indian Olive Association (IOA) e amministratore delegato del marchio di olio d'oliva Borges, ha dichiarato a The Hindu Business Line che l'olio d'oliva non dovrebbe essere soggetto ai dazi all'importazione riveduti: “Chiediamo al Centro di esentare l'olio d'oliva. La logica dell'escursione di servizio era quella di proteggere gli agricoltori indiani. Questo non è rilevante nel caso dell'olio d'oliva in quanto non esiste una produzione locale. "

pubblicità

Il consumo interno di oli vegetali, in particolare olio d'oliva è in aumento in India. Le importazioni di olio vegetale sono aumentate del 12 percento in 2013 - 2014, raggiungendo il livello record di 11.82 milioni di tonnellate.