`Vigilanza Extra Vergine in Australia - Olive Oil Times

Vigilanza extra vergine in Australia

Può. 30, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Il cane da guardia dei consumatori australiano ha multato un produttore locale di olio d'oliva per presunta etichettatura errata e promette ulteriori azioni sugli oli extra vergini di oliva falsi.

L'8 maggio, The Big Olive Company ha pagato due avvisi di violazione per un totale di $ 13,200 ($ 12,900) per l'etichettatura dei prodotti come 'olio extra vergine di oliva "che la Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori ha riscontrato non lo erano.

Anche la compagnia del Sud Australia era nelle notizie di nuovo a febbraio quando un programma televisivo ha affermato che i test hanno mostrato che i suoi oli d'oliva erano scadenti e vecchi.

I test commissionati dall'ACCC hanno rilevato lo scorso dicembre che campioni da un lotto dell'azienda "Oz Olio "aveva un livello di acidi grassi liberi dello 0.9% mentre in vari standard commerciali di olio d'oliva per l'olio extravergine di oliva, compreso quello australiano volontario, il massimo è dello 0.8%.

Un alto contenuto di acidi grassi liberi indica che le olive utilizzate per produrre l'olio erano vecchie, danneggiate o comunque di scarsa qualità e l'olio non era olio extravergine di oliva al momento dell'imbottigliamento, ha affermato l'ACCC in un comunicato stampa.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

"I consumatori dovrebbero essere in grado di fidarsi del fatto che quello che c'è sull'etichetta è quello che c'è nella bottiglia ", ha detto il presidente dell'ACCC Rod Sims.

Standard australiano

L'ACCC ha commissionato test indipendenti su sette oli, quattro importati e tre di produzione nazionale, dopo i reclami dell'Australian Olive Association (AOA) secondo cui molti oli venduti in Australia come olio extravergine di oliva non erano autentici. Gli altri oli testati presentavano livelli di acidi grassi liberi entro limiti accettabili.

L'analisi includeva valore di perossido, assorbanza UV, 1,2-diacilgliceroli, pirofeofitina a, contenuto di stigmastadiene, contenuto di cera, profilo di acidi grassi e steroli ma, secondo il Weekly Times, Sims ha affermato che l'ACCC credeva che solo gli acidi grassi liberi facessero parte del gli standard internazionali e australiani sull'olio d'oliva reggerebbero in tribunale.

"Sims ha affermato che il pubblico dovrebbe accettare lo standard australiano come punto di riferimento prima che l'ACCC possa iniziare i procedimenti giudiziari basati su tale standard, a meno che il governo non abbia adottato la legge standard ", ha riferito, aggiungendo che il CEO dell'Australian Olive Association Lisa Rowntree era "arrabbiato ”l'ACCC non ha utilizzato lo standard volontario australiano come riferimento per il test.

L'ACCC afferma che sta prendendo in considerazione "preoccupazioni più ampie sollevate dall'AOA in merito alle indicazioni relative all'olio extra vergine di oliva e all'uso di altri descrittori dei prodotti a base di olio d'oliva "e lo ha contattato per garantire "maggiore chiarezza nell'etichettatura e che i consumatori siano in grado di prendere decisioni di acquisto informate ".

La sanzione era ai sensi della sezione 29 (1) (a) dell'Australian Consumer Law, che vieta dichiarazioni false o fuorvianti che le merci siano di un particolare standard, qualità, valore, grado o composizione.

The Big Olive Company deve ancora rispondere a una richiesta di commento. Sebbene abbia pagato la multa per violazione, questa non è un'ammissione di violazione della legge australiana sui consumatori.

Un sito immobiliare sta pubblicizzando una proprietà di 1103 ettari di Big Olive, che comprende 100,000 ulivi, a "impianto di lavorazione all'avanguardia ”e tre marchi affermati - come in vendita.

Kailis Organic Olive Farms attirano l'interesse asiatico

Anche sul mercato in Australia sono quattro proprietà rurali dal Kailis oliva biologica fallita Gruppo. Secondo Property Observer, i ricevitori KordaMentha affermano che esiste "forte interesse per le aziende agricole da parte di sindacati locali di individui con un patrimonio netto elevato, super fondi e investitori asiatici ".

Insieme, le quattro proprietà hanno un valore di circa $ 20 milioni (US $ 19.54 milioni) ma possono essere acquistate separatamente, dice.

Raccolta australiana in calo quest'anno

Nel frattempo, Rowntree ha dichiarato separatamente al Weekly Times che il raccolto era in pieno svolgimento negli uliveti dell'Australia meridionale, con i coltivatori che segnalavano rese fino al 60% inferiori rispetto allo scorso anno, ma una buona qualità dell'olio e tassi di estrazione più elevati.



Related News

Feedback / suggerimenti