`Barjol denuncia i recenti casi di frode I paesi mostrano "crollano"

Affari

Barjol denuncia i recenti casi di frode I paesi mostrano "crollano"

Febbraio 21, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Ultimamente l'olio d'oliva ha ricevuto molta cattiva stampa. Grazie all'uscita del libro di Tom Mueller, Extra Virginity: The Sublime and Scandalous World of Olive Oil, le recenti accuse di frode in Italia e Spagna e di olio scadente in Australia, la sua qualità è stata messa in discussione a livello globale.

Olive Oil Times ha chiesto al Consiglio oleicolo internazionale - in quanto organizzazione intergovernativa che riunisce le parti interessate della produzione e del consumo di olio d'oliva e di olive da tavola - cosa sta facendo per prevenire le frodi e proteggere l'immagine dell'olio d'oliva.

Nella sua risposta, il direttore del CIO Jean-Louis Barjol ha iniziato spiegando che mentre il CIO fissa gli standard per il commercio internazionale di prodotti oleicoli, non ha il potere di farli valere. "Tuttavia, il segretariato esecutivo del CIO incoraggia gli Stati membri a fare tutto il possibile per prevenire il commercio fraudolento di prodotti oleicoli ", ha affermato.

Il signor Barjol ha risposto alle domande via e-mail.

Cosa si può fare di più per prevenire le frodi e proteggere i consumatori?

pubblicità

(IOC) Gli Stati membri devono rimanere vigili e si sono impegnati a rispettare gli standard designati (gradi) per gli oli d'oliva e la sansa di oliva (come stabilito nell'accordo internazionale del 2005 sull'olio d'oliva e le olive da tavola) nel loro commercio internazionale, e a incoraggiare anche il loro uso per il commercio interno. Ecco perché il maggior numero possibile di paesi dovrebbe diventare membro del Consiglio oleicolo internazionale.

Quale impatto ha la notizia delle accuse di frode, come in Spagna la scorsa settimana Operazione Lucerna e in Italia alla fine dello scorso anno con i risultati del Indagine Coldiretti- hai sul settore? Lascia un punto interrogativo sulla qualità dell'olio d'oliva in generale?

Non c'è motivo per cui questa situazione debba mettere in discussione la qualità dell'olio d'oliva. Al contrario, mostra che questi paesi si stanno rompendo per garantire il rispetto dei nostri standard, e ciò deve anche dissuadere i commercianti senza scrupoli dal fare soldi con mezzi disonesti e ingiusti.

Per quanto riguarda l'operazione Lucerna (in cui la polizia spagnola ha recentemente smantellato un presunto anello di frode), ciò non ha comportato l'olio d'oliva in quanto tale, ma miscele di palma. olio di avocado e di girasole che veniva venduto come se fosse olio d'oliva e senza IVA.

Cosa sta facendo il CIO per proteggere sia i consumatori che l'immagine del settore dell'olio d'oliva alla luce di tali casi?

Il CIO continuerà a studiare nuovi metodi di analisi e rilevazione delle frodi. Continuerà inoltre a informare i consumatori sulle definizioni di olio d'oliva e incoraggiare i produttori a concentrarsi sulla qualità.

Come sapete, tra gli obiettivi generali del CIO stabiliti nell'accordo internazionale del 2005 sull'olio d'oliva e le olive da tavola sulla standardizzazione del commercio internazionale di olio d'oliva e prodotti correlati vi sono i seguenti:

- Stabilire standard internazionali che consentano:

controllo di qualità del prodotto;
commercio internazionale equo;
commercio internazionale equo;
tutela dei diritti dei consumatori;
prevenzione di pratiche fraudolente.

- agevolare lo studio e l'applicazione di misure per l'armonizzazione delle legislazioni nazionali e internazionali relative, in particolare, alla commercializzazione dell'olio di oliva e delle olive da tavola;

- incoraggiare l'armonizzazione dei criteri per la definizione delle indicazioni geografiche concesse dai membri in vista della loro protezione internazionale;

- Incoraggiare l'espansione del commercio internazionale di olio d'oliva e olive da tavola, elaborando e aggiornando gli standard commerciali dei prodotti e migliorando la qualità.

Va sottolineato, tuttavia, che mentre è vero che stabilisce gli standard internazionali per il commercio estero di prodotti olivicoli, il CIO non ha "esecutivo ”, in altre parole non ha il potere di far rispettare questi standard. Tuttavia, il segretariato esecutivo del CIO incoraggia gli Stati membri a fare tutto il possibile per prevenire il commercio fraudolento di prodotti oleicoli.

Related News