Un uliveto protetto dall'UNESCO situato in Puglia, l'Italia sta ostacolando il progetto proposto TAP (Trans-Adriatic Pipeline) del valore di oltre $ 45 milioni. Questo gasdotto trasporterebbe il gas dall'Asia centrale a milioni di case in varie regioni dell'Unione europea al fine di liberare l'Europa dalla sua dipendenza dalle forniture energetiche russe.

Il piccolo uliveto è noto come la "Piana degli Ulivi" ed è costituito da meno di alberi 250, alcuni dei quali hanno quasi 500 anni e sono considerati monumenti archeologici naturali. A differenza di molti altri monumenti protetti dall'UNESCO, la Piana degli Ulivi è unica in quanto è rimasta produttiva per tutta la sua esistenza ed è ancora produttiva oggi.

Il boschetto si trova appena fuori dalla città di Melendugno e le autorità locali in Puglia e Melendugno stanno minacciando di rivolgersi alla Corte costituzionale italiana se il gasdotto dovesse proseguire. Sostengono di non essere stati consultati dal governo romano prima dell'inizio del progetto e che la legge costituzionale impone che i progetti internazionali di condutture come il TAP richiedano legalmente il consenso regionale.

Altri gruppi che potrebbero essere considerati contrari al progetto dell'oleodotto includono agricoltori e produttori di petrolio nella regione, nonché quelli coinvolti nelle attività agricole e turistiche locali (il TAP attraverserebbe il famoso lungomare di San Foca sulla costa del Salento).

Mentre la pipeline proposta si interseca solo attraverso la Piana degli Ulivi nelle ultime cinque miglia della sua lunghezza totale di 545-miglio, comporterebbe la distruzione dell'oliveto primario e lo spostamento e il reimpianto di altri alberi 10,000 - un accordo mediato tra gli sviluppatori e Autorità romane direttamente.

La gente del posto crede che gli alberi potrebbero non sopravvivere alla mossa e rischiare di contrarsi Xylella fas­tidiosa. All'inizio di quest'anno, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare ha identificato questo ceppo di batteri come particolarmente letale per gli ulivi ed è già stato responsabile della morte di oltre un milione di alberi nella regione. In passato, i piani di eradicazione per il trattamento della malattia comportano la distruzione di tutti gli alberi con 100 metri di qualsiasi pianta colpita dalla malattia.

Il 4 di dicembre, il primo ministro italiano Matteo Renzi ha presentato un referendum per riformare il diritto costituzionale italiano, mettendo direttamente le autorità locali e nazionali in lotta per il potere. Il referendum fu sconfitto da un ampio margine, lasciando Puglia e Melendugno ancora nei loro diritti per impedire al TAP di avanzare ulteriormente.

Ciononostante, il consorzio dietro il gasdotto (comprese le società belghe, spagnole e svizzere) è fiducioso che il gasdotto proseguirà come previsto, con un calendario abbreviato l'unica conseguenza con cui intendono trattare.

Tuttavia, se il progetto non proseguirà entro aprile del prossimo anno, dovrà attendere fino a novembre 2017. Le autorità locali hanno imposto che questa sarebbe la prossima finestra disponibile quando gli ulivi 10,000 entreranno in una fase di crescita lenta, permettendo loro di essere spostati in sicurezza.



Commenti

Altri articoli su: , ,