La misura UE risparmia gli alberi monumentali mentre emergono nuovi casi di Xylella

Nuove misure consentono il reimpianto di alberi nella zona infetta e permettono la conservazione di olivi monumentali incontaminati. Nel frattempo, nuovi casi di piante infette sono apparsi più a nord.

Ottobre 26, 2017
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

L'Unione europea ha approvato nuove misure per la gestione delle aree contaminate da Xylella fastidiosa (Xf). Dopo aver ascoltato le richieste dell'Italia, il Comitato permanente per le piante, gli animali, gli alimenti e i mangimi (Comitato PAFF) durante la sua ultima riunione a Bruxelles ha approvato il testo delle misure di emergenza europee per prevenire la diffusione dei batteri.

Il nuovo piano prevede:

  • La possibilità di ripiantare alberi nell'area infetta, ad eccezione del 20km più settentrionale (12.42mi)
  • Il diritto di non radere al suolo ulivi monumentali incontaminati all'interno di 100m (328ft) di qualsiasi pianta accertata di essere infetta, a condizione che sia protetta dal vettore di sputobug di Xf e regolarmente ispezionata
  • L'opzione di movimentazione libera delle tre varietà di vite Negroamaro, Primitivo e Cabernet Sauvignon (che sono state trovate non sensibili a Xf) dall'area delimitata

Le nuove misure prevedono anche il rafforzamento delle ispezioni dei siti di produzione europei di olivi e altre specie di piante che possono essere colpite da batteri come oleandri e mandorli.
Vedi anche: Articoli su Xylella Fastidiosa
La decisione è stata il risultato del persistente lavoro diplomatico delle ultime settimane a Bruxelles, ha affermato il ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina, che ha aggiunto che le misure di protezione applicate alle importazioni forniranno maggiori garanzie di sicurezza.





L'adozione di nuove regole è avvenuta poco dopo il rilevamento di nuove piante infette nella provincia di Brindisi. Secondo diagnosi dall'Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia, dall'inizio di ottobre il batterio è stato rilevato su quattordici ulivi in ​​prossimità del limite settentrionale della zona cuscinetto: dodici nella zona di Ostuni e altri due a Ceglie Messapica e Casalini, frazione di Cisternino .

Ciò suggerisce che la malattia si è diretta a nord e che la zona cuscinetto dovrebbe essere estesa alla parte meridionale della provincia di Bari.

Secondo Norme UE, "se la presenza dell'organismo specificato è confermata nella zona cuscinetto, la delimitazione della zona infetta e della zona cuscinetto deve essere immediatamente rivista e modificata di conseguenza. "

Inoltre, alcuni ulivi si trovano ad altitudine 300m (984ft) sul livello del mare, che è l'altitudine più alta finora associata alla presenza di Xylella. Questo è uno dei motivi per cui le autorità di vigilanza e gli scienziati stanno spingendo per trovare soluzioni efficaci.





Related News

Feedback / suggerimenti